BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Diretta/ Nuova Zelanda (All Blacks)-Namibia (risultato finale 58-14): nove mete per gli All Blacks (Mondiali rugby 2015, 24 settembre)

Diretta Nuova Zelanda (All Blacks)-Namibia: risultato finale 58-14. Gli All Blacks non sono nella loro miglior versione ma segnano comunque nove mete, prendendosi anche il punto di bonus

(INFOPHOTO) (INFOPHOTO)

E’ finita a Londra: allo Stadio Regina Elisabetta presso il Parco Olimpico, All Blacks-Namibia 56-14. La Namibia si difende come può e la Nuova Zelanda non è certo nella sua miglior versione, ma la differenza c’è tutta: dopo un primo tempo da 34-6 la nazionale namibiana scatta benissimo nella ripresa con il calcio di Kotze, segna anche la prima meta di giornata ma poi non combina più nulla; semplicemente la Nuova Zelanda aumenta il livello e va ancora a segno con Ben Smith al 61’ minuto, poi ancora con Savea. Barrett, che nel primo tempo era stato semi-perfetto, fallisce due conversioni; il risultato rimane comunque ampio e all’80’ minuto, proprio nel finale, Nehe Milner-Skudder - nominato man of the match - con straordinaria visione apre alla perfezione per Codie Taylor che realizza l’ultima meta di giornata. Barrett non sbaglia l’ultimo calcio: 58-14, sono 9 le mete degli All Blacks e dunque c’è il punto di bonus, la Nuova Zelanda sale a quota 9 punti nel girone C, lasciando la Namibia a quota 0.

La Nuova Zelanda apre il secondo tempo come aveva iniziato il primo: meta di Savea, la conversione è di Barrett e siamo 41-9… perchè è stata Samoa la prima nazionale a segnare nella ripresa, ancora con un calcio di Kotze per un fallo neozelandese. Nel frattempo ci sono anche le sostituzioni: la Namibia manda in campo Botha e Bothma per Marais e Damens, la Nuova Zelanda invece sostituisce Perenara con Kerr-Barlow. Il grande momento arriva al 51’: il pubblico di Londra spinge tutta la nazionale namibiana che avanza e avanza e avanza fino a che Johan Deysel realizza la storica meta per la Namibia. Punteggio dunque 41-14, perchè subito dopo arriva l’errore di Kotze.

All Blacks-Namibia 34-6 all’intervallo. La Nuova Zelanda ha già ottenuto il punto di bonus: cinque le mete della nazionale campione del mondo in carica, le ultime due sono di Barrett, che sfonda centralmente e poi converte, e di Milner-Skudder con giallo, visto che gli arbitri vanno a rivedere un possibile offside (che alla fine risulta non esserci, per una sottigliezza). Barrett sbaglia l’ultima conversione ma poco importa: la vittoria è sostanzialmente garantita e così anche i 5 punti totali per gli All Blacks, che pure non stanno convincendo fino in fondo. La Namibia proverà a contrastare la marea nera nel secondo tempo, sapendo comunque che sarà ben difficile; l’obiettivo in questa partita della Coppa del Mondo di rugby 2015 è quello di segnare almeno una meta.

Il risultato di All Blacks-Namibia quando abbiamo oltrepassato la metà del primo tempo è 22-6. Sono tre le mete della Nuova Zelanda: al 10' realizza Carter mentre al 20' minuto è la volta di Fekitoa, alla terza meta internazionale. La meta di Carter non è convertita da Barrett che sbaglia così il primo calcio della sua serata; il pubblico però si infiamma quando Kotze realizza per due volte da calcio piazzato e regala i primi 6 punti alla Namibia. Insomma: per il momento il punteggio non è di quelli clamorosi, anche se la sensazione è che gli All Blacks possano accelerare quando vogliono. Inoltre manca una sola meta per arrivare al punto di bonus, staremo a vedere come reagirà la Namibia.

Gli All Blacks aprono i conti e sono già in fuga: al quarto minuto di gioco a sbloccare la partita è un calcio di Beauden Barrett, con la Nuova Zelanda che decide di piazzare mettendo dei punti sul tabellone e riservando per dopo il gioco spumeggiante e le mete. Del resto ci vogliono solo due minuti per vederla, la prima meta della serata: la realizza Victor Vito e per lui si tratta della quarta realizzazione in questa Coppa del Mondo 2015. Barrett converte e siamo dunque 10-0 dopo 6 minuti, partita che si mette subito in discesa per gli All Blacks e punto di bonus che, se questo è l'andazzo, non dovrebbe tardare ad arrivare.

Di seguito le formazioni con cui Nuova Zelanda (All Blacks) e Namibia scenderanno in campo nel match valido per il gruppo C dei Mondiali di Rugby 2015, la partita sta per cominciare. 1 Franks, 2 Taylor, 3 Faumuina, 4 Romano, 5 Whitelock, 6 Messam, 7 Cane, 8 Vito, 9 Perenara, 10 Barrett, 11 Savea, 12 SW Williams, 13 Fekitoa, 14 Milner-Skudder, 15 Slade. Sostituti: 16 Melamu, 17 Crockett, 18 Woodcock, 19 Read, 21 Kerr-Barlow, 22 Nonu, 23 BR Smith 1 Engels; 2 Van Jaarsvelt, 3 Coetzee, 4 Van Lill, 5 Uanivi, 6 Burger, 7 Du Plessis, 8 Damens, 9 Janjies, 10 Kotze, 11 Marais, 12 Deysel, 13 Greyling, 14 Philander, 15 Tromp Sostituti: 16 van der Westhuizen, 17 Viviers, 18 Larson, 19 Bothma, 20 Venter, 21 Kitshoff, 22 Buitendag, 23 Botha

Dichiarazioni all’antitesi quelle dei due allenatori. Il commissario tecnico della squadra più forte al mondo, punta ad analizzare la gara sofferta contro l’Argentina più che quella contro la Namibia, logicamente sa che il favore del pronostico è tutto a favore della sua squadra, e l’unico problema può essere rappresentato dal calo di tensione dei suoi giocatori. Davies coach degli africani non sta nella pelle, come tutta la squadra sa di vivere un sogno, non hanno obiettivi da raggiungere e sottolinea come i suoi giocatori vogliono solamente gustarsi lo spettacolo. Sanno benissimo di dover essere orgogliosi di aver raggiunto un traguardo importante: quello di giocare contro la squadra più forte al mondo nel tempio del pallone ovale, il resto per loro non ha importanza. 

Artita probabilmente senza storia tra i giocatori di rugby più forti al mondo e i  dilettanti. L'appuntamento è per giovedì 24 settembre 2015 al The Stadium di Londra, fischio d'inizio alle ore 21:00 italiane. Sulla carta l’unico problema per gli All Blacks è tenere alta la tensione in una sfida che vede una differenza tecnica e fisica da far paura. Gli africani da parte loro hanno la consapevolezza e l’orgoglio di giocare contro chi ha letteralmente fatto la storia del pallone ovale su un prato, quello dell’olimpico di Londra, che ha fatto la storia del rugby. Esordio per la Namibia e seconda partita per la squadra della Nuova Zelanda, gli uomini in nero hanno vinto la partita contro l’Argentina ma hanno sofferto per oltre un ora, e di certo hanno instillato più di qualche dubbio nei loro tifosi, dubbi che questa partita non contribuirà ad evadere.

In linea teorica non dovrebbero esserci problemi per gli All Blacks che presentano un pacchetto di mischia tra i più forti (se non il più forte al mondo), ali esterne veloci e tecnicamente ineccepibili, tattica di livello superiore (non per nulla 7 allenatori su 20 presenti al mondiale sono della nuova Zelanda), rincalzi che potrebbero militare in qualsiasi nazionale del pianeta. Di contro la squadra africana della Namibia si presenta con numeri eloquenti: 15 sconfitte su 15 partite ufficiali disputate ai mondiali, peggiore sconfitta 142 a 0 contro l’Australia rimediata nel 2003, pochi i giocatori che militano in squadre professionistiche continentali.

La tipologia di gioco è diametralmente opposta, gli All Blacks fanno dell’aggressività la loro arma migliore mentre i Welwitschias pensano a difendere, e cercano di sorprendere gli avversari sulle ripartenze cercando di rimediare anche solo qualche punto che li lancerebbe nella storia della propria nazione. Formazione della Nuova Zelanda totalmente rivoluzionata, rispetto alla partita contro l’Argentina rimangono in campo solo 3 giocatori (su 15), si salvano dal tunr over, Samuel Whitelock, Julian Savea e Nehe Milner-Skudder, il coach farà inoltre debuttare in maniera assoluta ben 5 giocatori, rivoluzionando il pacchetto di mischia che ha tanto sofferto contro l’Argentina. Identica formazione dei pre match per la squadra africana, il tecnico si affida all’uomo di maggior esperienza a sua disposizione quel Jacques Burger che è l’unico ad aver disputato più di 15 incontri (per l’esattezza 32).

Alcune agenzie di scommesse non accettano neppure la partita, e se lo fanno la vittoria della Nuova Zelanda è data al massimo a 1.02, questo dato la dice tutta sulla realtà del match, sarà una gara in cui non è interessante chi vince, (a meno di stravolgimenti già lo si sa) ma solo con quanto scarto vince. La partita dei mondiali di rugby 2015 tra Nuova Zelanda (All Blacks) e Namibia sarà trasmessa in diretta tv da Sky sul canale Sport 2 HD, il numero 202: studio prepartita dalle ore 20:30 e dalle 21:00 la telecronaca. I clienti Sky abbonati al pacchetto Sport potranno seguire il match anche in diretta streaming video tramite l'applicazione SkyGo, disponibile per pc tablet e smartphone. Aggiornamenti sul risultato della sfida saranno disponibili sul sito internet ufficiale dei Mondiali di rugby 2015, www.rugbyworldcup.com.

© Riproduzione Riservata.