BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Risultati Liga / Le partite, i marcatori e la classifica aggiornata (5^ giornata, 23 settembre 2015)

Risultati Liga: partite, marcatori, classifica. Nella quinta giornata del massimo campionato spagnolo spicca Celta Vigo-Barcellona 4-1, colpo del Real in casa dell'Athletic Bilbao

Karim Benzema (Infophoto) Karim Benzema (Infophoto)

Nella giornata infrasettimanale della Liga la grande sorpresa è la debacle del Barcellona che viene messo sotto a Vigo dal Celta per 4–1. La sconfitta dei blaugrana li fa scivolare alla terza posizione in classifica, alla pari dell’Atletico Madrid, sul Getafe in uno degli anticipi, ed un punto sotto allo stessa Celta Vigo ed al Real Madrid, che comandano con 13 punti all’attivo. Altra sorpresa della giornata è quella del Siviglia che dopo la sconfitta per 1–0 sul campo del Las Palmas, si trova solo all’ultimo posto della classifica con 2 punti conquistati i 5 partite. Il Real di Benitez ha vinto sul campo dell’Athletic Bilbao pur senza reti di Ronaldo. In classifica dietro al Barcellona, distaccato di 1 punto, si trova il Villareal, poi a quota 9 l’Espanyol. Cinque formazioni si trovano a 5 punti, il Betis Siviglia, lo Sporting Gijon, il Las Palmas, la Real Sociedad, ed il Deportivo La Coruna, e sia il Betis che il Deportivo possono fare un passo in vanti con il posticipo della quinta giornata. Sopra di loro, a 6 punti, il Valencia, ed a salire il Rayo Vallecano con 7 e l’Eibar con 8. In coda, prima del Siviglia si trovano altre 5 formazioni appaiate a quota 3 punti, Malaga, Granada, Levante, Athletic Bilbai e Getafe. A Celta, in Galizia, Luis Enrique si attendeva un incontro difficile ma non si sarebbe mai aspettato una sconfitta per 4–1. I padroni di casa hanno meritato la conquista dei tre punti anche dominando la gara per circa un’ora anche se Messi e compagni sono stati più volte fermati da interventi strepitosi del portiere Sergio Alvarez e l’argentino ha colpito un palo. Per il Celta Vigo sono andati a segno Nolito, due volte Aspas e lo svedese Guidetti che ha messo il sigillo finale alla gara dopo che Neymar aveva segnato la rete del Barcellona a10 minuti dalla fine sul 3–0 per il Celta Vigo. Per i galiziani, che non battevano il Barcellona da 11 anni, è un risultato veramente storico, perché oltre a battere i campioni in carica e fino allo scorso turno capoclassifica, hanno conquistato proprio la vetta della Liga, in coabitazione con i blancos. Il Celta ha meritato di vincere anche perché si è presentato in campo schierando il 4-3-3 a far capire all’avversario che non si sarebbe tirato indietro nella battaglia sul campo. Ed in effetti il Celta ha subito messo in difficoltà la squadra di Luis Enrique, apparsa lenta ed anche abbastanza disordinata, anche se nei primi 15 minuti vanno alla conclusione 2 volte con Messi prima e Neymar poi. Al 25esimo la retroguardia blaugrana lascia Nolito libero di piazzare all’angolino alto di Ter Stegen una parabola alla Del Piero. Poco dopo è un errore in disimpegno di Piquè a lasciare campo ad Asaps, che si presenta davanti al portiere del Barcellona e lo batte con un pallonetto. Si va al riposo sul 2–0 con Augusto Fernandez che spreca da vicino il possibile goal del 3–0. Nella ripresa attaccano i catalani e si aprono gli spazi per il celta Vigo che colpisce in contropiede di nuovo con Aspas e potrebbe fare poker subito dopo con Nolito. Quando mancano 10 minuti alla fine Neymar dà qualche debole speranza al Barcellona, subito ricacciata indietro dalla quarta rete dei padroni di casa che porta la firma di Guidetti, ed arriva dopo soli 3 minuti. Il Real Madrid invece non sbaglia e coglie l’occasione del sorpasso passando sul campo dell’Atheltic Bilbao nonostante le assenze tra cui quella di Ramos. Un grande Benzema si carica sulle spalle il peso dell’attacco, ed insieme a lui si comporta bene anche Kovacic, finalmente titolare al posto di James Rodriguez, infortunato. La formazione di Rafa Benitez è anche fortunata perché la prima rete arriva dopo 20 minuti grazie ad un errore di San Josè che sbaglia il retropassaggio al portiere lanciando il francese, che poco dopo potrebbe anche raddoppiare in rovesciata. I baschi reagiscono con forza e dopo varie occasioni non concretizzate passano al 67esimo con Sabin Merino che trafigge Navas per la prima volta in questa stagione. Passano solo 3 minuti ed il Real Madrid torna in vantaggio, ancora una volta con Benzema, che mette in rete su un cross di Isco, anticipando il compagno di squadra Ronaldo. Nel finale azioni da rete da una parte e dall’altra ma il risultato non cambia. L’Atletico Madrid ha avuto la meglio sul Getafe per 2-0, in una partita molto maschia, caratterizzata anche da 5 ammonizioni. La prima rete in apertura, dopo soli 4 minuti, con Griezmann che va a segno di destro calciando in rete la palla che arrivava da un calcio d’angolo battuto da Gabi. 4 su 5 per l’Atletico, 1 su 5 per i rivali. La seconda arriva solo al 90esimo e si tratta di doppietta per l’attaccante francese di Simeone, che in questo caso colpisce con il sinistro mandando la palla sotto l’incrocio dei pali su assist di Jackson Martinez. Con questo risultato l’Atletico sale a 5 successi contro una sola sconfitta, l’esatto contrario del Getafe. Espanyol – Valencia è stata una gara che ha dato molto lavoro all’arbitro Ignacio Iglesias Villanueva che ha ammonito in totale 12 giocatori, 5 dei vincitori e 7 degli sconfitti. Il risultato finale di 1–0 per l’Espanyol allenato da Sergio Gonzalez con una rete di Victor Alvarez che insacca con un colpo di testa dal limite dell’area di porta. Colpaccio della Real Sociedad a Granada dove la formazione ospite vince per 3 – 0 con una tripletta di Imanol Agirretxe. Le tre reti al 7°, al 33esimo ed al 79esimo, la prima su assist di Zurutura e la terza su assist di Ruben Pardo. Il Levante e l’Eibar pareggiano per 2–2, con il primo vantaggio della formazione ospite che arriva al 10° per merito di un colpo di testa di Borja Baston; Ad inizio ripresa l’Eibar raddoppia sempre con il suo attaccante, poi sale in cattedra il Levante che prima accorcia le distanze con Morales al 54esimo e poi trova la rete del definitivo pareggio al terzo minuto di recupero con Deyverson che mette in rete di testa. Il Rayo Vallecano vince per 2–1 contro lo Sporting Gijon passando in vantaggio con Trashorras dopo 40 minuti del primo tempo e raddoppiando al quarto minuto della ripresa con Javi Guerra. Non passa nemmeno un minuto e lo Sporting Gjion accorcia le distanze con Jony, ma poi non riesce a mettere a segno il 2–2. Il Siviglia si arrende a Las Palmas, dove i locali vincono con il minimo scarto grazie ad una rete segnata da Roque dopo 30 minuti di gioco. Il Siviglia prova a reagire per i restanti 60 minuti ma il Las Palmas controlla con bravura ed intasca i tre punti. Nell’ultima gara della giornata l’unico pareggio a reti inviolate tra Villareal e Malaga.