BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

COREOGRAFIA DERBY/ Milan-Inter, curva Nord: la frase di Vasco Rossi per i nerazzurri

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

COREOGRAFIA DERBY, MILAN-INTER: LA FRASE D'AMORE DEI TIFOSI NERAZZURRI - La Curva Sud del Milan ha ricordato il gol di Mark Hateley contro l'Inter con l'immagine del colpo di testa con Collovati sovrastato dall'ariete rossonero nel derby del 1984; la Nord, la curva dell'Inter, ha risposto domenica sera con una frase d'amore ad effetto che sicuramente colpirà il cuore dei tifosi nerazzurri: "Più ti guardo e mi consolo, sei più bella che in un sogno". Frase tratta dalla canzone di Vasco Rossi "Accidenti come sei bella". Insomma tifosi nerazzurri innamorati anche dopo il 3-0 subito in Coppa Italia contro la Juventus e sicuramente anche dopo il 3-0 incassato nel derby contro il Milan. CLICCA QUI PER VEDERE L'IMMAGINE DELLA COREOGRAFIA DELLA CURVA NORD

COREOGRAFIA DERBY, MILAN-INTER: IL COLPO DI TESTA DI HATELEY SU COLLOVATI IN CURVA SUD - La coreografia della curva Sud di San Siro, poco prima di Milan-Inter, è già entrata nella galleria delle migliori gigantografie da curva; il colpo di testa di Mark Hateley a sorvolare Fulvio Collovati, nel derby dell’ottobre 1984, ha riportato a galla ricordi e momenti ormai lontani (sono passati più di 31 anni) e ha pure portato bene, visto che il Milan ha battuto 3-0 l’Inter (e, ricordiamo, il primo gol di Alex è stato quasi la fotocopia dello stacco di Hateley). Quello che magari era sfuggito è che appena prima di esporre la fantastica coreografia, la curva Sud si era lasciata andare alla contestazione nei confronti della società, e anche dei giocatori; la società è stata definita “allo sbando e senza ambizioni”, la squadra “mediocre e senza campioni”. Alla fine, lo striscione invitava i calciatori del Milan (in rima) a tirar fuori gli attributi; cosa che i rossoneri hanno fatto, per una serata di festa e una classifica che migliora. CLICCA QUI PER LA COREOGRAFIA IN CURVA SUD PRIMA DI MILAN-INTER

COREOGRAFIA DERBY, MILAN-INTER: IL COLPO DI TESTA DI HATELEY SU COLLOVATI IN CURVA SUD - Quando si dice il destino. Il Milan celebra in curva Sud il colpo di testa di Mark Hateley nel derby del 1984, e pochi minuti dopo il suo straordinario gesto atletico viene replicato sul campo. Al 35' minuto il gol che porta in vantaggio il Milan contro l'Inter, nella 23esima giornata della Serie A 2015-2016, porta la firma di Alex; il brasiliano aveva già segnato in questo campionato, contro il Frosinone (in un 4-2 a favore dei rossoneri). Questa volta però si tratta di un gol diverso: perchè è quello del vantaggio in un derby. E perchè, appunto, sembra quasi che la curva Sud e quella coreografia di Hateley abbiano spinto il numero 33 brasiliano a riprodurre la gigantografia: cross di Honda dalla destra, Alex stacca benissimo sovrastando Santon e mette in porta senza che Handanovic possa fare alcunchè. Ieri Hateley, oggi Alex: dall'Inghilterra al Brasile stavolta cambia poco, sempre un gol di testa in un derby è. E chissà se un giorno il difensore sarà immortalato in curva Sud...

COREOGRAFIA DERBY, MILAN-INTER: IL COLPO DI TESTA DI HATELEY SU COLLOVATI IN CURVA SUD - Le coreografie dei derby della Madonnina sono sempre state spettacolari. C’è una partita nella partita, che si gioca in curva: la Nord, casa dell’Inter, e la Sud che appartiene ai tifosi del Milan, si sono sempre sfidate a colpi di striscioni, gigantografie, frasi ad effetto, voci e colori.

La coreografia di questa sera non fa eccezione: in curva Sud spuntano un giocatore con la maglia del Milan e uno con la maglia dell’Inter. Il rossonero svetta sul nerazzurro andando a colpire un pallone di testa. Chi sono? Facile: si tratta di Mark Hateley e Fulvio Collovati. Strotoliamo il libro di storia: è il 28 ottobre 1984, derby a San Siro. Alessandro Altobelli la sblocca per l’Inter, il compianto Agostino Di Bartolomei pareggia per il Milan.

Finchè arriva lui: Mark Hateley da Wallasey, contea di Merseyside. All’epoca aveva quasi 23 anni e nella stagione precedente aveva segnato 22 gol con la maglia del Portsmouth, al Milan arrivava in sostituzione di Luther Blissett, il connazionale che era diventato famoso più per i gol sbagliati che per quelli segnati. Alla prima stagione in rossonero, Hateley ci aveva messo poco a entrare nel cuore dei tifosi. Franco Baresi rubava una palla ad Altobelli lanciando Pietro Paolo Virdis; cross preciso, Hateley prendeva il tempo e faceva un volo pazzesco, sovrastando Collovati e infilando all’angolino battendo Zenga. Il Milan vinse il derby, e non fu un risultato banale: la stracittadina di Milano andò alla squadra che passava in svantaggio dopo ben 28 anni, e i rossoneri festeggiarono una vittoria che non arrivava dal 1978-1979, anno dello scudetto della stella. Anni dopo, i protagonisti di quella partita avrebbero ricordato ancora con stupore quel gesto atletico da parte di Hateley; peccato che il Milan in quel campionato arrivò quinto, con l’Inter terza (era la stagione dello storico scudetto del Verona). Hateley quel giorno entrò nella storia del Milan, ma in generale non lasciò troppo il segno: 17 gol in 66 partite di campionato. Lasciò i rossoneri proprio alla vigilia dell’arrivo di Arrigo Sacchi, sostituito da un certo Marco Van Basten; la storia del Milan sarebbe cambiata per sempre, ma Mark Hateley nella storia rossonera ci era già entrato. (Claudio Franceschini)

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER LA COREOGRAFIA IN CURVA SUD PRIMA DI MILAN-INTER



  PAG. SUCC. >