BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PROBABILI FORMAZIONI / Vojvodina-Sampdoria: ultime novità e quote. Cinque assenti per Zenga (Europa League terzo turno preliminare, 6 agosto 2015)

Probabili formazioni Vojvodina-Sampdoria: le quote e le ultime novità sulla partita di ritorno del terzo turno preliminare di Europa League 2015-2016. I blucerchiati devono ribaltare lo 0-4

Foto Infophoto Foto Infophoto

La Sampdoria tornerà in campo questa sera, alle ore 21.00, per giocare il match di ritorno dei preliminare di Europa League, ultimo step prima dell’accesso alla fase finale della coppa. Dopo l’andata, il clamoroso 4 a 0 al Marassi per la compagine di Novi Sad, la squadra di Zenga cerca l’impresa. L’Uomo Ragno dovrà farlo però senza alcuni giocatori, a cominciare da capitan Palombo. Non ce la fa anche Moisander, Correa e De Silvestri e infine Perreira. Convocato invece il difensore Vasco Regini, nonostante un virus intestinale che gli ha fatto perdere ben 5 chili in questi giorni: l’ex Empoli andrà in panchina.

Alle ore 21 di giovedì sera i blucerchiati provano, allo stadio Karadjordje di Novi Sad, a ribaltare lo 0-4 clamoroso incassato a Marassi. Il terzo turno preliminare di Europa League 2015-2016 rischia di essere la fine dell’avventura di Walter Zenga, che è stato messo subito in discussione alla prima uscita ufficiale e dunque ha bisogno di un riscatto che passi non necessariamente dalla qualificazione, che appare decisamente fuori portata (servirebbe una vittoria con cinque gol di scarto, o con 4 ma realizzandone, appunto, almeno 5). Arbitra la partita il polacco Pawel Raczkowski; andiamo allora a dare uno sguardo più approfondito a quelle che sono le probabili formazioni di Vojvodina-Sampdoria.

Non sarà purtroppo possibile assistere alla partita Vojvodina-Sampdoria in televisione, i preliminari di Europa League non sono trasmessi in Italia. 

Le quote fornite dall’agenzia di scommesse Snai per questa Vojvodina-Sampdoria ci danno le seguenti informazioni: vittoria Vjvodina (segno 1) a 3,25, pareggio (segno X) che ovviamente farebbe il gioco dei serbi a 3,40; vittoria Sampdoria (segno 2) a 2,05 ma bisognerà vedere se i blucerchiati saranno in grado di rovesciare il pesantissimo passivo. 

Squadra che vince non si cambia: sarà questa la filosofia di Zlatomir Zagorcic, tanto più che i suoi giocatori hanno ottenuto una vittoria straordinaria. Dunque il Vojvodina sarà in campo con il 4-1-4-1, nel quale Maksimovic avrà l’importante compito di fare da schermo davanti alla difesa e proteggere una linea nella quale Pankov e Djuric sono i centrali, mentre Vasilic e Nastic agiranno sulle fasce con un atteggiamento che ci aspettiamo più difensivo, non essendoci la necessità di attaccare e trovare il gol. La linea delle mezzepunte, che è quella che ha fatto la differenza all’andata, sarà comandata da capitan Ivanic e forse dal giovane Palocevic, impiegato subito vista la situazione di punteggio, che stazioneranno in mezzo e potranno anche arretrare la posizione per andare a prendere palla sulla mediana, così da favorire il movimento ad accentrarsi di Puskaric e Stanisavljevic, che ha segnato il secondo gol all’andata. Davanti c’ Ognjen Ozegovic, l’attaccante che nel secondo tempo ha messo i chiodi sulla bara della Sampdoria realizzando i due gol che hanno reso ancor più netto il passivo e tolto quasi ogni speranza di qualificazione ai blucerchiati.

Non ce la fanno Moisander e Correa, che hanno svolto sedute di terapia; fuori anche, con tutta probabilità, Puggioni che ancora una volta lascerà spazio a Brignoli in panchina. Zenga cambia modulo, tornando al 4-3-1-2: Soriano sarà il trequartista e così a centrocampo sarà Krsticic a scalare a centrocampo, tornando nel suo ruolo naturale dopo l’esperimento fallito come esterno offensivo. Fernando (forse il più positivo dei suoi nel disastro collettivo) ed Edgar Barreto sono confermati a centrocampo, la coppia d’attacco sarà formata da Muriel ed Eder che però dovranno avere un atteggiamento ben diverso rispetto a quello mostrato la scorsa settimana. In difesa si va verso l’esclusione di capitan Palombo: nelle prove generali a Silvestre è stato affiancato Andrea Coda che dunque appare favorito per una maglia da titolare, altrimenti sarà Zukanovic a stringere al centro (lo ha già fatto nel Chievo) destinando Cassani alla corsia sinistra, mentre la fascia destra sarebbe di Wszolek. Difficile che altri giocatori possano entrare in campo subito (Regini non sta benissimo), la Sampdoria dovrà affidarsi a quello che ha al momento per provare l’impresa impossibile.