BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RIPESCAGGI LEGA PRO e SERIE D 2015 / Figc, le decisioni definitive: le parole del Presidente Tavecchio

Ripescaggi Lega Pro 2015 FIGC: situazione complessa nel campionato della terza serie del calcio italiano, possibile la riduzione dell'organico per le tante realtà attualmente in bilico

Foto Infophoto Foto Infophoto

RIPESCAGGI LEGA PRO E SERIE D 2015 FIGC NEWS - La Lega Pro nella prossima stagione ripartirà da tre gironi da 18 squadre, con un assetto diverso da quello che abbiamo visto negli ultimi anni. Un'inversione di tendenza dettata purtroppo da cause di forza maggiore. Di questa situazione ha parlato il Presidente della Figc Carlo Tavecchio come riportato dall'Ansa: "Daremo un termine agli aventi titolo all'iscrizione solo dopo la rinuncia del Castiglione. In Lega Pro dovremo arrivare a una compagine di 54 società. E' una tosatura non di poco conto. In Serie D sono ammesse il Parma e il Monza, mentre sono in itinere Grosseto, Reggina e Venezia. In Eccellenza andranno Barletta e Varese. Questa è la situazione a oggi, sarà ritoccata poi dopo le pronunce dei tribunali".

RIPESCAGGI LEGA PRO E SERIE D 2015 FIGC NEWS - Bisognerà aspettare ancora qualche giorno per definire la situazione della Lega Pro della prossima stagione. La stessa Figc ha comunicato che l'organico della terza serie è ancora incompleto e sta lavorando per renderlo finito al più presto. Se la lega vuole mantenere i tre gironi da venti squadre ciascuno deve riempire ben sette buchi lasciati da squadre che si sono ritirate o sono fallite. Qualcuno ha pensato anche che questa potrebbe essere un'occasione per ridurre l'organico della Lega Pro a meno di sessanta squadre totali, ma a quanto pare la FIGC vuole mantenere il numero tenuto nell'ultima stagione a meno di clamorose esclusioni troppo vicine alle partenza dei campionati della prossima stagione.

RIPESCAGGI LEGA PRO E SERIE D 2015 FIGC NEWS - Definitiva, per il momento, la decisione del Consiglio Federale in merito ai ripescaggi nella Lega Pro 2015-2016. Abbiamo detto di AlbinoLeffe e Pordenone che hanno ottenuto l’ammissione, non così il Seregno; al momento le squadre che risultano iscritte, visto il ripescaggio del Brescia in Serie B, sono 53: manca infatti il Castiglione, che ha vinto il girone B della scorsa Serie D ma non si è iscritto alla serie superiore. Dunque nei prossimi giorni le società aventi diritto ad un ripescaggio in Lega Pro dovranno eventualmente presentare la relativa domanda; ci sarà sicuramente il Taranto, che spera insieme ad altre squadre di giocare nel campionato di terza serie del calcio italiano per la prossima stagione.

RIPESCAGGI LEGA PRO E SERIE D 2015 FIGC NEWS - Sembra essere ufficiale la respinta da parte della FIGC della richiesta del Seregno, che dunque non parteciperà al prossimo campionato di Lega Pro. Sembra, perchè la situazione è tutta in divenire: per ora sappiamo che il Consiglio Federale ha approvato le domande di AlbinoLeffe e Pordenone che sono giunte in tempo utile, non quella del Seregno. Il problema dei brianzoli è “tecnico”: come campo di gioco ufficiale hanno indicato un impianto che si trova in un’altra provincia rispetto a quella della sede, dunque la FIGC ha respinto l’ammissione. Al momento quindi la Lega Pro 2015-2016 sarebbe composta da 53 squadre: difficile che la situazione possa rimanere questa, ma si va sempre più verso i tre gironi da 18 e quindi un numero totale di 54 formazioni.

RIPESCAGGI LEGA PRO E SERIE D 2015 FIGC NEWS - Come riportato in precedenza, anche il Taranto spera nel ripescaggio in Lega Pro. La società pugliese ha giocato l’ultima stagione in Serie D, giungendo seconda nel girone H e perdendo la semifinale playoff contro il Sestri Levante; fondato il 20 luglio 2012 sotto la denominazione di Taranto Football Club 1927 SpA, il nuovo Taranto avrebbe consegnato nelle persone dei rappresentati del supporters trust rossoblu l’integrazione della domanda già consegnata alla FIGC lo scorso 27 luglio, comprensiva di tasse di iscrizione e fideiussione. Una consegna avvenuta in ritardo, ma altre squadre presentano una situazione più pericolante e non hanno completato le loro domande di ripescaggio: ecco perchè i rossoblu sperano ancora che la domanda venga accettata dalla FIGC e il nome del Taranto torni in auge dopo tanti anni di buio.

RIPESCAGGI LEGA PRO E SERIE D 2015 FIGC NEWS - Il quadro dei ripescaggi in Lega Pro si potrebbe improvvisamente riaprire. Abbiamo scritto in precedenza di alcune società le cui richieste sono state bocciate in prima istanza; tuttavia, come riporta Vittorio Galigani su TuttoLegaPro.com, il nodo verte sui 500 mila euro che le società che vogliano richiedere l’iscrizione alla Lega Pro devono pagare a fondo perduto. La domanda, che dovrà essere discussa in sede ufficiale, è la seguente: è legittimo pagare questa cifra? Se non lo fosse, e dunque il mezzo milione a fondo perduto non dovesse essere versato, allora tante squadre tornerebbero in corsa e prima tra di esse il Taranto, che ha svoltato con il cambio di proprietà e, pare, potrebbe aver già pagato le tasse di iscrizione e la fideiussione. Per di più, come ricorda sempre Galigani, il regolamento ufficiale recita che l’organico della Lega Pro deve essere composto da 3 gironi di 20 squadre ciascuno, e che qualunque modifica a questo format sarà attuabile dal 2016-2017. Tradotto: in termini ufficiali la prossima Lega Pro dovrebbe essere a 60 squadre, in un modo o nell’altro. E dunque, come si chiuderà la vicenda?

RIPESCAGGI LEGA PRO E SERIE D 2015 FIGC NEWS - Giustizia è fatta. In questo modo il presidente della Paganese, Raffaele Trapani, ha commentato la riammissione della sua squadra in Lega Pro, una categoria confermata sul campo ma che rischiava di essere persa per un’esclusione a tavolino. A TuttoLegaPro.com Trapani ha fatto sapere che “è rimasto un pizzico di tensione finchè non è arrivata l’ufficialità, ma possiamo esultare. Sparire dal calcio professionistico sarebbe stato mortificante per Pagani”. Il presidente ha anche ammesso di essere deluso dal mancato appoggio di AIC e AIAC, associazioni che secondo lui dovrebbero sostenere club in difficoltà; “l’importante però è che l’incubo sia finito, siamo regolarmente iscritti al prossimo campionato di Lega Pro ed è questa l’unica cosa che conta”.

RIPESCAGGI LEGA PRO E SERIE D 2015 FIGC NEWS - Arrivano altre notizie riguardanti i ripescaggi nei campionati di Lega Pro e Serie D. Come si apprende dal sito ufficiale della FIGC, il Presidente Federale ha ammesso in Serie D la SSD Monza 1912 arl. Questa società è nata dall’accreditamento del sindaco di Monza e ha preso il posto dell’AC Monza Brianza 1912 SpA, che ha partecipato lo scorso anno al campionato di Lega Pro (nel girone A) conquistando la salvezza ma non è riuscito a iscriversi alla terza serie per il 2015-2016. Il nuovo Monza viene ammesso alla Serie D in soprannumero, in attesa di scoprire altri verdetti relativi ai ripescaggi; avrà tempo fino alle 19 del 10 agosto per adempiere alle prescrizioni previste per l’iscrizione e dunque essere certo di partecipare alla Serie D del prossimo anno.

RIPESCAGGI LEGA PRO E SERIE D 2015 FIGC NEWS - Anche in Lega Pro e Serie D è tempo di ripescaggi: la terza serie del calcio italiano vive costantemente di società in difficoltà con i pagamenti o addirittura costrette a sparire, ripartire dalle serie minori con un cambio di nome e titolo venduto. Lo scorso anno le classifiche dei tre gironi vedevano tante squadre con punti di penalizzazione; oggi e nei prossimi giorni il Consiglio Federale deve decidere in merito ai ripescaggi in Lega Pro 2015-2016, visti i forfait di alcune società, andando dunque a stravolgere la composizione del torneo e ritardando la compilazione dei calendari.

Il numero delle società iscritte, che doveva essere di 60, è sceso a 51: hanno abbandonato in nove, comprese Reggina, Venezia e Varese che si possono considerare realtà storiche del nostro calcio. La Paganese, come riporta la Gazzetta dello Sport, inizialmente era stata esclusa dalla FIGC ma venerdì è stata riammessa del Collegio di Garanzia del Coni e dunque sarà ai nastri di partenza. E così bisogna riempire nove vuoti; non otto, visto che il Brescia sarà con tutta probabilità ripescato in Serie B andando a prendere il posto del Parma, che è fallito e ripartirà dalla D. Sono finora tre le società ad aver presentato regolare domanda: AlbinoLeffe, Pordenone e Seregno, la quale comunque ha indicato il suo campo di gioco in un’altra provincia - potrebbe rappresentare un problema - mentre Forlì, Gubbio e Sambenedettese non rientrano nei parametri tanto quanto Monopoli, Taranto e Viterbese che hanno presentato la domanda nei termini ma senza un’adeguata copertura finanziaria. Però, come ricorda sempre la Gazzetta dello Sport, il calcioscommesse blocca tutto perchè ci sono almeno tre società (Torres, Savona e Vigor Lamezia) che potrebbero essere retrocesse d’ufficio. Ciò significa che la probabilità maggiore, stante il quadro completo della situazione, è che la prossima Lega Pro sia formata da 54 squadre, divise equamente in tre gironi da 18.

© Riproduzione Riservata.