BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Vuelta 2015/ Ancora Froome o sarà la rivincita di Nibali? Aru possibile terzo incomodo (esclusiva)

Pubblicazione:sabato 22 agosto 2015

Chris Froome alla Vuelta (Infophoto) Chris Froome alla Vuelta (Infophoto)

VUELTA 2015: LA PRESENTAZIONE (ESCLUSIVA) – Parte oggi la Vuelta a Espana 2015, la terza grande corsa a tappe per importanza, l'ultima dell'anno solare. Si partirà da Puerto Banus per la settantesima edizione del Giro di Spagna che si concluderà a Madrid domenica 13 settembre. L'edizione 2015 sarà composta da 21 tappe, percorso di 3.357 chilometri, 22 squadre e 198 ciclisti. Due le cronometro: oggi la cronosquadre di 7,4 chilometri, poi un'altra a Burgos di 38,7 chilometri alla diciassettesima tappa. Sei tappe di pianura adatte ai velocisti, mentre sono 13 le tappe di media-alta montagna con 9 arrivi in salita, tutti inediti. Il motivo? Festeggiare gli 80 anni e le 70 edizioni della Vuelta, che non è stata disputata per dieci volte. Una Vuelta aperta ai grandi protagonisti del Tour, come Chris Froome che cercherà di ribadire la sua leadership nelle corse a tappe nel 2015 e il colombiano Nairo Quintana, suo principale sfidante in Francia. Poi Alejandro Valverde già terzo al Tour, mentre non ci sarà Alberto Contador, vincitore nel 2014. Il cast è comunque di altissimo livello con Joaquim Rodriguez, Daniel Martin, Geraint Thomas e Tejay Van Garderen. Soprattutto vedremo cosa saprà fare Van Garderen dopo la delusione del Tour, dove si stava comportando benissimo prima del ritiro. Vedremo anche se Peter Sagan riuscirà a essere più fortunato del Tour dove non aveva neanche vinto una tappa. Vedremo se John Degenkolb sarà il re dei velocisti, magari impensierito dal francese Nacer Bouhanni. Tutto questo per tacere degli italiani. L'attesa è grande: noi contiamo di vedere un Vincenzo Nibali rigenerato dopo il Tour non eccezionale ma chiuso in crescendo. In fondo potrebbe essere proprio il corridore siciliano la sorpresa della Vuelta, magari capace di contrastare fino in fondo Froome e Quintana, con Fabio Aru che dopo il bel Giro d'Italia potrebbe essere in grado di disputare una grande corsa, affiancando alla pari il suo capitano insieme al quale non correva dalla Corsa Rosa dell'ormai lontano 2013. I corridori di casa nostra impegnati nella corsa spagnola saranno una buona pattuglia con atleti del calibro di Alessandro De Marchi, Dario Cataldo, Giovanni Visconti, Domenico Pozzovivo e Daniele Bennati. Potremo concederci magari anche qualche successo prestigioso, mentre per il successo finale sarà importante interpretare al meglio anche la tattica di corsa, vedere se la Movistar di Quintana e Valverde saprà controbattere al Team Sky e cosa faranno Nibali e Aru con l'Astana. La coppia italiana dovrà trovare una strategia ideale per mettere in difficoltà il Froome scatenato di questa stagione. Le condizioni atmosferiche poi non saranno quelle del Tour, ma in Spagna comunque farà caldo. Se Froome confermasse lo strapotere del Tour, sarebbe senza dubbio il numero 1 di questo 2015 della bicicletta.


  PAG. SUCC. >