BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Bologna-Lazio (2-2): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2015-2016, 20^ giornata)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

LE PAGELLE DI BOLOGNA-LAZIO: I VOTI DEI FELSINEI

MIRANTE 6: Viene chiamato in causa poche volte, ma si fa trovare sempre pronto. Sui due gol non può nulla.

ROSSETTINI 5: Recupera preziosi palloni in difesa, ma va spesso in difficoltà con la velocità supersonica di Keita.

OIKONOMOU 6: Primo tempo egregio con due anticipi miracolosi nella sua area di rigore. Nella ripresa viene ripreso dai suoi tifosi per qualche giocata leziosa di troppo in un momento complicato per la sua squadra.

GASTALDELLO 6,5: Gioca una buona partita individuale e comanda alla perfezione il reparto difensivo. Rischia un autogol clamoroso, ma viene graziato dal palo. Dalla sua uscita di scena si sfalda qualcosa nella difesa felsinea.

DAL 62’ A. FERRARI 5: Entra male in partita e non riesce a dare sicurezza alla difesa.

MASINA 5.5: Gioca una buona partita e non si lascia sopraffare da un Candreva in grande spolvero dalle sue parti. 

A. DIAWARA 6,5: Tanto lavoro oscuro in mezzo al campo, ma preziosissimo.

TAIDER 6: Dà una mano alla squadra in entrambe le fasi senza mai strafare.

BRIGHI 6,5: Molto ispirato in fase offensiva nel primo tempo. Nella ripresa cala fisicamente.

GIACCHERINI 7: Segna un gol bellissimo a inizio partita su punizione. E’ sempre una spina nel fianco della difesa biancoceleste, ma nel secondo tempo non riesce più a creare pericoli.

DAL 71’ ZUNIGA 6: Entra in campo motivato e dà una mano alla squadra nei complicati minuti finali.

MOUNIER 6: SI sacrifica molto in fase difensiva, lasciando poco spazio a quella offensiva. Con grande personalità si prende in spalla la squadra nei minuti di difficoltà finali.

DESTRO 6,5: Su uno dei pochi buoni palloni che riceve segna il momentaneo 2-0.

DALL’83° FLOCCARI: S.V.

ALL. DONADONI 7: Buona prova della squadra contro una big del campionato. Resta l’amaro in bocca per non aver vinto la partita, ma esce a testa alta dal campo in attesa di ulteriori rinforzi dal mercato.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >