BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Diretta / Vuelta 2015 Alhaurin de la Torre-Caminito del Rey: la classifica. Tappa e maglia per Chaves (info streaming video Eurosport, 23 agosto)

Diretta Vuelta 2015 2a tappa info streaming video e tv Alhaurin de la Torre-Caminito del Rey (158,7 km): il percorso e la classifica, è il primo arrivo in salita (oggi domenica 23 agosto)

Infophoto Infophoto

Con la prima "vera" tappa andata in scena oggi alla Vuelta 2015, la prima maglia rossa va indosso al vincitore di tappa Chaves della Orica Greene Edge. Si è assistito ai primi tempi che valgono per la classifica di questo grande corsa a tappe di ciclismo della Spagna, dove ha appunto vinto Johan Esteban Chaves che si è imposto alla grande nella frazione da Alhaurin de la Torre a Caminito del Rey/Alto de la Mesa davanti a Tom Dumoulin e che dunque regalano i conseguenti primi due posti in classifica generale, distanziati da soli 5". Al terzo posto si fissa Nicolas Roche del Team Sky a 15 secondi di distanza, mentre a 24 si piazza Daniel Martin. Gli uomini di classifica che probabilmente si contenderanno la Vuelta sono tutti nelle prime 10 posizioni: Purito Rodriguez è quinto a 36", stesso tempo anche per Quintana della Movistar, il grande favorito. Settimo invece è il vincitore del Tour de France Chris Froome a 40 secondi di distanza da Chaves, subito dietro Valverde a 41", stesso tempo per Moreno del Team Katusha. I nostri colori per fortuna sono difesi da un buon Fabio Aru decimo a 47" secondi dalla testa della classifica: ma comunque la Vuelta è appena cominciata.

Diretta Vuelta 2015. Vincenzo Nibali, aiutato dai compagni di squadra, riesce a riportarsi sul gruppo di testa a dieci chilometri dall'arrivo, a pochi chilometri dall'inizio della salita conclusiva. Daniel Martin (Team Cannondale - Garmin), Fabio Aru (Astana Pro Team) e Esteban Chaves (Orica GreenEDGE), scortati dai compagni di squadra Moreno Moser, Luis Leon Sanchez Gil (Astana Pro Team) e Christian Meier , si portano nelle prime posizioni, preannunciando un attacco sulla dura erta finale, che presenta tratti al 15%. Il primo a scattare è Cyril Gautier (Team Europcar), a 3,8 km dall'arrivo, Nibali non è presente tra gli uomini di testa. A 2 km dall'arrivo attacca Tom Dumoulin (Team Giant - Alpecin), seguito da  Louis Meintjes (MTN - Qhubeka),  Nicolas Roche (Team Sky) e Nairo Quintana (Movistar Team). Il gruppetto viene ripreso anche da Pierre Rolland (Team Europcar), Nairo Quintana (Movistar Team) scatta nuovamente, seguito da Esteban Chaves che si riporta sul gruppo dei migliori. A 1 km dall'arrivo comandano il gruppo Chaves e Dumoulin (Team Giant - Alpecin), seguiti da Nicolas Roche (Team Sky) che scatta ma dopo poco si stacca dai due attaccanti. Chaves rilancia l'andatura e batte sul traguardo Dumoulin, aggiudicandosi tappa e maglia rossa. Froome giunge sesto, settimo a un secondo dal britannico arriva Valverde, Aru e Nibali giungono attardati sul traguardo.  

Diretta Vuelta 2015. Maxi-caduta nella seconda tappa del Giro di Spagna 2015 Alhaurin De La Torre-Caminito del Rey (158,7 km), che potrebbe influire sulla classifica generale. Coinvolto nella caduta Vincenzo Nibali dell'Astana, uno dei favoriti per la vittoria finale, che a 15 km dall'arrivo ha un ritardo di 1'30'' sul gruppo principale, condotto dalla Movistar, squadra di Valverde, grande favorito nella tappa odierna. Conseguenze per Przemyslav Niemec, corridore della Lampre Merida che faceva parte del gruppo dei fuggitivi della prima ora, costretto al ritiro. Nibali, ben guidato dai compagni di squadra, sta recuperando lo svantaggio e potrebbe tornare a breve nel gruppo principale. 

Diretta Vuelta 2015. Il vantaggio del gruppo composto dai 6 fuggitivi, nella seconda tappa del Giro di Spagna 2015 Alhaurin De La Torre-Caminito del Rey (158,7 km), si è stabilizzo attorno ai 3 minuti sul gruppo della maglia rossa, tirato dalla Movistar di Valverde, uno dei favoriti per la vittoria di tappa. A 96 km dall'arrivo si è registrata una caduta, senza particolari conseguenze, all'interno del gruppo che ha coinvolto gli statunitensi Andrew Talansky e Alex Howes (Team Cannondale-Garmin), il belga Zico Waeytens (Team Giant-Alpecin) e l'australiano David Tanner (IAM Cycling). Il vantaggio dei fuggitivi, a causa dell'azione della Movistar, scende a 2'50'' a 68 km dall'arrivo. 

Diretta Vuelta 2015. Continua il tentativo dei sei fuggitivi in questa prima fase della seconda tappa del Giro di Spagna 2015, Alhaurin De La Torre-Caminito del Rey (158.7 km). A 124 km dall'arrivo, il gruppetto ha un vantaggio superiore ai 3 minuti rispetto al gruppo della maglia rossa. Il gruppo dei fuggitivi è composto dagli italiani Davide Villella (Team Cannondale-Garmin) e Matteo Montaguti (AG2R La Mondiale), dall'olandese Bert-Jan Lindeman (Team Lotto NL-Jumbo), dal polacco Prezemyslaw Niemiec (Lampre-Merida), dal portoghese Jose Isidro Maciel Goncalves (Caja Rural-Seguros RGA) e dal colombiano Fernando Pedraza Moralez (Team Colombia). Nel gruppo della maglia rossa attiva la Movistar di Valverde che sta tirando con l'obiettivo di ridurre il vantaggio dei fuggitivi, assestato attorno ai 3 minuti. Il velocista Matteo Pelucchi della Iam Cycling è stato costretto al ritiro da problemi fisici. 

Diretta Vuelta 2015. Mancano 130 km all'arrivo nella seconda tappa del Giro di Spagna 2015, Alhaurin De La Torre-Caminito del Rey, di 158,7 km. Come facilmente prevedibile, un gruppetto di corridori è riuscito ad avvantaggiarsi rispetto al gruppo della maglia rossa: fanno parte del gruppetto, tra gli altri, Przemyslaw Niemiec (Lampre-Merida), potenziale uomo di classifica, e gli italiani Matteo Montaguti (AG2R La Mondiale) e Davide Vilella (Team Cannondale-Garmin). Il gruppetto è riuscito a costruire, in pochi chilometri, un vantaggio importante (2'15'') e la Movistar Team (squadra di Alejandro Valverde, uno dei favoriti della vigilia), si è portata al comando con l'obiettivo di tenere il distacco sotto controllo. 

Diretta Vuelta 2015. E' appena iniziata la seconda tappa del Giro di Spagna 2015, Alhaurin De La Torre-Caminito del Rey, prima tappa in linea dell'edizione 2015, dopo la cronosquadre di ieri, vinta dalla Bmc. La tappa di oggi, ricca di saliscendi e con un arrivo in salita (4,7 km al 6,6%), è particolarmente appetita dai cacciatori di tappe e con ogni probabilità un gruppetto di corridori tenterà di portare via la fuga. Sin dai primi chilometri si sono registrati molti scatti in testa al plotone ma il gruppo, almeno per ora, non ha lasciato spazio. Problema meccanico per Joaquim Rodriguez (Team Katusha), uno dei favoriti per la vittoria finale, ma lo spagnolo, aiutato dai compagni di squadra, riesce immediatamente a rientrare in gruppo. 

Diretta Vuelta 2015. Andiamo a scoprire più da vicino la figura di Peter Velits, la prima maglia rossa della Vuelta a Espana 2015. Il corridore slovacco, 30 anni, corre nella BMC dallo scorso anno; con questo team ha vinto i Mondiali di Ponferrada nella cronosquadre, ma il suo nome compare anche nel team della Omega Pharma-Quickstep che ha fatto il bis a Valkenburg 2012 e Firenze 2013, ed è quindi chiaro il contributo di Velits in questi successi. Lo slovacco nel 2007 si era laureato campione del mondo della prova in linea Under 23 (a Stoccarda) e già nel 2010 aveva colto un fantastico terzo posto alla Vuelta - alle spalle di Vincenzo Nibali e Ezequiel Mosquera - vincendo la diciassettesima tappa, la cronometro di Penafiel; dopo la squalifica di Mosquera è passato al secondo posto della classifica generale. 

Diretta Vuelta 2015. La prima maglia rossa della Vuelta è finita sulla spalla di Peter Velits. Questi l'ha conquistata alla fine della crono a squadre inaugurale che si estendeva da Puerto Banus a Marbella per un totale di 7.5 chilometri. Beffato Peter Sagan della Tinkoff-Saxo per appena un secondo. Ricordiamo che la Bmc di Velits è campione del mondo in carica e che nel team c'è anche l'italiano Alessandro De Marchi. La tappa di oggi sarà trasmessa in diretta tv dall'emittente Eurosport sia su Mediaset Premium sul digitare che sul satellite sul box di Sky.

Diretta Vuelta 2015. La seconda tappa della Vuelta a Espana 2015 ha il suo traguardo a Caminito del Rey, vicino a Malaga (in Andalusia); lo scorso anno invece la seconda tappa della corsa spagnola si era conclusa a San Fernando, sempre in Andalusia ma circa 200 Km a SudOvest, sulla costa. Si era trattato di una tappa di 174,4 Km, dunque 16 Km più lunga di quella odierna; la vittoria era andata a Nacer Bouhanni che in volata si era imposto su John Degenkolb e sul nostro Roberto Ferrari. La maglia rossa aveva cambiato padrone, pur rimanendo in casa Movistar: da Jonathan Castroviejo era passata ad Alejandro Valverde, che l’aveva tenuta soltanto per quel giorno prima di consegnarla a Michael Matthews della Orica-GreenEDGE. Valverde si era poi ripreso la leadership della Vuelta alla sesta tappa, fino alla nona quando era stato Nairo Quintana a diventare leader della classifica, per poi cedere ad Alberto Contador che aveva vinto l’edizione 2014.

Diretta Vuelta 2015. Come sappiamo, la cronosquadre che ha aperto la Vuelta a Espana 2015 è stata oggetto di molte polemiche circa la sicurezza del percorso; tanto che i tempi fatti registrare ieri sono stati neutralizzati ai fini della classifica generale. A commentare la tappa di apertura della Vuelta è stato il general manager del Team Colombia-Coldeportes Claudio Corti che, come si legge su www.ciclismo.it, ha parlato di una prova regolare da parte della squadra, “abbiamo cercato di fare del nostro meglio pur evitando rischi eccessivi sapendo che i secondi di oggi non peseranno. Ci siamo impegnati per onorare la prova” ha detto Corti, che ha citato in particolare tutti i tifosi colombiani che hanno seguito la prova in televisione o lungo la strada. “Credo che siamo riusciti ad onorarli al meglio” ha concluso.

Diretta Vuelta 2015. L'edizione numero 70 del Giro di Spagna di ciclismo propone oggi, domenica 23 agosto, la sua seconda tappa, che è la Alhaurin de la Torre-Caminito del Rey di 158,7 km. Questa prima frazione in linea della Vuelta 2015 sarà una tappa di media montagna che presenterà subito un arrivo in salita. Niente di particolarmente difficile, uno strappo che sarà un Gpm di terza categoria, ma comunque un'occasione per vedere all'opera gli uomini più attesi anche in ottica classifica generale, che si daranno battaglia – oltre che per vincere la tappa – anche per guadagnare qualche secondo in una graduatoria ancora ferma, visto che la cronosquadre di ieri è stata "neutralizzata".

Insomma, potrebbe essere il primo assaggio di battaglia in una Vuelta che si preannuncia molto interessante visto il percorso come sempre molto duro e la presenza di tanti grandi big delle corse a tappe, fra cui i nostri Vincenzo Nibali e Fabio Aru. Andiamo dunque ora a dare un breve sguardo al percorso della frazione odierna. Siamo sempre in Andalusia, la regione più meridionale della Spagna, e il tracciato si presenterà ondulato ma non particolarmente difficile fin dai primi chilometri. Il primo punto significativo sarà il Gpm di terza categoria dell'Alto de Ardales, posto dopo 113 km di corsa; poi ecco lo sprint intermedio, che oggi sarà collocato in località Estacion de Alora (km 137), ma tutto si deciderà sull'ascesa finale che porterà i corridori verso il traguardo di Caminito del Rey, che come detto sarà anche valida come Gpm di terza categoria. Una salita breve (circa 3,5 km) e non particolarmente difficile, ma nella quale tutti proveranno a giocarsi le proprie chance, quindi siamo convinti che lo spettacolo non mancherà. Affascinante la località d'arrivo, uno stretto cammino tra le montagne andaluse per facilitare l'accesso a due cascate dove negli anni Venti fu inaugurata una diga.

La Vuelta viene trasmessa in diretta tv su Eurosport, canale tematico europeo disponibile sia nel pacchetto satellitare di Sky sia in quello digitale terrestre di Mediaset Premium. In diretta streaming video l'appuntamento sarà dunque con i servizi offerti ai rispettivi abbonati da Sky Go, Premium Play ed Eurosport Player. Per quanto riguarda questa tappa Alhaurin de la Torre-Caminito del Rey, il collegamento sarà dalle ore 16.30 e al termine della tappa ci sarà la rubrica Vuelta Extra per approfondimenti e commenti. Informazioni importanti sulla corsa spagnola saranno disponibili anche sui social network: su Facebook la pagina ufficiale è Vuelta a España, mentre l'account ufficiale Twitter è @lavuelta. (Mauro Mantegazza)

© Riproduzione Riservata.