BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FLOYD MAYWEATHER/ Revocato il Mondiale Wbo vinto contro Pacquiao: ecco perché

Pubblicazione:

Un manifesto della sfida  Un manifesto della sfida

FLOYD MAYWEATHER NEWS: REVOCATO IL MONDIALE WELTER WBO – Il 'match del secolo' degradato ad 'amichevole' (anche se ricchissima). La notizia è clamorosa: la Wbo ha revocato il titolo mondiale dei pesi welter a Floyd Mayweather, che l'aveva vinto nell'attesissimo match del 2 maggio scorso contro Manny Pacquiao. La spiegazione è molto semplice a termine di regolamento: venerdì scorso infatti era la data ultima nella quale il pugile statunitense poteva rinunciare alla corona dei superwelter Wba, condizione irrinunciabile per la Wbo le cui regole prevedono che un pugile non può detenere un titolo mondiale in più classi di peso. Quando questo accade, di solito l'iridato ha dieci giorni di tempo per decidere in quale classe di peso vuole continuare a gareggiare, conservando quindi il titolo, mentre l'altro diventa vacante. Per Mayweather era già stata fatta un'eccezione non da poco, concedendogli ben due mesi per decidere cosa fare. Due mesi che sono scaduti il 2 luglio, eppure l'americano non ha dato seguito alle sue parole con le quali aveva annunciato che avrebbe rinunciato al titolo dei superwelter. Così non è stato, dunque è proprio il titolo vinto contro Pacquiao a dover essere cancellato: “La WBO - si legge nella risoluzione del suo comitato esecutivo - non ha avuto altra scelta. La WBO ha massimo rispetto per Floyd Mayweather e per tutti i risultati raggiunti nel corso della sua carriera. Ma Mayweather si è sempre affermato d’accordo e consapevole per quel che riguarda le regole a cui un campione della WBO deve attenersi”. Ora il campione ha 14 giorni per fare ricorso, che però non ha di fatto speranze di essere accolto (ammesso che venga presentato), visto che il regolamento non lascia dubbi. Dubitiamo inoltre che dopo avere fatto passare inutilmente due mesi Mayweather si muova proprio adesso, anche perché la borsa resta intatta. Viene infatti revocato solo il titolo mondiale, non i 200 milioni portati a casa dopo un match tutt’altro che avvincente che restano a Mayweather e che erano certamente il motivo principale del (presunto) match del secolo...



© Riproduzione Riservata.