BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

PROBABILI FORMAZIONI / Cile-Argentina: quote, le ultime novità. Gli assenti (oggi sabato 4 luglio, finale Coppa America 2015)

Probabili formazioni Cile-Argentina: le quote e le ultime novità sulla finale di Coppa America 2015. Si gioca questa sera alle ore 22 italiane presso l'Estadio Nacional del Chile, a Santiago

Foto InfophotoFoto Infophoto

Nella finale di Coppa America 2015 sono due i calciatori assenti, che purtroppo non potranno partecipare alla sfida per il titolo. Nel Cile è assente Gonzalo Jara, difensore del Mainz, che nel quarto contro l’Uruguay aveva provocato verbalmente e fisicamente Edinson Cavani: la Conmebol gli ha inflitto tre giornate di squalifica e Sampaoli ha dovuto cambiare modulo passando alla difesa a 4. L’Argentina deve invece rinunciare a Mariano Andujar: il portiere del Napoli, che era il secondo di Romero, si è fratturato la mano in allenamento e Gerardo Martino lo ha sostituito con Augustin Marchesin, ventisettenne portiere del Santos Laguna (squadra messicana) che si aggiunge al già citato Romero e a Nahuel Guzman, estremo difensore del Tigres.

Le due formazioni in campo questa sera per la finale di Coppa America 2015 sono sostanzialmente decise. Anzi: possiamo spingerci a dire che nell’Argentina non ci sia nessun ballottaggio aperto, il Tata Martino si è sempre fidato dei suoi undici e saranno loro a partire titolari, a meno di qualche problema dell’ultima ora. Anche la formazione del Cile è fatta, ma con un dubbio: la squalifica di Jara ha fatto decidere Sampaoli per la difesa a 4, l’esperto José Manuel Rojas ha giocato la semifinale ed è quindi favorito per iniziare la partita sulla corsia sinistra, l’alternativa è Eugenio Mena (gioca nel Cruzeiro) che però nelle previsioni parte indietro e dunque dovrebbe essere soltanto in panchina.

Si gioca questa sera alle ore 22 la finale di Coppa America 2015. Le due squadre sono arrivate qui con pieno merito: il Cile ha certamente sfruttato il fatto di giocare in casa ma ha una nazionale tra le più forti della sua storia e, salvo il 3-3 contro il Messico, ha sempre vinto. L’Argentina ha iniziato a rilento, non ha mai convinto sul piano del gioco ma in semifinale ha espresso tutta la sua potenza e qualità demolendo il Paraguay. Le due squadre non si incrociano in Coppa America dal 1997; l’Argentina ha 14 titoli in Coppa America, mentre il Cile non ha mai vinto. All’Estadio Nacional del Chile arbitra il colombiano Wilmar Roldan; andiamo allora a dare uno sguardo più approfondito alle probabili formazioni di Cile-Argentina.

La partita in tv della finale Cile-Argentina, in programma alle ore 22 della serata italiana, sarà trasmessa da Gazzetta Tv, canale che trovate al numero 59 del vostro televisore.

Le quote Snai per la finale di Coppa America 2015 Cile-Argentina (ore 22 italiane) ci forniscono le seguenti informazioni: segno 1 (vittoria Cile) a 3,50; segno X (pareggio) a 3,30; segno 2 (vittoria Argentina) a 2,10.

Jorge Sampaoli deve fare a meno, come sappiamo, di Gonzalo Jara che è stato squalificato a seguito delle provocazioni a Edinson Cavani; nella semifinale contro il Perù lo ha sostituito con Rojas, che è andato a giocare sulla fascia sinistra di difesa. Questo dovrebbe essere il progetto anche per la finale, dunque con Rojas che è favorito su Mena per il ruolo di esterno basso e la conferma della coppia centrale Medel-Albornoz, mentre sulla destra agirà Isla che era partito a centrocampo vista la difesa a tre iniziale. A centrocampo non cambia nulla: Marcelo Diaz è il metronomo della squadra e dovrà preoccuparsi di ricevere palla dalla difesa per impostare, è di fatto il vertice basso di un centrocampo a rombo che in Albornoz e Arturo Vidal due straordinari incursori che dunque hanno anche il compito di aumentare la pericolosità offensiva della squadra. Il vertice alto del rombo è naturalmente il Mago Valdivia, giocatore che non ha mai convinto nelle squadre di club ma con la Roja ha sempre portato la sua genialità e la visione di gioco; davanti a lui si muovono Alexis Sanchez e Edu Vargas, attaccanti rapidi e che possono allargare la loro posizione così da favorire gli inserimenti dal centrocampo. Dalla panchina per aumentare il peso offensivo ci sono Beausejour e Pinilla, mentre per ragionare e controllare il possesso Sampaoli si può affidare a David Pizarro. 

Anche Gerardo Martino non cambia il suo schieramento, anche perchè sarebbe difficile farlo dopo una prestazione come quella offerta contro il Paraguay. I tre diffidati sono riusciti a non farsi ammonire, dunque davanti a Sergio Romero ci sono Zabaleta e Marcos Rojo come esterni e Garay che guida il reparto dal centro facendo coppia con Otamendi. A centrocampo poggia tutto sulla sapienza tattica e il savoir faire di Javier Mascherano, che di questa Seleccion è il vero leader in spogliatoio ed è anche il metronomo del gioco; ai suoi lati comunque due giocatori diversi ma utilissimi, Lucas Biglia che gli dà una mano nell’impostazione e Pastore, che con i suoi movimenti è una mezzala tattica di grande valore e importanza, come si è visto ampiamente nella semifinale contro il Paraguay. Davanti un tridente da sogno: Leo Messi si defila dalla destra e assiste i compagni, in questa Coppa America ha segnato solo all’esordio su rigore ma in semifinale ha propiziato cinque dei sei gol dell’Argentina, dimostrando una crescita anche mentale. In mezzo gioca Sergio Aguero, tre gol nel torneo; a sinistra Angel Di Maria, e dalla panchina possono alzarsi giocatori come Gonzalo Higuain e Ezequiel Lavezzi che sarebbero titolari in tutte le altre nazionali che hanno partecipato alla Coppa America. Niente male davvero…