BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TENNIS WTA/ Gli Oscar al 2015: Serena Williams, numero 1 delusa. Pennetta-Vinci leggendarie, che fine ha fatto la Bouchard?

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

L’abbraccio con Roberta, le risate pre e post consegna dei trofei, l’atmosfera rilassata e i tanti messaggi di auguri e felicitazioni da parte delle colleghe: Flavia non l’avrebbe nemmeno potuto immaginare, un momento così. C’è stato, e ce lo teniamo ben stretto. 

SARANNO FAMOSE - L’estate 2015 ci ha consegnato primi titoli WTA di Belinda Bencic (’97), Ana Konjuh (’97) e Camila Giorgi, che però è una classe ’91 e non può rientrare in questa categoria. Altri nomi? Catherine Bellis, per tutti CiCi, è una ’99 e a marzo il suo incrocio a Miami con Serena Williams è sembrato essere un passaggio di consegne, anche se la giovanissima californiana si è maggiormente dedicata al mondo juniores (come è giusto che sia). Jelena Ostapenko e Daria Kasatkina, due 1997, sono campionesse di Slam juniores e hanno già fatto parlare di loro nel circuito professionistico; l’anno prossimo potrebbe essere il loro momento.

L’ITALIA - Il bilancio è chiaramente positivo: la prima finale Slam tutta italiana nella storia del tennis basta da sola a bollare questa stagione come straordinaria. Guardando più sotto troviamo il titolo di Camila Giorgi a ’s-Hertogenbosch, ma poco di altro; la stessa Giorgi ha confermato la sua incostanza e un gioco monocorde che non la porterà lontano. Sara Errani è calata; lontani i fasti del 2012 e 2013, si è tenuta a galla (numero 20 del ranking) ma senza picchi di rendimento (anche se ha trionfato a Rio de Janeiro). Soprattutto, va registrato il disastro in Fed Cup (da 2-0 a 2-3 contro la Francia, in casa) che ha portato alla separazione della storica coppia Errani-Vinci. Forse per sempre, anche se qualcuno ci spera per le Olimpiadi. Si vedrà…

(Claudio Franceschini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.