BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Italia-Bulgaria (1-0): i voti della partita (qualificazioni Euro 2016, gruppo H)

Giorgio Chiellini, 31 anni (INFOPHOTO)Giorgio Chiellini, 31 anni (INFOPHOTO)

Bulgaria

Qualche intervento e disimpegno non particolarmente brillante, nel primo tempo. Un salvataggio ai limiti del miracoloso su Parolo, nella ripresa.

Soffre molto le ali azzurre, si fa ammonire ed esce prima del tempo, anche per evitare guai peggiori.

Duello particolarmente fisico con Pellè, che impegna lui ed il compagno di reparto, capaci però di disinnescarlo almeno nel tiro in porta.

Come Aleksandrov e anzi ancor di più è aggressivo al limite del fallo, arrampicandosi sulle spalle di Pellè e stendendo chi gli capita a tiro, a più riprese.

Causa il rigore con un fallo ingenuo e inutile. El Shaarawy gli fa girare la testa senza però affondare definitivamente il coltello nel burro.

Uno dei pochi a salvarsi per tecnica e geometrie, quando salta il pressing di Verratti può pensare anche a impostare qualche azione, senza però essere seguito dai compagni.

Nel suo stadio, lui che è un palermitano "acquisito", delude, fallendo quasi totalmente nei compiti tattici in mezzo al campo.

Prova nel secondo tempo a coprire la brutta partita con un affondo con tiro che sfiora l'incrocio. Per il resto è in ritardo e impreciso.

Tecnicamente potrebbe e dovrebbe essere il leader offensivo, come il numero 10 sulle sue spalle suggerisce. Resta troppo a lungo nell'ombra.

La sua incursione palla al piede, nel recupero, mette i brividi a Conte. Un piccolo "plus" rispetto agli altri, ma è comunque ben al di sotto del 6.

Il più pericoloso dei suoi nel primo tempo, pare avere le capacità per impegnare ancora la difesa azzurra ma l'espulsione interrompe la sua partita dopo meno di un'ora.

 

Spinge più del compagno sostituito sulla destra ma non trova mai particolare efficacia.

Sia lui che Aleksandrov ci mettono voglia e determinazione, provando qualche buono spunto palla al piede nel finale.

Si fa apprezzare per tecnica e inventiva sulla trequarti avversaria. Perchè tenerlo in panchina fino a metà secondo tempo?

 

All.PETEV 5: I cambi sembrano un po' tardivi, la sua squadra si fa schiacciare e con un secondo gol (sarebbe stato meritato) per l'Italia, il match sarebbe andato in archivio molto prima.

 

(Luca Brivio)

© Riproduzione Riservata.