BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PARIGI-DAKAR 2016/ Risultati e classifica (seconda tappa, lunedì 4 gennaio 2016)

Pubblicazione:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

PARIGI-DAKAR 2016: RISULTATI E CLASSIFICA (SECONDA TAPPA, LUNEDì 4 GENNAIO 2016) - La seconda tappa della Parigi-Dakar 2016 ha finalmente fatto parlare dei veri protagonisti, i piloti, dopo un inizio complicato da incidenti e rinvii. Una tappa che doveva essere interlocutoria si è invece rivelata foriera di grandi sorprese, contribuendo a definire meglio la classifica generale.

La tappa che ha portato la carovana da Villa Carlos Paz a Termas de Rio Hondo, per una distanza complessiva di circa 800 chilometri, è stata in parte revisionata a causa della pioggia torrenziale che si è abbattuta sulla corsa nei giorni precedenti e che non sembra intenzionata a lasciare campo libero a condizioni più normali. Una tappa comunque molto lunga, in cui i partecipanti hanno dovuto fare estrema attenzione al fine di cercare di amministrare al meglio i mezzi e i consumi del carburante.

Se nella prima parte il fondo è stato roccioso, con molto fango a rendere più complicato il tutto, nel finale ha invece prevalso la sabbia. Per quanto riguarda le auto, va registrato il primo acuto di uno degli attori più attesi, il campione del mondo dei Rally, Sebastien Loeb. Il pilota francese ha infatti iniziato alla grande la sua avventura nella Dakar 2016, facendo intendere come chi punti alla vittoria finale dovrà senz'altro fare i conti con lui. Il nove volte campione del mondo ha infatti vinto la seconda tappa col tempo di 3 ore 45 minuti e 46 secondi, davanti ad un altro francese, quello Stephane Peterhansel suo compagno di marca, che è invece ormai un veterano della corsa. CLICCA QUI PER LA CLASSIFICA DELLA PARIGI-DAKAR 2016 (SECONDA TAPPA)

Sono stati 2 minuti e 23 secondi a dividere i due piloti transalpini della Peugeot, mentre a chiudere il podio di giornata è stato il russo Vladimir Vasilyev su Toyota, a quindici secondi da Peterhansel. Al quarto posto si è classificata un'altra Toyota, quella di De Villiers, davanti a Hirvonen su Mini, Despres (Peugeot), Al-Attiyah (Mini), Prokop (Toyota), Ten Brinke, vincitore del prologo (ancora Toyota) e Spataro (Renault). Non è andata bene invece a Carlos Sainz, costretto a lasciare oltre 10 minuti a causa di noie al motore che lo hanno costretto a fermarsi, uscendo di conseguenza dai primi dieci posti della graduatoria generale. Ora il pilota spagnolo si trova quindi costretto ad inseguire i migliori e dovrà cercare di non perdere ulteriore terreno.

Anche Nani Roma ha dovuto pagare dazio al motore e al fango, costringendo la sui Mini X-Raid a lasciare oltre tre quarti d'ora sul campo. Come si può capire, proprio la fortuna ha quindi contribuito non poco a scavare i primi distacchi tra i piloti, con Sainz in particolare costretto ora a cercare una difficile rimonta. Nella classifica generale, Sebastien Loeb conduce davanti a Peterhansel, staccato di quasi due minuti e mezzo, a Vasilyev, a De Villiers e a Hirvonen. Al sesto posto troviamo Despres, davanti al vincitore della scorsa edizione, Al Attiyah, mentre è ottavo il ceco Prokop, che precede a sua volta Ten Brinke e Spataro.

Per quanto riguarda invece le moto, la seconda tappa è stata vinta da Toby Price, la cui KTM ha chiuso davanti alla Husqvarna di Ruben Faria (Husqvarna), con venti secondi di vantaggio. A completare il podio è stato lo slovacco Stefan Svitko, ancora su KTM, arrivato a un minuto e ventotto secondi. Al quarto posto si è classificato il francese Duclos, su Sherco TVS, davanti al'australiano Walkner, al portoghese Goncalves, al francese Barreda Bort, all'argentino Benavides, allo spagnolo Pedrero Garcia e al cileno Quintanilla.

La graduatoria generale vede ora Price menare le danze, con soli due secondi di vantaggio nei confronti di Faria, mentre Svitko insegue a quasi un minuto e mezzo. Al quarto posto troviamo il francese Duclos, con poco meno di due minuti di svantaggio, davanti all'australiano Walkner, a Barreda Bort, a Goncalves e a Benavides, primo degli argentini. Ora si attende la terza tappa, che potrebbe dare ulteriori risultanze e indicazioni anche per quanto riguarda i favoriti alla vittoria finale. CLICCA QUI PER I RISULTATI E LA CLASSIFICA DELLA PARIGI-DAKAR 2016 (SECONDA TAPPA)



  PAG. SUCC. >