BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle / Verona-Lazio (1-2): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2015-2016, 6^ giornata)

Pubblicazione:domenica 27 settembre 2015 - Ultimo aggiornamento:domenica 27 settembre 2015, 18.10

Foto Infophoto Foto Infophoto

LE PAGELLE DI VERONA-LAZIO 1-2 (SERIE A 2015-2016, 6^GIORNATA): FANTACALCIO, I VOTI DELLA PARTITA - Una risposta ai dubbi, alle critiche, ai venti di crisi post-Leverkusen: la seconda vittoria consecutiva della Lazio, che porta gli uomini di Pioli vicini alle posizioni nobili della graduatoria, è un'imposizione di cuore e di grinta, meritata nonostante la strenua lotta del Verona di Mandorlini, troppo debilitato dalle assenze per non risentirne. In gol prima Helander, poi Biglia su rigore e quindi, sulla sirena, Parolo su punizione.

VOTO HELLAS VERONA 6 - Non si può condannare la squadra, nonostante i limiti e la partita troppo difensiva: le assenze e l'infortunio a gara in corso anche di Gomez hanno reso il lavoro di Mandorlini quasi proibitivo. CLICCA QUI PER LE PAGELLE DEL VERONA

VOTO LAZIO 7 – Che carattere! Il momento buio poteva far precipitare le cose e tramutarsi in crisi vera: bravissimo Pioli, assieme alla squadra, a rilanciare e uscire dall'angolo. Inizia probabilmente ora la nuova stagione biancoceleste. CLICCA QUI PER LE PAGELLE DELLA LAZIO

VOTO SIG.GIACOMELLI (ARBITRO) 5,5 – Non convincono alcune decisioni nelle rispettive aree di rigore, a dire il vero molto complicate da valutare. Può fare meglio, in ogni caso.

PAGELLE VERONA-LAZIO: FANTACALCIO, I VOTI DELLA PARTITA (SERIE A 2015-2016, 6^ GIORNATA). IL PRIMO TEMPO - Come parcheggiare il pullman davanti alla propria porta e vivere felici: parafrasando, questo è stato il primo tempo di Hellas Verona-Lazio, con i padroni di casa ultra difensivi ma fortunati e premiati dal gol del vantaggio di Helander.
Privo di Toni e Pazzini per infortunio, Mandorlini (voto 6) si adatta e costruisce una partita decisamente bloccata, con Sala (voto 6) e Jankovic (voto 6,5) a fare i terzini aggiunti più che le ali nel 4-3-3: Pioli (voto 6) si trova dunque davanti una muraglia gialloblu e affida a Felipe Anderson (voto 6) le chiavi della manovra d'attacco, anche se i lanci e gli assist migliori sono di Parolo (voto 6,5), senza trovare però in Djordjevic (voto 5) e Milinkovic-Savic (voto 5,5) dei terminali adatti.
Molto positivo per spinta e intraprendenza sulla destra Basta (voto 6,5), un pò meno presente Lulic (voto 5,5). La sensazione è che Kishna (voto 6), entrato solo a tratti nella manovra in maniera convinta, possa essere l'arma giusta con i suoi cross, anche da trequarti; nel Verona, nonostante l'avvio tutt'altro che sicuro, promossa la coppia centrale Moras-Helander (voto 6), anche a causa delle mancanze di Djordjevic.

VOTO HELLAS VERONA 6 – Minimo sforzo (offensivo), massimo risultato. Primo tempo quasi interamente dedicato a chiudere ogni spazio ai biancocelesti, con il "regalo" della difesa laziale agli avanti veronesi sulla punizione di Viviani
MIGLIORE HELLAS VERONA JANKOVIC VOTO 6,5 – E' lo specchio dell'anima lottatrice del Verona odierno, con corsa a perdifiato sulle tracce di Basta e tante chiusure preziose
PEGGIORE HELLAS VERONA J. GOMEZ VOTO 5,5 – La traversa, che per sua fortuna diventa gol con il tap in di Helander, è peccato di mira più che sfortunta, vista la distanza. Come tutti i compagni – e stride essendo lui la prima punta nello schema di Mandorlini – molto più impegnato in difesa che in attacco

VOTO LAZIO 6 – Il pareggio sarebbe stato risultato assai più veritiero, ma non basta come giustificazione. Deve trovare il modo di essere pericolosa in zona Rafael, giocare costantemente negli ultimi 30 metri avversari rischia altrimenti di diventare una beffa
MIGLIORE LAZIO PAROLO VOTO 6,5 – Mette in porta Djordjevic e Kishna nel finale, dimostrando di avere piede caldo e idee chiare. E' chiamato con Biglia proprio a questo tipo di invenzioni, nella ripresa
PEGGIORE LAZIO DJORDJEVIC VOTO 5 – Non è mai pericoloso, sbatte contro Moras e Helander e sull'unica vera occasione che si crea, servito da Parolo, sbaglia l'aggancio/tiro da pochi metri (Luca Brivio)


  PAG. SUCC. >