BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni / Inter, Trofeo Tim 2015: Inter-Milan e Inter-Sassuolo, le ultime novità. Kondogbia e Kovacic osservati speciali (12 agosto)

Probabili formazioni Inter, Trofeo TIM 2015 con Milan e Sassuolo: le ultime novità, i nerazzurri sono impegnati al Mapei Stadium di Reggio Emilia nel tradizionale triangolare estivo

Foto Infophoto Foto Infophoto

Questa sera per quanto riguarda l'Inter c'è grande attesa per i due nomi più attesi del centrocampo nerazzurro, Geoffrey Kondogbia e Mateo Kovacic. Il francese è il grande acquisto dell'estate, pagato oltre 30 milioni per soffiarlo proprio al Milan che affronterà stasera, mentre il croato è atteso alla svolta definitiva di una carriera che deve decollare visto il talento che Kovacic possiede. Si parla già di K2 ma i due devono ancora migliorare l'intesa: giocare insieme è fondamentale, oggi per loro sarà un'occasione importante visto che le precedenti amichevoli non sempre hanno lasciato impressioni positive.

C'è grande interesse nel capire come crescerà il reparto difensivo a disposizione di Roberto Mancini. Dietro infatti sono stati al momento cambiati tre quinti del reparto con Handanovic unico reduce dalla scorsa stagione e un terzino sinistro che dovrebbe ancora arrivare. Al centro la nuova coppia formata da Miranda e Murillo offre solidità e garanzie, ma deve ancora crescere insieme. Sulla destra invece Martin Montoya diventerà il padrone della fascia. Attenzione poi a quei giocatori dati come partenti che sperando di potersi guadagnare ancora una chance in nerazzurri ce la metteranno tutta. Al momento Andreolli, Juan Jesus e Ranocchia vengono visti come possibili partenti, ma non partiranno tutti e tre anche perchè altrimenti bisognerà fare altri colpi in entrata nel reparto. Attenzione alle evoluzioni dietro perchè questi calciatori potrebbero tornare molto utili. Vidic è fuori per infortunio e rimarrà in rosa, ma lo rivedremo, se Mancini vorrà, solo nel 2016.

C'è grande attesa per vedere in campo l'ultimo acquisto nerazzurro Stevan Jovetic, già protagonista con due reti nelle sue prime due in maglia nerazzurra. Il calciatore è tornato in Italia dopo un passaggio di due anni in Inghilterra con il Manchester City. Attaccante di spessore tecnico ha guadagnato in Premier League, nonostante un'esperienza da dimenticare, quei chili in più che gli mancavano negli anni alla Fiorentina. Giocatore abile e di grande rapidità in una partita estiva potrebbe iniziare a trovarsi al centro del progetto di Roberto Mancini. Le due mini-gare del Trofeo Tim potrebbero essere il modo giusto per avere spazio. Il calciatore ha infatti bisogno di giocare per crescere fisicamente e migliorarsi nei moduli del tecnico di Jesolo. Attenzione alla rapidità del gioco, questo potrebbe essere un fattore davvero importante per la crescita del calciatore montenegrino.

Al Mapei Stadium di Reggio Emilia va in scena il tradizionale appuntamento con il triangolare di agosto. Il Trofeo TIM si gioca con partite sulla distanza dei 45 minuti, un gironcino all’italiana con la squadra che ha fatto più punti che si aggiudica il torneo; solo calcio d’agosto, ma comunque un test molto interessante per i nerazzurri che sono tornati a vincere in amichevole (contro l’Athletic Bilbao) dopo una serie di partite negative senza segnare gol. Vediamo allora quali possano essere le probabili formazioni dell’Inter per le due partite del Trofeo TIM. 

Il Trofeo TIM 2015 è un appuntamento oramai fisso per tutti gli italiani appassionati di calcio e come da tradizione Inter, Milan e Sassuolo sarnno visibili in televisione su Canale 5, dunque in chiaro per tutti senza alcun costo aggiuntivo. 

Roberto Mancini ovviamente manderà in campo due formazioni completamente diverse per i due mini-appuntamenti. Le scelte definitive arriveranno soltanto a pochi minuti dall’inizio in campo, ma potremmo ipotizzare una squadra più o meno titolare e l’altra che invece sarà formata più che altro da seconde linee. Nella prima gara contro il Milan, nella riedizione del derby in terra cinese di qualche settimana fa, Handanovic in porta, Montoya e Santon sulle corsie con Ranocchia a fare coppia centrale con Joao Miranda; vengono “separati” il brasiliano e Murillo, almeno per il momento. A centrocampo spazio a Gnoukouri che per il momento Mancini considera alla stregua di un titolare, e che manderà in campo con Gary Medel a giocare davanti alla difesa e uno tra Brozovic e Kondogbia a completare la mediana. Attacco con Hernanes a giostrare da trequartista, insieme a Mauro Icardi ci sarà Jovetic che sta crescendo e salendo di colpi, integrandosi negli schemi dell’Inter. Idee chiare per Mancini che vuole dunque testare i migliori contro la squadra migliore del torneo, in modo da prepararsi al meglio per questo prossimo inizio di campionato: di contro troverà un Milan con le medesima ambizioni e volontà di sperimentare le nuove tattiche e i nuovi acquisti. Non dovrebbe esserci subito Romagnoli, mentre il trio davanti sarà quello probabile di inizio stagione, a meno del clamoroso arrivo di Ibra, dunque con Bonaventura alle spalle di Luiz Adriano e Carlos Bacca.

La seconda formazione invece dei neroazzurri, contro il Sassuolo di Eusebio Di Francesco, vedrà in porta Carrizo, sulle corsie laterali D'Ambrosio e molto probabilmente Juan Jesus che giocherà come terzino sinistro a conferma delle scelte di Mancini di questi giorni; centrali saranno Andreolli e Murillo. In mediana Kondogbia, perchè il suo allenatore lo sta provando principalmente da regista; insieme a lui giocheranno allora Kovacic e Guarin, le due mezzali che in questo momento fanno da alternativa ai titolari. Kovacic potrebbe anche essere impiegato alle spalle delle punte, ma è più probabile che Mancini se la voglia giocare con un tridente formato da Palacio a supporto di Jovetic e Icardi, per studiare al meglio l’equilibrio di una formazione che sarebbe decisamente a trazione offensiva. Il Sassuolo sarà riposato e schiererà la formazione migliore possibile per testare le proprie forze in vista della Serie A che sta per cominciare, e inoltre vuole mantenre positiva la scia di vittorie contro i neroazzurri dopo due anni passati a prendere solo gol a grappoli.