BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

DIRETTA / Genoa-Milan (risultato finale 1-0) info streaming video e tv: rossoneri ko! (Serie A 2015, oggi 27 settembre)

Diretta Genoa Milan, info streaming video e tv: risultato live e cronaca della partita dello stadio Ferraris, che è valida per la sesta giornata del campionato di Serie A 2015-2016

Foto InfophotoFoto Infophoto

Il Genoa supera il Milan 1-0 grazie al gol messo a segno da Dzemaili al 9' direttamente su calcio di punizione. La deviazione involontaria di Bonaventura ha beffato Diego Lopez e ha permesso al Grifone di portarsi in vantaggio. Al 41' i rossoneri si ritrovano in dieci a causa della doppia ammonizione di Romagnoli. Nella ripresa gli uomini di Mihajlovic giocano paradossalmente meglio in inferiorità numerica ma non riesco ad acciuffare il pareggio. Nel finale il Milan si divora due colossali palle gol con Kucka ed Ely. Il Genoa torna alla vittoria dopo tre sconfitte consecutive. 

Quando siamo all'80 il risultato di Genoa-Milan è sempre di 1-0 in favore dei padroni di casa. Il Grifone, dopo esser stato passivo per una buona parte della ripresa, torna a farsi vedere dalle parti di Diego Lopez con Pavoletti, girata sul fondo su assist di Laxalt, e Capel, sinistro dal limite terminato alto di poco. Mihajlovic tenta il tutto per tutto in questo finale richiamando Bonaventura per Bacca: i rossoneri schierano il tridente in questi ultimi minuti di gioco.  

Quando siamo al 65' il risultato di Genoa-Milan è sempre di 1-0 in favore dei padroni di casa. Segnali incoraggianti dei rossoneri che, pur giocando con l'uomo in meno, creano almeno due buone palle gol con Balotelli. SuperMario prima si rende pericoloso al 56' da calcio di punizione: il suo tiro dal limite supera la barriera ma non inquadra la porta di poco. Successivamente lo stesso attaccante, ben servito da Bertolacci, tenta il diagonale in area ma Lamanna para senza problemi. 

Quando siamo al 50' il risultato di Genoa-Milan è sempre di 1-0 in favore dei padroni di casa. Prima della fine del primo tempo doccia fredda per i rossoneri. Zapata commette un erroraccio dando il via libera a Diego Capel. Romagnoli, già ammonito è costretto ad atterrare lo spagnolo: Tagliavento estrae il doppio giallo all'indirizzo dell'ex Roma e il Milan è costretto a giocare tutta la ripresa in dieci uomini. Mihajlovic ha speso quindi il primo cambio per equilibrare la squadra: fuori De Jong, dentro Rodrigo Ely. Sotto di un gol, sotto di un uomo: per il Milan si fa dura. Nella ripresa subito occasione per il Milan: Balotelli serve Luiz Adriano il cui tiro trova l'attenta risposta di Lamanna in corner. 

Quando siamo al 35' il risultato di Genoa-Milan è sempre di 1-0 in favore dei padroni di casa. I rossoneri non riescono ad impostare una manovra ordinata complice l'ottima organizzazione degli uomini di Gasperini ma nel finale di tempo si rendono pericolosi in due circostanze. Il primo squillo del Diavolo arriva al 21' quando Bonaventura cerca il tiro dalla distanza: pallone alto di non molto sopra la traversa di Lamanna. Al 34' occasione per Balotelli: corner di Bonaventura, colpo di testa di SuperMario terminato fuori di poco. 

Quando siamo al 20' il risultato di Genoa-Milan è di 1-0 in favore dei padroni di casa. Il gol porta la firma di Dzemaili. Al minuto numero 9 Tagliavento concede un calcio di punizione agli uomini di Gasperini all'altezza dei 20 metri. Da posizione leggermente defilata sulla sinistra Dzemaili lascia partire un destro che viene deviato dalla barriera rossonera (Bonaventura) prima di terminare alle spalle dell'incolpevole Diego Lopez. Genoa meritatamente in vantaggio. Del Milan non c'è ancora traccia. 

Quando siamo al 7' il risultato di Genoa-Milan è sempre di 0-0. Inizia meglio il Grifone che al 4' sfiora il vantaggio con Diego Capel. Zapata frana su Pavoletti, punizione da posizione centrale per il Genoa. Siamo ai 25 metri, Dzemaili finta il tiro e appoggia per Capel il cui sinistro termina sul fondo sfiorando il palo. Grande occasione per gli uomini di Gasperini. 

E dunque sta per cominciare tra pochissimi istanti l'anticipo della sesta giornata di Serie A, un Genoa-Milan che come sempre regala gol ed emozioni, con rare eccezioni di 0-0 nel recente passato. Sole e bel tempo sopra il Ferraris di Genova dove le due formazioni, piene di ex su entrambi i lati, proveranno a buttarsi subito in avanti avendo ben poco da perdere e sviluppando un gioco che prevede l'attacco come mantra quasi unico. In attesa delle squadre che stanno per entrare in campo, ecco le formazioni ufficiali con qualche novità dell'ultimora: Gasperini punta tutto su Pavoletti davanti, con l'appoggio di Diego Capel, confermano invece il genietto Perotti dietro le punte. Sinisa Mihajlovic invece conferma la coppia inedita Luz Adriano e Balotelli, dando un turno di riposo all'ottimo Carlos Bacca. In assenza del grande ex di giornata, ovvero Kucka, il Milan schiera per la prima volta nella stagione Montolivo e De Jong insieme. Ecco dunque gli undici iniziali del Genoa, schierati con il 3-4-1-2: Lamanna, De Maio, Burdisso, Marchese; Figueiras, Rincon, Dzemaili, Laxalt; Perotti; Pavoletti, Capel. A disposizione di Gasperini, Ujkani, Sommariva, Ierardi, Gakpé, Izzo, Lazovic, Tachtsidis, Raul Asensio, Ntcham. Risponde il Milan invece con questi titolari, schierati con il solito 4-3-1-2: Diego Lopez, Calabria, Zapata, Romagnoli, De Sciglio; De Jong, Montolivo, Bertolacci; Bonaventura; Luiza Adriano, Balotelli. A disposizione di Mihajlovic invece: Abbiati, Donnarumma, Alex, Antonelli, Rodrigo Ely, Kucka, Nocerino, Poli, Suso, Honda, Bacca, Cerci 

Il dubbio più grande riguarda l'attacco del Milan con Bacca che potrebbe restare fuori perché Mihajlovic intende dare una bella occasione a Luiz Adriano assieme a Balotelli. Sarà una sfida tattica tra due allenatori che amano affrontare le partite giocando all'attacco. Gasperini punterà sul solito 3-4-3 mentre Mihajlovic confermerà ancora Honda da trequartista anche se Suso potrebbe essere la sorpresa dell'ultimo momento. Una partita che promette spettacolo con la chiave tattica da ricercarsi nel duello a centrocampo con il Milan che dovrà chiedere sicuramente un lavoro importante al trequartista che dovrà arretrare il proprio raggio d'azione per duellare con il centrocampo a quattro del club ligure. Gli esterni d'attacco del Genoa, probabilmente Laxalt e Ntcham, cercheranno di impensierire la difesa del Milan che soffre particolarmente quando viene attaccata.

Il Genoa è reduce dalla sconfitta contro la Lazio e in classifica è 17ma appena sopra le tre neopromosse, ha raccolto appena tre punti con una vittoria e quattro ko, sono solo due le reti fatte e sei le subite. Dall'altra parte c'è un Milan in settima posizione che sta lavorando per trovare un'identità. Sono stati raccolti nove punti con tre vittorie e due sconfitte, otto i gol fatti e quelli subiti. I padroni di casa hanno una media per partita maggiore di possesso palla, 25'26'' rispetto ai 24'58'' dei rossoneri. Milan che però tira di più, 49 conclusioni a 42 di cui 22 a 16 in porta. Il giocatore che ha recuperato più palloni è Sebastian De Maio con 17, quello che ha completato più passaggi Tino Costa con 26.

Diamo uno sguardo agli ultimi confronti tra Genoa e Milan nel campionato di Serie A. I rossoblu di Gasperini non se la stanno passando tanto bene, dopo il KO esterno sul campo della Lazio la formazione ligure si trova in piena zona retrocessione, con appena 3 punti in 5 giornate; i rossoneri di Mihajlovic, pur con diversi difetti di gioventù, sembrano aver cominciato a carburare e ora puntano alle parti alte della classifica, magari confidando nel tridente d'attacco formato da Carlos Bacca, Luiz Adriano e Mario Balotelli. Lo scorso anno, quando il Genoa lottava per un posto in Europa, entrambe gli scontri diretti contro il Milan furono appannaggio della formazione ligure: all'andata (7 dicembre 2014 a Marassi) i padroni di casa vinsero 1-0 con la rete di Antonelli; al ritorno (29 aprile 2015 a Milano) il Genoa espugnò il Meazza vincendo 1-3, con le reti di Niang, Iago Falque e Bertolacci per gli ospiti e il gol di Mexes per i padroni di casa. Dal 2007 a oggi, 9 successi per i rossoneri, 4 per i rossoblu e 3 pareggi 

La sesta giornata di Serie A Tim mette a confronto Genoa e Milan, distanziate da ben 6 punti in classifica, con i rossoneri al settimo posto e i liguri al quart'ultimo. In casa del diavolo, a poche ore dalla gara contro i ragazzi di Gasperini, ha parlato l'ex giocatore Giovanni Stroppa (sia ex rossonero che rossoblu): "Il Milan è in ripresa però ogni tanto sembra possa ricadere nelle difficoltà incontrate di inizio stagione, proprio come si è visto nel secondo tempo di Udine. Gasperini è molto bravo a preparare le partite e sicuramente escogiterà qualcosa per bloccare la manovra rossonera. Il Genoa dovrà adattarsi all'avversario e non concedergli spazi. il Milan ha dato l'impressione di avere molte alternative di gioco: l'inserimento della mezzala, vedi le reti di Bonaventura, il tiro da fuori area, per esempio con Bacca e Balotelli, e il costante utilizzo degli esterni. Sono una squadra importante che può ambire a un posto in Champions". Ecco invece quanto dichiarato dall'ex tecnico del Genoa, e attuale commentatore Sky, Claudio Onofri in vista del match tra il grifone e i lombardi: "Il momento che sta attraversando il Genoa è critico. Non ha giocato benissimo ma avrebbe meritato qualche punto in più. I tifosi devono appoggiare la squadra perché non è un momento facile. Da un punto di vista realizzativo si sente molto l'assenza di Pavoletti mentre in difesa il problema sono state le disattenzioni. La squadra può crescere molto anche se penso che siano lontani i livelli dell'anno scorso".

Si gioca alle ore 12:30 di oggi e sarà diretta dall'arbitro Tagliavento; allo stadio Luigi Ferraris si apre all’ora di pranzo, appuntamento ormai consueto da qualche anno, la domenica dedicata alla sesta giornata del campionato di Serie A 2015-2016. E’ una partita che possiamo definire speciale per Sinisa Mihajlovic, che nelle ultime due stagioni ha guidato l’altra squadra di Genova portandola a ottimi risultati; il tecnico serbo torna a Marassi da avversario e si prepara a ricevere un’accoglienza non esattamente da eroe 

Oggi però guida il Milan, che vuole riportare in Europa dopo due stagioni di magra; tra alti e bassi i rossoneri hanno conquistato 9 punti, frutto di tre vittorie e due sconfitte. Sta peggio il Genoa, che ha 3 punti: dopo la vittoria interna alla seconda giornata sono arrivate tre sconfitte consecutive. Forse non è sufficiente per mettere in discussione un Gian Piero Gasperini che due o tre cose con il Grifone le ha fatte, ma di sicuro c’è un po’ di preoccupazione in casa ligure pur se guardando il calendario si scopre che l’avvio di stagione non è stato dei più semplici.

Dunque gli obiettivi sono diversi, pur se entrambe le squadre vogliono ovviamente i tre punti: il Genoa deve uscire dalla zona calda della classifica, il Milan cerca di riagganciarsi al treno delle prime posizioni e non perdere troppo terreno dalla capolista. Il Genoa come detto ha perso tre partite consecutive; sono state però Fiorentina, Juventus e Lazio, avversari non propriamente morbidi. 

Casomai quello che può preoccupare è il fatto che dall’inizio del campionato i rossoblu hanno segnato appena due gol, quelli della vittoria sul Verona; lo spumeggiante attacco dello scorso anno al momento non si vede, ma va anche detto che Gasperini sta pagando le tante assenze in tutti i reparti (fuori soprattuto Perin, Tino Costa e Pavoletti) e che come al solito in estate il calciomercato ha rivoluzionato la rosa. Il Milan prosegue la sua marcia tra alti e bassi: a Udine ha giocato un grande primo tempo con tre gol, nella ripresa ha rischiato di farsi recuperare. 

E’ l’immagine del momento: una squadra che sul piano del gioco non decolla e che ha ancora tante contraddizioni, ma che ha giocatori di talento (da Carlos Bacca, tre gol nelle prime cinque giornate, a Mario Balotelli che ha trovato la prima rete nella seconda avventura rossonera) che possono risolvere le partite. Qui la preoccupazione è legata alla fase difensiva: il Milan ha già incassato 8 gol e non è mai riuscito a tenere la sua porta inviolata. Se l’attacco (8 gol fatti) continuerà a produrre con questi numeri l’Europa potrebbe essere possibile, ma bisognerà trovare il giusto equilibrio. A noi adesso non resta che metterci comodi, dare la parola al campo e stare a vedere come andrà a finire questo interessante anticipo dell’ora di pranzo allo stadio Ferraris di Genova: la diretta di Genoa-Milan, valida per la sesta giornata del campionato di Serie A 2015-2016, sta per cominciare…

Per Genoa-Milan, partita valida per la sesta giornata della Serie A 2015-2016, i bookmaker della Snai che hanno stilato le quote ci danno le seguenti informazioni sulle scommesse: il segno 1 (vittoria Genoa) vale 3,10; il segno X (pareggio) vale 3,30; il segno 2 (vittoria Milan) vale 2,35 volte la somma che si deciderà di giocare.

La diretta tv di Genoa-Milan è affidata alla televisione satellitare, in particolare ai canali Sky SuperCalcio e Sky Calcio 1, e alla pay tv del digitale terrestre andando su Premium Sport e Premium Sport HD; senza costi aggiuntivi potrete avvalervi della diretta streaming video attivando su PC, tablet e smartphone le applicazioni Sky Go e Premium Play. In alternativa potrete consultare le pagine che le due società mettono a disposizione sui social network, in particolare Facebook e Twitter. A proposito: anche la Lega nazionale offre aggiornamenti costanti tramite i suoi profili ufficiali, li trovate agli indirizzi facebook.com/serieatim e @SerieA_TIM.