BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Diretta / Vuelta a Burgos 2015: 1a tappa S. Domingo de Silos-Ciudad Romana de Clunia (150 Km): il percorso (oggi 4 agosto)

Pubblicazione:martedì 4 agosto 2015

Foto Infophoto Foto Infophoto

DIRETTA VUELTA A BURGOS 2015: INFO STREAMING VIDEO E TV, PRIMA TAPPA S. DOMINGO SILOS-CIUDAD ROMANA DE CLUNIA (150 KM) - Diretta Vuelta a Burgos 2015. Prende il via oggi la Vuelta a Burgos 2015, breve corsa ciclistica a tappe che si disputa nell'omonima provincia, nel nord della Spagna, dal 4 all'8 agosto. Come ogni anno, la Vuelta a Burgos propone un percorso abbastanza impegnativo con diverse salite che metteranno a dura prova i corridori, molti dei quali vengono a Burgos per testare la propria forma fisica in vista della Vuelta a Espana.

La prima tappa, da Santo Domingo de Silos a Ciudad Romana de Clunia, lunga 150 chilometri, dovrebbe essere appannaggio dei velocisti, infatti gli unici strappi si trovano a inizio frazione. La seconda tappa, con partenza e arrivo a Burgos, è una cronometro a squadre di 13 chilometri. La terza tappa, da Castrojeriz a Villadiego di 165 chilometri, propone un altro arrivo adatto ai velocisti. Mentre la quarta frazione, da Belorado a Valle Del Sol di 160 chilometri, terminerà in cima alla Pineda de la Sierra e si tratterà del primo arrivo in salita dove i big proveranno a fare la differenza. La tappa conclusiva, da Comarca Pinares a Lagunas de la Niela, sarà anche la più dura dell'edizione numero 37 della Vuelta a Burgos, con diverse salite disseminate lungo il tragitto e l'arrivo in quota a oltre 1800 metri di altitudine, con ogni probabilità è qui che si deciderà il vincitore finale. La prima edizione della Vuelta a Burgos si tenne nel 1946 e vi potevano partecipare sia professionisti che dilettanti, poi per diversi anni non si è organizzata fino ai primi anni ottanta, quando si è deciso di ripristinarla e da allora si svolge praticamente tutti gli anni. Quest'anno gli organizzatori della Vuelta a Burgos hanno invitato 11 squadre, tra cui 4 che fanno parte del circuito UCI World Tour, 5 professional e 2 continental. L'Ag2r la Mondiale si presenta con Blel Kadri (che quest'anno ha saltato il Tour e vorrà sicuramente rifarsi qui e alla Vuelta a Espana), mentre la Movistar punterà su Giovanni Visconti, in casa Astana occhi puntati su Mikel Landa che, se in condizione, sarà assolutamente l'uomo da battere, per la Katusha a ricoprire i gradi di capitano sarà uno tra Daniel Moreno e Yuri Trofimov, con il russo che è stato splendido protagonista all'ultimo Giro d'Italia.

Per quanto riguarda le squadre Professional, da tenere in considerazione il nostro Damiano Cunego (Nippo-Vini Fantini), al rientro dopo l'infortunio alla clavicola, l'argentino Eduardo Sepulveda (Bretagne-Seche) che si stava comportando egregiamente al Tour prima di essere espulso dalla giuria per aver chiesto un passaggio all'ammiraglia dell'Ag2r, e Luca Wackermann, portacolori della Southeast. Inoltre, sull'ammiraglia della Nippo-Vini Fantini farà il proprio esordio da direttore sportivo Stefano Garzelli, corridore in attività fino a un paio di stagioni fa e oggi apprezzato commentatore televisivo. L'albo d'oro della Vuelta a Burgos parla chiaro: il dominatore assoluto di questa corsa è sicuramente lo spagnolo Marino Lejarreta, che si è aggiudicato ben quattro edizioni, di cui tre consecutive dal 1986 al 1988 e l'ultima nel 1990. A quota due troviamo il colombiano Nairo Quintana, che l'ha vinta nel 2013 e 2014 (ma quest'anno non ci sarà, dopo aver corso il Tour e in procinto di disputare la Vuelta a Espana, i direttori sportivi della Movistar hanno ritenuto opportuno di non stressarlo eccessivamente portandolo anche a Burgos) e gli spagnoli Alejandro Valverde (2004 e 2009) e Abraham Olano (1998 e 1999). L'unico italiano che sia riuscito a imporsi è stato Leonardo Piepoli, con la maglia della Banesto, nel 2000. Vincenzo Nibali, invece, è salito per due volte sul podio, nel 2010 e 2013, e in entrambe le occasioni ha fatto terzo. Negli anni precedenti, Dario Frigo è arrivato secondo nel 1999, mentre nel 1995 Della Santa e Colombo si sono dovuti accontentare, rispettivamente, del secondo e terzo gradino del podio, dietro lo svizzero Laurent Dufaux.

La diretta tv della prima tappa della Vuelta a Burgos 2015, così come di tutte le tappe della corsa, è affidata a partire dalle ore 15:30 a Bike Channel, il canale che trovate al numero 214 della televisione satellitare di Sky; la cronaca sarà impreziosita dal commento tecnico di Paolo Savoldelli. In assenza di un televisore lo streaming video sarà accessibile a tutti attivando, senza costi aggiuntivi, l'applicazione Sky Go su PC, tablet e smartphone. 



© Riproduzione Riservata.