BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Mancini, dito medio ai tifosi del Milan/ News: squalifica per una giornata al tecnico nerazzurro (oggi, 1 febbraio 2016)

Roberto Mancini, dito medio ai tifosi del Milan, 31 gennaio 2016, foto in cui l'allenatore mostra il dito medio ai tifosi rossoneri durante il Derby con l'Inter, la dichiarazione del Mister.

Roberto Mancini, infophoto Roberto Mancini, infophoto

Piove sul bagnato per il tecnico dell'Inter Roberto Mancini che dopo il k.o. contro il derby e le critiche a causa del dito medio mostrato ai tifosi del Milan, deve subire anche la squalifica per una giornata. Il tecnico infatti non ci sarà in campo nel match contro il Chievo in programma mercoledì sera a San Siro. Mancini è stato squalificato per "aver rivolto espressioni ingiuriose agli arbitri durante il derby". Una punizione che sicuramente non farà piacere al tecnico dell'Inter che vorrebbe restare in campo con i propri giocatori per riprendersi i tre punti.

L'Ussi ha criticato aspramente il comportamento del tecnico dell'Inter Roberto Mancini che ha litigato a Mediaset con la giornalista Calcagno. Queste le parole dell'Unione Stampa Sportiva Italiana: "E' inaccettabile il comportamento di Roberto Mancini nei confronti della collega di Mediaset Mikaela Calcagno, un'esibizione di grande maleducazione e arroganza che non può essere giustificata dal riusltato della partita. Poiché non è la prima volta che allenatori ben retribuiti come Mancini, hanno analoghi comportamenti con i giornalisti, chiediamo un incontro con il presidente degli allenatori italiani Renzo Ulivieri".

Un Roberto Mancini molto deluso si presenta ai microfoni di Inter Channel visibilmente deluso e amareggiato. Un Mancini che vuole prima di tutto lanciare un messaggio ai tifosi: "Ci dispiace soprattutto per loro perché capisco che perdere un derby così è brutto, mi scuso con loro. Torneremo fuori da questo brutto momento, ne sono sicuro al 100%. Mi dispiace soprattutto per loro e per il club. Però la posizione di classifica è ancora ottima, dobbiamo rimboccarci le maniche per fare bene già mercoledì".

Finale turbolento di partita per Roberto Mancini al temine di Milan-Inter 3-0: se non bastavano la pesante sconfitta e l'espulsione subita dall'allenatore nerazzurro, ecco il brutto episodio del dito medio che ha alzato verso i tifosi del Milan (lo trovate ) che ha generato pure una polemica quando Mancini si è presentato ai microfoni di Mediaset Premium per la classica intervista del dopo partita. Il nervosismo è evidente già al momento della prima domanda posta al mister da Mikaela Calcagno, che riguardava il rigore sbagliato da Mauro Icardi. La giornalista ha poi chiesto a Mancini dell'episodio a fine partita e la risposta è stata secca e infastidita: "L'ho fatto a otto tifosi che mi avevano insultato, quando faccio le cose lo dico. Ma voi volete sempre fare polemica".

Nella foto, che trovate , lo vediamo chiaramente mentre mostra il dito medio verso il pubblico presente allo stadio per il Derby Milan-Inter. A scatenare il gestaccio sarebbe stata la contestazione da parte dei tifosi rossoneri per l’esito della partita. Con la sconfitta di oggi Roberto Mancini avrebbe portato infatti la squadra a -9 punti dal Napoli, ma il Mister non ha gradito la critica. Ecco quindi che scatta il dito medio, esibito come risposta ai fischi ricevuti. Ovviamente il gesto è stato riportato subito sui social dove in tanti gli hanno ricordato che proprio lui, poco tempo fa, aveva contestato una parola offensiva di troppo da parte di Sarri, dopo la gara di Coppa Italia. Roberto Mancini è stato interrogato subito dopo la fine della partita e ha voluto in qualche modo giustificarsi. “Il dito medio l’ho fatto c’erano degli stewart che mi insultavano e non dovevano essere lì”. Queste le uniche parole che l’allenatore ha riferito ai microfoni della Mediaset prima di interrompere il collegamento e dileguarsi. Il dito medio fa parte di quella cattiveria che Roberto Mancini, sul proprio profilo twitter, aveva detto che mancava alla squadra? Ovviamente i tifosi in rete non sono stati zitti e hanno denunciato l’accaduto, ricordandogli che al confronto “Sarri è stato un signore”. “Lo ha fatto veramente? Fa la morale sempre a tutti e poi scade così?”.