BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Juventus-Lazio (2-0): i voti della partita (Supercoppa Italiana 2015)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

(INFOPHOTO)  (INFOPHOTO)

Lazio

MARCHETTI 6: Può fare poco sui gol e non compie altri interventi di particolare difficoltà, se si eccettua l'uscita su Mandzukic, ottima ma purtroppo per lui e la Lazio non determinante

BASTA 5: Sia in occasione del gol di Mandzukic che (un pò meno) su quello di Dybala, è in ritardo o perde per un frangente la marcatura. E nel suo lato forte, la riproposizione del gioco in chiave offensiva, è troppo bloccato

DE VRIJ 5,5: In coppia con basta, si perde Mandzukic sul decisivo gol dell'1-0. Peccato perchè fin lì era stato quasi impeccabile

RADU 5,5: L'azione del gol di Dybala è abbastanza confusa quanto a movimenti difensivi ma il più vicino all'argentino è proprio lui e l'intervento (che non arriva) apre le porte al 2-0 finale

GENTILETTI 6: Il migliore della retroguardia, per grinta e decisioni. Il voto si abbassa perchè non riesce a trascinare i compagni di reparto nella ripresa

ONAZI 6: Tra i migliori in assoluto nel primo tempo, poi scende di intensità e il calo – anche come apporto fisico – si sente tutto

CATALDI 5: Le responsabilità sono più di Pioli che sue, perchè non è la serata giusta per fare esperimenti prolungati e il suo posto è nella coppia di mediani, assieme a Biglia, piuttosto che come incursore, al posto di Parolo

BIGLIA 5,5: Non è il solito, quello della scorsa stagione, quello che ha attirato su di sè gli occhi dello United, per dirne una. Bisogna capire se è pronto ad entrare nel ruolo, a diventare davvero il capitano della Lazio. Oppure se pensa ad altri lidi...

CANDREVA 6: Anche lui non è all'altezza del rendimento di qualità che ci si aspetta ma il fatto che non trovi il gol, oggi, dipende in particolare da uno strepitoso Bonucci

KLOSE 6: Positivo anche se manca la classica zampata da bomber d'area. Sicuramente meglio di Djordjevic, nell'occasione

F. ANDERSON 6,5: Può tornare a fare la differenza, è certamente la chiave di volta per la Lazio. Trovando l'amalgama con i nuovi (è arrivata gente di talento, tra centrocampo e attacco), può diventare la guida tecnica principe di questa squadra. Velocità, rapidità e fantasia mettono in crisi anche gli avversari più tenaci, anche in questo caso

 

(DJORDJEVIC 5: Avrebbe la palla per riaprire il discorso nel finale ma la appoggia tra le mani di Buffon. Ingresso inconcludente)

(KISHNA 6: Qualcosa lascia intervedere, anche se ha pochi minuti a disposizione. Interessante)

(MORRISON SV)

 

All.PIOLI 5: La sensazione, come avevamo ipotizzato a fine primo tempo, è che la chiave tattica – con il movimento e le consegne di Parolo trasferite a Cataldi – fosse tra le sue mani. Il fatto di non essersene accorto o di non aver avuto il coraggio di osare (partita secca, inutile aspettare, soprattutto contro la Juve, quando la lettura è chiara) l'ha portato a perdere in maniera secca.

 

(Luca Brivio)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.