BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Video / Chievo-Torino (1-0): gol e highlights della partita. L’amarezza di Bruno Peres (Serie A 5^giornata, 23 settembre 2015)

Video Chievo-Torino, risultato finale 1-0: highlights e gol della partita. La rete di Lucas Castro fa volare i veneti che sono quarti in classifica, è la prima sconfitta per i granata

Foto InfophotoFoto Infophoto

Grande vittoria del Chievo, che fra le mura domestiche dello stadio Bentegodi supera il Torino con il risultato di uno a zero, rete di Lucas Castro, portandosi così al quarto posto assoluto in classifica, a quota 10 punti al pari di Sampdoria e proprio dei granata. A fine match, amarezza per il terzino brasiliano dei piemontesi, Bruno Peres, che parlando alla tv ufficiale del Toro ha ammesso: «Era una partita difficile, il Chievo si è un po’ chiuso e non c’erano spazi per attaccare, cosa che invece siamo abituati a fare. Il Torino ha comunque giocato bene, ha creato diverse opportunità ma non siamo riusciti a segnare. E’ dura quando si perde ma dobbiamo lavorare perché domenica abbiamo un’altra partita e dobbiamo vincere». Di seguito il video con le parole del terzino del Torino. 

Bella vittoria del Chievo, che nella quinta giornata del campionato di Serie A 2015-2016, batte il Torino fra le mura domestiche dello stadio Bentegodi. A decidere il match con il gol vittoria è stato l’esterno d’attacco argentino Lucas Castro, sbarcato a Verona durante lo scorso calciomercato estivo. L’ex Catania ha ricevuto una bella palla in contropiede, si è avvicinato all’area e dopo un bel dribbling su un difensore avversario ha scagliato un gran tiro su cui l’estremo difensore del Torino, Padelli, nulla ha potuto. Una rete da bomber di razza quello del calciatore sudamericano, che potete rivedere nel video qui sotto. 

Partita molto brutta tra Chievo e Torino, con la vittoria risicata dei gialloblu grazie al gol di Castro che mette a frutto una superiorità territoriale che guardando a tutti i novanta minuti rende merito al Chievo ed evidenzia la terribile prestazione del Toro. A livello di statistiche si vede che nonostante il possesso palla sia a leggero vantaggio dei granata, con 53% a 47%, il resto dei numeri vede vincere la squadra di Maran che grazie all'innesto di Meggiorini fa prendere bottino pieno ai veronesi. Sono ben 11 i tiri fatti dal Chievo contro i soli 4 del Toro, ma ancora peggio le occasioni nello specchio: 5 contro uno solo, quello di Glik di testa, non proprio irresistibile. Tiri sballati, vince sempre il Chievo con 5 a 3, con l'unica buona statistica dei granata che riguarda il portiere, bravo ad intercettare le conclusioni di Paloschi. Pochissimi falli in campo, con poco nervosissimo e nessun episodio da moviola da registrare: nel complesso davvero una partita avara di emozioni e di occasioni.

Non ci sono molte parole per il Torino che arriva alla prima sconfitta in campionato dopo la sconfitta a Verona contro il Chievo per 1-0: decide tutto Castro con un bel tiro da fuori e fa saltare il banco a Giampiero Ventura e all'intera retroguardia dei granata, ben retta fin lì da  un buon Padelli, forse il migliore dei suoi. Ecco proprio le sue parole a fine gara: "Perdere una partita ci sta, non eravamo da primo posto, non siamo da retrocessione adesso. Il punto fondamentale è capire perché e correggere subito gli errori". Per il portierone del Toro era una partita da pareggio ma il Chievo è stato più bravo, "non siamo stati in grado di sfruttare le giuste ripartente". Di tutt'altro umore ovviamente il man of the match, Lucas Castro che con il suo gol ha deciso tutto: "Per fortuna abbiamo avuto un’occasione e l’abbiamo sfruttata, quindi sono contento per il gol e per la vittoria. Credo che anche con l’Inter abbiamo fatto una bella partita. Dobbiamo continuare su questa strada che ci porterà bene", afferma a fine gara ai microfoni di Sky Sport. Si dice molto felice della sua permanenza a Verona, confidando che l'essersi messi a posto a livello fisico gli ha fatto fare il salto di qualità che ora finalmente sta pagando. (Niccolò Magnani)