BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Diretta / Francia-Belgio (risultato finale 3-4): info streaming video e tv, quote, cronaca dell'amichevole. Francia umiliata (7 giugno 2015)

Diretta Francia-Belgio, info streaming video e tv: risultato live e cronaca della partita amichevole, che si gioca domenica 7 giugno 2015 alle ore 21 allo Stade de France di Saint-Denis

Foto InfophotoFoto Infophoto

Si è conclusa con il punteggio di 3-4 l'amichevole internazionale tra Francia e Belgio. Ospiti padroni del campo per gran parte del match, risultato generoso per la Francia, pericolosa solo nel finale con l'ingresso del promettente Ntep. Manovra transalpina lenta e prevedibile, ben contrastata dall'attenta difesa del Belgio, supportata da un centrocampo solido e dal sacrificio degli attaccanti esterni. Nel finale la Francia segna il gol del 2-4 con Fekir, bravo a colpire a battere da distanza ravvicinata Courtois, dopo uno scambio con Ntep, e il 3-4 con Payet, che calcia di interno dal limite dell'area. Il Belgio crolla nel finale e rischia di compromettere una prestazione maiuscolo ma Courtouis salva gli ospiti allo scadere, bloccando il tiro dello scatenato Ntep. 

Il gol del 4-1 siglato da Hazard su rigore spegne tutte le speranze di rimonta francesi. Francia in attacco senza convinzione, con una manovra lenta e prevedibile per l'attenta difesa del Belgio. I diavoli rossi al 62' sfiorano il quinto gol con il nuovo entrato Lukaku, che fa tremare la traversa della porta difesa da Lloris con un bolide scagliato da distanza ravvicinata. Possesso palla difensivo del Belgio, accompagnato dagli olè dei sostenitori ospiti. 

Inizio di secondo tempo vibrante: al 49' il Belgio segna il terzo gol con Nainggolan, con un diagonale di destro dal limite dell'area che trafigge Lloris. Reazione immediata della Francia che conquista un rigore (dubbio) con Giroud, realizzato da Valbuena al 53'. Un minuto dopo rigore per il Belgio, realizzato da Hazard che sancisce l'1-4 per gli ospiti. Ad inizio secondo tempo due cambi per la Francia: dentro Lacazette e Payet, fuori Griezmann e Cabaye, che ha rischiato l'espulsione nel corso del primo tempo.

I padroni di casa non riescono a concludere verso la porta, il Belgio cerca di addormentare la partita con il possesso palla e si rende pericoloso in contropiede al 26' con Benteke, servito da un cross dalla destra di Fellaini: l'attaccante colpisce di testa con forza, centralmente, ma Lloris mostra reattività e riesce a bloccare. Al 42' lampo improvviso del Belgio, avanzata di Lombaerts sulla fascia destra, cross per Fellaini che sfrutta l'immobilità della difesa francese e batte Lloris con un colpo di testa. Pochi minuti prima proteste roventi del Belgio che chiede l'espulsione di Cabaye, che ha atterrato Hazard, lanciato verso la porta. 

Buon inizio della Francia ma al 17', a sorpresa, il Belgio passa in vantaggio. Sugli sviluppi di un calcio d'angolo, respinto di testa dalla difesa francese, la palla giunge al centrocampista della Roma Nainggolan che calcia con forza dal limite dell'area. Una serie di rimpalli favorisce Fellaini che a pochi metri dalla porta spiazza l'incolpevole Lloris. La Francia reagisce e colleziona alcuni corner ma non riesce ad impensierire la porta difesa dall'impeccabile Courtois, sicuro nelle uscite alte. 

Fase di studio iniziale, prevalenza nel possesso palla del Belgio ma Francia pericolosa in contropiede. Al 4' Matuidi se ne va sulla fascia sinistra, mette in mezzo per Giroud che a pochi metri dalla porta, ben contrastato da Lombaerts, mette sul fondo. I transalpini spingono molto sulla fascia sinistra, dove Tremoulinas sta spingendo con continuità. Molto attivo Valbuena, Giroud non si è fatto trovare libero in area, al 10', su un bel passaggio dell'attaccante esterno, ben servito da Sagna. 

Mancano pochi minuti all'inizio dell'amichevole di lusso del Saint-Denis, ecco le formazioni ufficiali. (4-3-3): 1 Lloris; 15 Sagna, 4 Varane, 21 Koscielny, 17 Trémoulinas; 18 M. Sissoko, 6 Cabaye, 14 Matuidi; 11 Griezmann, 9 Giroud, 8 Valbuena. In panchina: 16 Mandanda, 23 Ruffier, 7 Fekir, 22 Gonalons, 2 Jallet, 20 Lacazette, 13 Mangala, 24 Ntep, 12 Payet, 5 Sakho. Allenatore: Didier Deschamps (4-2-3-1): 1 Courtois; 2 Alderweireld, 18 Denayer, 3 Lombaerts, 5 Vertonghen; 6 Witsel, 4 Nainggolan; 14 Mertens, 8 Fellaini, 10 E. Hazard; 9 Benteke. In panchina: 13 J. Gillet, 12 Mignolet, 22 Chadli, 19 Dembelé, 16 Dendoncker, 25 Y. Ferreira, 15 Deschacht, 20 R. Lukaku, 17 Origi, 24 Tielemans, 21 Vanden Borre. Allenatore: Marc Wilmots? 

Il cammino delle due nazionali agli ultimi mondiali disputati in Brasile. La Francia era inserita nel gruppo E assieme ad Honduras, Svizzera ed Ecuador. Nella prima partita contro l'Honduras i transalpini vinsero 3-0: autorete del portiere Valladares e doppietta di Karim Benzema. Poi lo show contro la Svizzera, battuta 2-5 con cinque marcatori diversi ovvero Giroud, Matuidi, Valbuena, Benzema e Moussa Sissoko. Infine lo 0-0 con l'Ecuador, buono per blindare il primo posto nel raggruppamento. Negli ottavi di finale 2-0 alla Nigeria, firmato da Pogba e dall'autogol di Yobo. Nei quarti l'eliminazione ad opera della Germania, poi vincitrice del trofeo: il gol di Hummels nel primo tempo ha condannato i francesi al ritorno in patria. Anche il Belgio si è fermato ai quarti di finale, dopo aver vinto il gruppo H a punteggio pieno. Eden Hazard e compagni hanno cominciato piegando l'Algeria in rimonta, 2-1 con i gol di Fellaini e Mertens nel secondo tempo. Poi l'1-0 sulla Russia firmato dal giovane Divock Origi nei minuti finali. Nel terzo match un altra vittoria col minimo scarto, 0-1 ai danni della Corea del Sud con rete del difensore Vertonghen. Nei quarti il Belgio è dovuto ricorrere ai supplementari per domare gli Stati Uniti: decisivo il gol di Lukaku dopo il botta e risposta De Bruyne-Julian Green. Nei quarti la sconfitta per mano dell'Argentina futura finalista: gol di Higuain all'8' minuto. 

Gli allenatori delle due nazionali sono il francese Didier Deschamps e il belga Marc Wilmots. Il primo è una vecchia conoscenza del calcio italiano avendo lavorato nella Juventus sia da giocatore che da mister. Deschamps approdò alla società bianconera nel 1994, proveniente dal Marsiglia con cui l'anno precedente aveva vinto la Coppa dei Campioni da capitano. I trofei non mancheranno nemmeno a Torino: 3 scudetti, 1 Coppa Italia, 2 Supercoppe Italiane, 1 altra Champions League nel '96 poi la Supercoppa Europea e la Coppa Intercontinentale. Ceduto al Chelsea nel 1999 tornerà alla Juventus nella stagione 2006-2007, nelle vesti di allenatore. E in una delle annate più delicate della storia bianconera, quella in Serie B che tuttavia Deschamps seppe gestire con grande praticità, vincendo il campionato con 94 punti (ridotti ad 85 per le penalizzazioni iniziali). In seguito 'Didì' ha allenato il Marsiglia dal 2009 al 2012, e poi la Nazionale francese subentrando a Laurent Blanc. Marc Wilmots, ct della selezione belga, ha un anno in meno e rispetto al collega transalpino è stato un centrocampista più offensivo. Affermatosi in patria nello Standard Liegi passò ai tedeschi dello Schalke 04 nel 1996, vincendo al primo anno la Coppa UEFA nella doppia finale contro l'Inter. In seguito una stagione in Francia al Bordeaux (2000-2001) ed il ritorno allo Schalke (2001-2003) prima di appendere le scarpette al chiodo. Da allenatore ha guidato proprio il club di Gelsenkirchen nel 2003 poi i belgi del Sint-Truiden (2004-2005), prima di un periodo di pausa in cui si è occupato anche di politica. Dal 2009 al 2012 è stato il vice della nazionale belga assistendo prima l'olandese Dick Advocaat, poi il connazionale Georges Leeskens; nel 2012 la promozione della Federazione ad allenatore in prima. Deschamps ha vinto un mondiale (1998) ed un Europeo (2000) con la Francia, totalizzando in tutto 103 presenze e 6 reti in maglia Bleu; Wilmots dal canto suo ha vestito la casacca della propria nazionale maggiore in 70 occasioni, realizzando 28 gol: è ad oggi il quarto miglior marcatore nella storia del Belgio. 

Le due nazionali si sono sfidate in amichevole anche nell'estate di due anni fa e precisamente il 18 agosto 2013. Al 16' prima grossa occasione per il Belgio: cross basso di De Bruyne dal lato destro e zampata sul primo palo di Romelu Lukaku, di poco fuori. Al 21' ancora Belgio: classica accelerazione di Hazard da posizione laterale, convergenza verso il centro e destro dal limite dell'area bloccato dal portiere Lloris. Alla mezz'ora viva la Francia: spunto di Ribery sulla sinistra, ingresso in area e cross basso sventato in angolo da Courtois. Sugli sviluppi del corner uscita del portiere belga, la palla rimane in area ad Alderweireld respinta di testa la botta sicura di un francese. 36', grande chance per il Belgio: cross di Chadli dal limite destro, respinta di Koscielny sul destro di De Bruyne che però non riesce a trovare la porta da posizione favorevole. Poco prima dell'intervallo si fa vedere ancora Ribery: altra accelerazione sul lato sinistro, cross rasoterra e deviazione in scivolata di Kompany, che tocca in angolo rischiando anche l'autogol. Ripresa: al 49' Hazard per Lukaku che smarca Pocognoli di tacco, il terzino si inserisce bene nel lato sinistro ma conclude alto. Poco dopo (53') bravo Lloris a deviare in angolo un sinistro basso di Lukaku, indirizzato sul primo palo. Al 59' è quasi show: lancio per Chadli che sembra perdere l'attimo poi trova De Bruyne con una finezza, il trequartista del Wolfsburg centra basso per Lukaku che non ci arriva di pochissimo. La Francia risponde al 66': Ribery impazza sulla sinistra e mette al centro, deviazione di Fellaini e palla che arriva a Benzema sul secondo palo, controllo a tiro ma Courtois copre lo specchio e devia in angolo. 73', ancora Belgio: De Bruyne scappa ad Abidal sul lato mancino e mette al centro per Mirallas, che controlla bene ma poi manda in orbita la conclusione ravvicinata. Nei minuti finali gran combinazione tra Giroud e Nasri, deviazione di un difensore e sinistro altissimo dello stesso Giroud da buona posizione. Una bella amichevole termina 0-0.  

Si gioca alle ore 21 di questa sera la partita amichevole internazionale. Lo Stade de France, il tempio nazionale dei Bleus, apre le sue porte a una sfida che conterà anche poco sul piano della posta in palio ma è certamente di grande valore, perchè mette di fronte due squadre che meno di un anno fa sono state capaci di raggiungere i quarti del Mondiale e che molto probabilmente ritroveremo protagoniste all’Europeo dell’estate 2016. Certamente la Francia, che è Paese ospitante; il Belgio è sulla buona strada. Francia che, non giocando le qualificazioni, è impegnata in amichevoli di lusso per non presentarsi impreparata ad un appuntamento che ha segnato in rosso sul calendario; il Mondiale in Brasile era quasi una tappa intermedia, il vero obiettivo è l’Europeo in casa e i Bleus sperano di arrivarci con una squadra che si possa giocare la vittoria di un titolo che ha già portato a casa nel 1984 e nel 2000. Questa sera però si presenta a ranghi ridotti: non ci sono Benzema e Gignac, sono ovviamente assenti Pogba ed Evra che hanno giocato la finale di Champions League ieri sera. Sarà una nazionale comunque di grande talento, con giocatori come Kondogbia, Lacazette, Fer e l’unico volto nuovo selezionato da Didier Deschamps, l’ala del Rennes Paul-Georges Ntep. Il Belgio invece è quasi al completo; i Diavoli Rossi sono impegnati nel girone B di qualificazione e sono già in testa, con gli stesso punti del Galles e due in più di Israele. Si qualificano le prime due e la migliore terza, almeno direttamente; difficile che questo Belgio possa rimanere fuori, anche se certamente dovrà darsi da fare per costruire una squadra più solida e concreta rispetto ad un Mondiale nel quale ha giocato ad alti livelli ma è stato incapace di creare reali palle gol nel quarto contro l’Argentina. Il precedente più famoso tra Francia e Belgio riguarda la finale per il terzo posto al Mondiale 1986: fu una partita spettacolare che si risolse ai tempi supplementari, 4-2 con la Francia che segnò con Ferrari, Papin, Genghini e Amoros su calcio di rigore, mentre per il Belgio andarono a rete Ceulemans e Claesen. Vedremo come finirà questa sera allo Stade de France: come detto conta poco, ma l’agonismo in campo sarà intatto.

La diretta tv di Francia-Belgio sarà trasmessa da Sky SuperCalcio (numero 205) e Sky Calcio 1 (numero 251) sui canali del satellite; tutti gli abbonati potranno anche assistere alla partita amichevole in diretta streaming video, senza costi aggiuntivi e semplicemente attivando su PC, tablet e smartphone l’applicazione Sky Go. Poi ci sono i profili ufficiali delle due nazionali in campo oggi, li trovate sui social network e in particolare su Facebook e Twitter: per la Francia le pagine sono facebook.com/fff e , per il Belgio ci sono invece facebook.com/belgianfootball e @Belgianfootball. Infine, diamo uno sguardo alle quote Snai per l’amichevole internazionale Francia-Belgio: la vittoria della Francia (segno 1) è quotata 1,90 mentre la vittoria del Belgio (segno 2) è quotata 3,95. Il pareggio (segno X) vale invece 3,40 volte la somma che deciderete di giocare.