BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

KYRGIOS-WAWRINKA/ Video news, lite e parole grosse: Kokkinakis è stato con la tua ragazza (Tennis, ATP Montréal 2015)

Pubblicazione:

Nick Kyrgios, 20 anni (Infophoto)  Nick Kyrgios, 20 anni (Infophoto)

VIDEO NICK KYRGIOS-STAN WAWRINKA, PAROLE GROSSE IN CAMPO (TENNIS ATP MONTREAL 2015) - Era la seconda volta che Stan Wawrinka e Nick Kyrgios si incrociavano in campo: la prima era andata in scena poche settimane fa sull’erba del Queen’s, e lo svizzero si era imposto in due set. Qualche avvisaglia del fatto che il giovane australiano (classe ’95) non fosse troppo simpatico si erano già avute, ma ieri nel corso del secondo turno della Coupe Rogers a Montréal (torneo Master 1000) la tensione è esplosa alla grande. Per dovere di cronaca, Kyrgios ha vinto per ritiro dell’avversario: 6-7 6-3 4-0 prima che Wawrinka si arrendesse a un problema fisico.

Ma è la notizia marginale: quanto accaduto nel secondo set rischia di rimanere negli annali della storia del tennis. Intendiamoci: niente che John McEnroe, Jimmy Connors o Pancho Segura non abbiano mai fatto ai tempi (anzi: c’è anche di peggio). Considerati i tempi però, quelli in cui televisioni e social network impongono di stare più attenti, certe cose si vedono sempre meno spesso. Ricapitoliamo: Kyrgios scaglia a terra la racchetta su una chiamata sbagliata e “minaccia” l’arbitro, imponendogli di cambiare il giudice di sedia. Risultato, un’ammonizione. Poi iniziano i disguidi con Wawrinka: lo svizzero si lamenta apertamente che il suo avversario serve troppo in fretta, senza aspettare che i raccatapalle siano in posizione. Kyrgios si ferma, serve e fa il punto. Ed è a quel punto che si lascia andare a una frase diventata virale dal secondo successivo: “Kokkinakis si è ….. la tua ragazza. Mi spiace dirtelo”.

Kokkinakis, che di nome fa Thanasi, è l’altro grande astro nascente del tennis d’Australia: un anno più giovane di Kyrgios, non ha ancora raggiunto i suoi risultati ma insieme al connazionale ha vinto il doppio a Wimbledon juniores. Sta di fatto che Wawrinka non sente, o fa finta di non sentire (scegliamo la prima); la televisione però coglie in pieno, tanto che a fine match - non prima che lo svizzero abbia provato a centrarlo sotto rete, rispondendo a una palla corta - Kyrgios si deve giustificare: “Ero nel furore agonistico, non posso negare di averlo detto. C’è stata animosità tra di noi, ma finora ci eravamo sempre tenuti nel consentito”. Wawrinka, da gran signore, nel momento del ritiro ha stretto la mano e fatto i complimenti all’avversario, ma in conferenza stampa ha sputato veleno: “Non è la prima volta, succede sempre qualcosa quando Kyrgios è in campo. E’ ora che l’ATP prenda provvedimenti”. A cominciare da oggi, quando Kyrgios sfiderà John Isner negli ottavi della Coupe Rogers, l’australiano sarà un osservato speciale. (Claudio Franceschini)

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER IL VIDEO DELLA LITE TRA KYRGIOS E WAWRINKA ALLA COUPE ROGERS 2015


  PAG. SUCC. >