BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Mondiali nuoto 2015 / Streaming video e diretta tv: Adam Peaty domina i 100m rana (Kazan, oggi 3 agosto

Mondiali nuoto Kazan 2015, streaming video e diretta tv: gli orari e le finali in programma nella giornata di oggi, lunedì 3 agosto 2015. Il Setterosa gioca i quarti di finale con la Grecia

Filippo Magnini, 33 anni (Infophoto) Filippo Magnini, 33 anni (Infophoto)

Il giovane inglese Adam Peaty si è portato a casa la medaglia d'ora nei 100m rana in una delle gare più importanti di oggi ai mondiali di nuoto di Kazan. A soli 20 anni Peaty ha sbaragliato la concorrenza, dimostrando di essere uno degli atleti da seguire nella disciplina. Fino a metà gara l'inglese era dietro l'olandese Van der Bugh ma grazie a una straordinaria rimonta negli ultimi secondi è riuscito ad agguntare la medaglia d'oro in 58.52 secondi. In terza posizione un altro atleta inglese Ross Murdoch. Ora l'obiettivo di Peaty è il primo posto alle prossime Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016 e le premesse fatte vedere a Kazan, dove ha vinto anche nei 50m rana, sono più che ottime per la nazionale dell'Inghilterra.

In attesa che il Setterosa giochi il suo quarto di finale contro la Grecia (Stati Uniti e Olanda sono già qualificate in semifinale), andiamo a riepilogare i record del mondo caduti oggi ai Mondiali nuoto Kazan 2015. Sono ben tre, e portano il totale a quattro in questi campionati: ha iniziato l'americana Katie Ledecky, che è stata in grado di ritoccare il primato mondiale dei 1500 stile libero che lei stessa aveva stabilito lo scorso luglio ai PanPacifici di Gold Coast. Per la Ledecky un risultato straordinario e una più che probabile seconda medaglia d'oro qui a Kazan dopo aver centrato quella dei 400 stile, mentre domani inizierà la corsa ai 200 dovendo però fare i conti con Federica Pellegrini e Missy Franklin. Nel pomeriggio Sarah Sjostrom ha cancellato il record del mondo nei 100 farfalla: il precedente lo deteneva lei, e lo aveva timbrato sempre in questi Mondiali 2015. Il terzo record del mondo infranto è anche quello più sorprendente: nei 200 misti femminili resisteva dai Mondiali 2009 a Roma, in piena epoca costumoni, ma oggi l'ungherese Katinka Hosszu lo ha migliorato di 3 centesimi e strappato all'americana Arianna Kukors, che due anni fa si era ritirata ponendo fine a una straordinaria carriera e lo scorso anno ha annunciato il suo rientro, pur se non è più ad alti livelli. 

Cade un altro record del mondo ai Mondiali nuoto Kazan 2015. Katinka Hosszu supera, finalmente, un primato che resisteva da più di cinque anni: l’americana Arianna Kukors deteneva il record dei 200 misti in 2’06’’15 ma oggi la ventiseienne ungherese si è presa la settima medaglia mondiale (la quarta d’oro) volando in 2’06’’15 e aggiungendosi alla lista formata da Sarah Sjostrom (due volte) e Katie Ledecky che hanno infranto precedenti primati in questi Mondiali. Dunque cade oggi il terzo record: la Hosszu conferma dunque i due ori di Barcellona 2013 e dimostra che il flop di Shanghai, quando era tornata a casa senza alcuna medaglia, era stato solo un caso. Medaglia d’argento alla giapponese Kanako Watanabe (2’08’’45), bronzo alla britannica Siobhan Marie O’Connor (2’08’’77), in questa finale non erano presenti italiane.

Bel risultato dalla piscina di Kazan: Arianna Castiglioni si è qualificata per la finale dei 100 rana femminili. Arianna, bustocca di 17 anni (ne compirà 18 a Ferragosto) ha gareggiato nella seconda semifinale e ottenuto il tempo di 1’06’’95, il settimo utile per entrare nelle otto finaliste. Vincere la medaglia sarà durissima, ma Arianna è già contenta di esserci; Juliya Efimova intanto continua a nuotare più veloce di Ruta Meilutyte, anche in semifinale la sfida a distanza è andata alla russa (per soli 4 centesimi). Ad ogni modo finora si è trattato di un duello a distanza; domani saranno fianco a fianco. 

Cade il secondo record del mondo, terzo in questi Mondiali nuoto Kazan 2015. Succede nella finale dei 100 metri farfalla femminili: protagonista è ovviamente la strepitosa Sarah Sjostrom, che ferma il cronometro a 55’’64. Fa un decimo meglio della semifinale, dove lei stessa aveva ritoccato il precedente primato; la gara, per la cronaca, ha visto la danese Jeanette Ottesen medaglia d’argento e la cinese Ying Lu medaglia di bronzo. Per la Sjostrom, ventunenne di Haninge, si tratta della terza medaglia d’oro mondiale: le altre le ha conquistate a Roma 2009 (100 farfalla, con record del mondo) e Barcellona 1013 (sempre nei 100 metri farfalla). Nel frattempo Adam Peaty ha vinto la medaglia d’oro nei 100 metri rana, precedendo al traguardo Cameron Van der Burgh. 

Stanno per iniziare le finali dei Mondiali nuoto Kazan 2015. Naturalmente il pomeriggio è lungo e prevede come prima competizione la finale dei 100 metri rana maschili, con una grande sfida tra Cameron Van der Burgh e Adam Peaty che si giocano la medaglia d’oro; a seguire avremo la finale dei 100 metri farfalla femminili, dove la straordinaria Sarah Sjostrom lancia la sfida a Jeanette Ottesen e alla cinese Ying Lu per una gara che si preannuncia davvero molto bella. Dopo le semifinali dei 100 rana dorso maschili e femminili (finale prevista domani), avremo la finale dei 50 metri farfalla maschili,e quindi l’ultima finale che sarà quella dei 200 misti femminili. Purtroppo oggi nessun italiano si gioca la medaglia; ciò non significa che la giornata non sia appassionante e da seguire. 

In attesa del pomeriggio dedicato al nuoto ai Mondiali Kazan 2015, proseguono i match del torneo di pallanuoto per i piazzamenti tra la nona e la dodicesima posizione. Ungheria e Brasile si giocheranno il nono posto avendo sconfitto rispettivamente Canada (10-7) e Kazakhstan (10-5): le due nazionali che hanno perso dovranno invece accontentarsi di concorrere per undicesima e dodicesima posizione. Alle 16:30 italiane è invece previsto l’inizio del primo quarto di finale: Spagna-Stati Uniti. A seguire Russia-Olanda, Australia-Cina e finalmente, alle ore 20:30, il Setterosa che cercherà l’accesso alla zona medaglie sfidando la Grecia. 

Ai Mondiali nuoto Kazan 2015 sta per arrivare il momento dei quarti di finale del torneo di pallanuoto femminile; il Setterosa sfida la Grecia alle 20:30 per entrare in zona medaglie, ma prima in piscina ci sono le partite che riguardano i piazzamenti delle nazionali già eliminate. Nel dettaglio, il Giappone si è classificato quindicesimo battendo 15-7 il Sudafrica mentre il tredicesimo posto è andato alla Nuova Zelanda che a sorpresa ha superato 7-6 la Francia. Dunque le transalpine sono quattordicesime e il Sudafrica si piazza in sedicesima posizione, all’ultimo posto del torneo mondiale. 

Straordinaria Katie Ledecky. L’americana di 18 anni centra il record del mondo nelle batterie dei 1500 metri: 15’27’’71, sotto il primato che lei stessa aveva ottenuto lo scorso 24 agosto a Gold Coast. Ormai sono terminati gli aggettivi per la nuotatrice di Washington; devastante e senza rivali, una gara tutta condotta sotto il record del mondo che alla fine ha conquistato. Pochi dubbi su chi vincerà la medaglia d’oro (a meno di clamorosi harakiri) anche se Lotte Friis e Jessica Ashwood promettono battaglia (ma sono giunte a, rispettivamente, quasi 27 secondi e e quasi 29 di distanza dalla Ledecky), bravissima anche Aurora Ponselé che con una batteria in rimonta ha ottenuto la quarta posizione e si è qualificata per la finale con l’ultimo tempo disponibile, 16’12’’01. 

Iniziata un’altra lunga giornata ai Mondiali nuoto Kazan 2015. Si stanno disputando le batterie delle gare di nuoto: nei 100 dorso primo tempo per la solita Katinka Hosszu che in 58’’78 ha preceduto le due australiane Emily Seebohm e Madison Wilson; fuori Elena Gemo, ventitreesima in 1’01’’10. Nei 100 dorso maschili invece il migliore in batteria è risultato essere Mitchell Larkin, qui Simone Sabbioni vola in semifinale con l’undicesimo tempo di batteria (53’’83). I 100 rana sono una delle gare più attese per la sfida tra Yuliya Efimova, miglior tempo per ora in 1’06’’31, e Ruta Meilutyte che per il momento si “accontenta” del quarto tempo con 1’06’’75; attenzione anche alla cinese Jinglin Shi e all’americana Jessica Hardy, per non dire della giapponese Kakako Watanabe che ha il quinto tempo ma si gioca la medaglia. In semifinale Arianna Castiglioni con il quattordicesimo tempo (1’07’’52) ma arrivare in finale non sarà affatto semplice. Nei 200 stile libero maschili, altra gara entusiasmante, Filippo Magnini è ventesimo in 1’48’’18: ancora stanco per la staffetta di bronzo di ieri, viene eliminato già in batteria e non accede alle semifinali. 

Ai Mondiali nuoto 2015 in Kazan si apre oggi la seconda e ultima settimana della manifestazione. Tante le gare in programma perchè ieri è iniziato il nuoto, che è forse l’evento più affascinante con le sue molte discipline; ma oggi, lo ricordiamo, è anche il giorno in cui il Setterosa cerca l’accesso in zona medaglia nel torneo femminile di pallanuoto, alle 20:30 italiane la sfida contro la Grecia per un posto in semifinale (clicca qui per seguire il risultato live) e una partita che eventualmente giocheremo contro Russia o Olanda, che si sfidano prima di noi (alle 17:50, dunque anche questa partita è da seguire). Terminati i programmi di nuoto sincronizzato e nuoto in acque libere, si apre oggi quello dei tuffi da grandi altezze: impegnati nel turno preliminare gli uomini che si tuffano da 27 metri. E poi appunto il nuoto: il programma si apre alle ore 8:30 italiane con le batterie dei 100 metri dorso femminili, impegnata per l’Italia Margherita Panziera. A seguire: 100 dorso maschili (Christopher Ciccarese nella sesta batteria, Simone Sabbioni nella settima), 100 farfalla donne (Ilaria Scarcella nella sesta batteria), i 200 metri stile libero maschili (c’è Filippo Magnini nella sesta di otto batterie) e i 1500 stile libero femminili con Martina Rita Caramignoli e Aurora Ponsele che gareggiano nella terza batteria. Ovviamente nel pomeriggio sono previste tutte le varie semifinali e finali, con la speranza che gli italiani si facciano valere e possano conquistare qualche medaglia. Non sono queste in teoria le gare nelle quali potremmo ottenere qualcosa, ma la speranza è sempre l’ultima a morire e in questi Mondiali Kazan 2015 abbiamo già ottenuto qualche alloro che non ci aspettavamo potesse arrivare (anche nel nuoto, con il bronzo nella 4x100 maschile che non festeggiava una medaglia da otto anni).

La diretta tv sarà molto ampia: la sessione mattutina a partire dalle ore 7.45 sarà trasmessa su Rai Sport 1 (numero 58 del telecomando, disponibile anche al numero 5058 della piattaforma satellitare Sky), mentre per la sessione pomeridiana Rai Sport 2 sarà il canale di riferimento (numero 58 del telecomando, disponibile anche al numero 5058 della piattaforma satellitare Sky) a partire dalle ore 16.05. Naturalmente sarà disponibile anche la diretta streaming video tramite il sito Internet della Tv di Stato all'indirizzo www.rai.tv. I riferimenti ufficiali dei Mondiali sono invece il sito www.kazan2015.com, la pagina Facebook Kazan 2015 e l'account Twitter @finakazan2015

© Riproduzione Riservata.