BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Dnipro-Lazio (1-1): i voti della partita (Europa League 2015-2016, girone G)

Pagelle Dnipro-Lazio 1-1, i voti della partita giocata questa sera alla Dnipro Arena: la sfida era valida per la prima giornata del girone G di Europa League 2015-2016. I top e i flop

Foto InfophotoFoto Infophoto

1-1 tra Lazio e Dnipro Dnipropetrovsk nella prima giornata del gruppo G. Al gol di Sergej Milinkovic-Savic ha risposto negli ultimi secondi di gioco l'ucraino Yevhen Seleznyov, con un colpo di testa che ha beffato la difesa biancoceleste. Nell'altra partita del girone i francesi del Saint Etienne e i norvegesi del Rosenborg hanno pareggiato per 2-2. Seconda giornata di coppa in programma giovedì 1 ottobre 2015: appuntamento alle ore 19:00 con Rosenborg-Dnipro e Lazio-Saint Etienne.

Giornata difficile per l'undici di Markevych Myron, che non riesce a giocare come vorrebbe ma porta comunque a casa un risultato positivo, e visto l'andamento della gara è sicuramente un bottino di tutto rispetto.

Ancora una volta la formazione di Pioli si dimostra davvero scarsa nella gestione del risultato, non vincendo una partita in cui aveva giocato nettamente meglio.

Forse un po' eccessivo nei confronti dei giocatori della Lazio (le ammonizioni a Hoedt e Milinkovic-Savic francamente non c'erano), ma abbastanza equilibrato nel giudicare gli altri episodi.

Dopo i primi quarantacinque minuti di gioco la Lazio conduce 1 a 0 sul Dnipro. Vantaggio meritato per la formazione di Pioli che sin dal fischio d'inizio ha preso le redini del gioco, proponendosi spesso e volentieri nell'area di rigore avversaria. Dopo la doppietta all'Udinese, Matri va vicinissimo al gol anche stasera, ma sulla sua strada trova un super Boyko che gli nega l'1 a 0. Ma è solo questione di tempo prima che i biancocelesti trovino il modo di sbloccare il risultato, quando sugli sviluppi di un calcio di punizione Milinkovic-Savic intercetta il pallone di testa e lo spedisce in rete, battendo Boyko. Da segnalare un'iniziativa personale di Felipe Anderson che si invola verso la porta, ma pecca di egoismo e invece di passare il pallone a un compagno libero si incarta e perde l'attimo per calciare a rete. Ma nel complesso si sta comportando molto bene l'undici di Pioli, che nella ripresa deve cercare di chiudere una partita che sta dimostrando di tenere in pugno.

Gli ucraini, finalisti dell'ultima edizione dell'Europa League. Per il momento è l'unico del Dnipro che si è fatto vivo dalle parti di Marchetti, senza però impensierirlo più di tanto. Qualche fallo di troppo nei confronti dei giocatori della Lazio, forse meritava un'ammonizione.

Stasera l'undici di Pioli sembra decisamente in palla, tante azioni anche se rimane la cronica incapacità di finalizzare le occasioni create e massimizzare il risultato. Alla prima da titolare, il nuovo acquisto della Lazio fa subito centro segnando il gol dell'1 a 0. Ma ora deve stare attento perché giocherà l'intero secondo tempo con la spada di Damocle dell'ammonizione. Bene anche Felipe Anderson e Kishna. Un paio di uscite non proprio impeccabili per l'estremo difensore della Lazio. (Stefano Belli)