BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Risultati Premier League/ Partite e classifica aggiornata. Manchester City al comando, crisi Chelsea (5a giornata, Inghilterra)

Risultati Premier League, 5a giornata: partite e classifica aggiornata del massimo campionato d'Inghilterra. Manchester City al comando, crisi Chelsea: il punto sul torneo

José Mourinho, allenatore Chelsea (Infophoto)José Mourinho, allenatore Chelsea (Infophoto)

Il Manchester City di Pellegrini continua a dominare la Premier League, con 5 vittorie nelle prime 5 giornate, l’ultima con il Crystal Palace, arrivata alla fine con una rete del 18ennei Kelechi Iheanacho. La vera sorpresa della prima parte di stagione è rappresentata dal Leicester City dell’allenatore italiano Claudio Ranieri, secondo a quota 11 dopo aver battuto l’Aston Villa ribaltando il match dal 2–0 al 3-2 finale. A seguire, ma già con 5 punti di distacco dalla vetta, due delle favorite, il Manchester United, che ha battuto in una sorta di scontro diretto il Liverpool 3–1, e l’Arsenal di Wenger. Se il Leicester City è la sorpresa in positivo, quella in negativo è rappresentata dal Chelsea di Jose Mourinho che naviga nelle parti basse della classifica, a quota 4 punti, dopo la secca sconfitta per 3–1 subita in casa dell’Everton, che si trova a quota 8 in compagnia dei gallesi dello Swansea. Gli avversari della Juventus in Champions League proseguono nel loro filotto positivo mantenendo oltretutto l’imbattibilità della porta di Hart, e mandano un chiaro segnale a tutte le altre formazioni circa la propria supremazia. Il Manchester City ha infatti ottenuto il successo anche nella giornata in cui ha dovuto rinunciare a Sterling, in tribuna, e nel corso della gara si è trovato privo di Aguero, tra l’altro a rischio per il match con la Juventus. Il 18enne nigeriano Iheanacho ha segnato la rete decisiva un minuto dopo essere entrato in campo. Il match è stato molto combattuto e si sono visti anche molti falli al limite dell’espulsione, con Nasri che è stato colpito da Hangeland rischiando di dover uscire. La formazione di Pellegrini non si è certamente “tirata indietro”, e Yaya Tourè ha fatto un’entrata su McArThur che l’arbitro ha benevolmente giudicato passibile solo di ammonizione. Oltre ai bisticci in campo anche i due allenatori hanno avuto un diverbio, finendo poi per chiarirsi dopo che l’agonismo del momento si è placato. Il Manchetsre City è stato bravo a non disunirsi di fronte all’atteggiamento aggressivo dei londinesi ed ha gestito la gara. Pellegrini ha cambiato modulo per inserire De Bruyne, mettendo Nasri in posizione di trequartista. Nel corso della ripresa i Citizens hanno creato più gioco, fino al colpo vincente di Iheanacho: il giovane nigeriano è stato svelto a correggere in rete la ribattuta del portiere del Crystal Palace su un tiro effettuato da Nasri. Il Leicester City continua nel suo fantastico inizio di stagione e ribalta il risultato contro l’Aston Villa. La formazione guidata dall’allenatore romano ha confermato quanto di buono fatto nel finale della passata stagione, quando riuscì ad ottenere la salvezza dopo essere stata praticamente spacciata. In questo caso lo ha confermato sapendo reagire dopo essere finita sotto di due reti. I Villans aprono le marcature con una rete di Grealish e raddoppiano dopo 20 minuti del secondo tempo, pregustando la vittoria in trasferta, ma scatta la reazione del Leicester City che va a segno con De Lat e Vardy per il pareggio, e all’89esimo segna con Dyer la rete dell’insperato sorpasso. La partita dell’Arsenal, 2–0 contro lo Stoke City, arriva grazie alle reti di Walcott e di Giroud. Nella sfida tra Red Devils e Reds prevale il Manchester United, che si presenta in campo privo di Rooney, infortunato con la nazionale. Van Gaal può sorridere al termine della gara, vinta 3- 1, ed allontanare le voci di crisi. La gara dell’Old Trafford è una delle più classiche della Premier League, e ci si attende grande battaglia, ma nel primo tempo le due formazioni non riescono a creare nessuna occasione da rete. Il match si accende nel corso nella ripresa con una rete segnata da Blind che irrompe su una punizione calciata da Mata e mette in rete di sinistro. E’ la scossa che occorreva perché anche la squadra di Rodgers inizia a giocare e si procura in pochi minuti tre occasioni da rete, con Smalling e due volte con Ings. Nella terza occasione è bravo ancora Blind che salva sulla linea di porta. Il Liverpool però subisce il raddoppio, questa volta su rigore, conquistato e trasformato da Herrera. Anche De Gea diventa protagonista parando un bel tiro di sinistro di Iba ma poi deve capitolare sulla mezza girata di Benteke che porta il punteggio sul 2–1. Per il Manchester a metà ripresa entra il giovane Martial, arrivato dal Monaco e che bagna il debutto con una pregevole azione personale che viene conclusa con un rasoterra che si insacca alle spalle del portiere del Liverpool per il definitivo 3–1. Il Chelsea vien affondato dall’altra squadra di Liverpool, l’Everton, che festeggia con Naismith, autore di una tripletta che regala la vittoria a ai suoi e fa sprofondare ancora di più la formazione di Mourinho, già ad 11 punti di distacco dalla vetta. I Blues che hanno perso anche il portiere Courtois pere circa 4 mesi per infortunio, sembrano essere allo sbando in questo inizio di campionato, con i suoi punti di forza diventati in un momento dei giocatori da salvezza. Per Mourinho anche un po’ di sfortuna indiretta dato che il goleador di giornata, Naismith, entra dopo 10 minuti di gioco a sostituire il titolare Besic, infortunato. Per lo scozzese è stata forse la gara della vita, con la prima rete messa a segno al 17esimo con un colpo di testa che ha girato in porta un cross di Galloway, e la seconda dopo appena cinque minuti con un gran tiro da fuori area. I campioni in carica segnano con Matic ma la rete che avrebbe potuto riaprire la partita viene resa inutile dal terzo sigillo dello scozzese che al 37esimo della ripresa sfrutta un duetto in area avversaria con Barkley per mettere a segno la terza rete. Tra le altre risale la classifica il Norwich, che batte il Bournemouth per 3–1 grazie alle reti messe a segno da Jerome, Hoolahan e Javis, mentre gli ospiti vanno a segno nel finale con Cook. Arriva la prima vittoria per il Watford, società di proprietà della famiglia Pozzo, che supera i gallesi dello Swansea con una rete messa a segno da Ighalo, riuscendo a resistere fino alla fine nonostante si sia ritrovato in 10 uomini per l’espulsione di Behrami. Nell’altra gara domenicale, oltre a quella della formazione di Ranieri, si registra la vittoria del Tottenham che espugna per 1-0 il terreno del Sunderland. L’unico pareggio della giornata, siglato a reti inviolate, aspettando la chiusura con il match tra West Ham United e Newcastle, è quello tra West Bromwich Albion e Southampton.

Clicca sul pulsante > qui sotto, per leggere i risultati e la classifica aggiornata della Premier League