BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LEGA PRO/ Il bilancio di metà stagione: top, flop e sorprese dei gironi A, B, C

Pubblicazione:

(dall'account ufficiale Twitter @spalferrara)  (dall'account ufficiale Twitter @spalferrara)

GIRONE C, LA SITUAZIONE - Corsa promozione splendida: Casertana in testa con 33 punti, Foggia (31) con serie ambizioni, un Lecce (29) in netta ripresa e il Cosenza (27) sempre in agguato, con il Benevento (26) che non può essere tagliato fuori. Salvezza: la Lupa Castelli Romani (5) è staccata dal resto del gruppo, coinvolto anche l’Akragas (16) che a inizio stagione era in zona playoff, causa penalizzazione rischia anche l’Ischia Isolaverde (14). 

GIRONE C, LA SQUADRA TOP: FOGGIA - Non è in testa, ma è un dettaglio: la squadra pugliese dopo 18 anni di Serie C o Lega Pro vuole la promozione senza se e senza ma. Finora una grande stagione: ha vinto tutti gli scontri diretti a eccezione del Benevento, ha rifilato quattro gol in trasferta al Lecce, arriva da quattro vittorie consecutive e ha perso solo una volta dal 20 settembre. Non avesse iniziato con un punto in tre partite oggi sarebbe in fuga; Pietro Iemmello (9 gol) è una garanzia e il suo sostituto Alessio Viola ha segnato 5 gol in due partite di coppa. E poi la difesa: appena 8 gol subiti in 16 partite.

GIRONE C, LA SQUADRA FLOP: CATANIA - La classifica al netto della penalizzazione ci dice che sarebbe quarta, ma dopo un brillante avvio tutti aspettavano qualcosa in più. Vale a dire una rincorsa che portasse il Catania a essere in zona playoff a Natale, o se non altro in linea di galleggiamento; invece gli etnei si devono ancora guardare alle spalle, e questo perchè a novembre ha avuto un periodo da una sconfitta e tre pareggi. La rosa è di livello superiore e Caetano Calil è già a quota 9 gol, ma la difesa subisce troppo (18 reti) e questo rappresenta un problema. Dura trovarla a lottare per le prime quattro posizioni a maggio.

GIRONE C, LA SORPRESA: FIDELIS ANDRIA - Fino a poco tempo fa sarebbe stato l’Akragas, poi crollato; i pugliesi sono partiti con il botto battendo Lecce (in trasferta) e Matera, hanno vinto quattro delle prime sei partite e poi hanno tenuto il ritmo, rimanendo imbattuti per sei giornate prima di perdere a Cosenza. Con 10 gol subiti l’Andria ha la terza difesa del girone; con questo rendimento si può sicuramente puntare a una salvezza tranquilla, ma i playoff sono lì a 5 punti e allora perchè non provarci?

(Claudio Franceschini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.