BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE / Juventus-Bayern Monaco (2-2): i voti della partita (Champions League 2016, andata ottavi)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Massimiliano Allegri, 48 anni, allenatore della Juventus (INFOPHOTO)  Massimiliano Allegri, 48 anni, allenatore della Juventus (INFOPHOTO)

LE PAGELLE DI JUVENTUS-BAYERN MONACO (CHAMPIONS LEAGUE 2015-2016, ANDATA OTTAVI): I VOTI DELLA PARTITA - E' il momento delle pagelle di Juventus-Bayern Monaco con i voti di tutti i giocatori, partita che termina con il risultato di 2-2. Il migliore in campo per la Juventus è Mandzukic, autore di una prestazione molto convincente: male Evra e Cuadrado. Tra i tedeschi da sottolineare le prove di Robben e Bernat: pessimo l'apporto di Kimmich CLICCA QUI PER LE PAGELLE DI JUVENTUS-BAYERN MONACO CON I DETTAGLI DEI VOTI PER OGNI GIOCATORE

LE PAGELLE DI JUVENTUS-BAYERN MONACO: I VOTI DELLA PARTITA (CHAMPIONS LEAGUE 2015-2016, ANDATA OTTAVI). IL MIGLIORE - In attesa delle pagelle di Juventus-Bayern Monaco, diamo uno sguardo a quello che è stato il migliore in campo nella partita di Champions League. Arjen Robben si è dimostrato un fuoriclasse: l'esterno olandese ha fatto vedere di cosa è capace, prendendosi la fascia destra e dominandola in lungo e in largo. Per lui anche il gol del momentaneo 0-2, quello che forse fa la differenza sul discorso qualificazione al di là di come è poi andata la partita; soprattutto, tante giocate e tanto movimento a dominare la sua zona di campo andando a creare sempre pericoli alla retroguardia della Juventus. Con un Robben così il Bayern Monaco è tutta un'altra squadra: lo si sapeva prima, se ne è avuta una conferma questa sera.

LE PAGELLE DI JUVENTUS-BAYERN MONACO (CHAMPIONS LEAGUE 2015-2016, ANDATA OTTAVI): I VOTI DEL PRIMO TEMPO - Juventus-Bayern Monaco vale ben più di un ottavo di finale, la posta in gioco è altissima e le due squadre ne sono consapevoli. Se i tedeschi qualche mese erano i favoriti per il passaggio del turno, oggi, a causa di qualche infortunio di troppo e della rinascita dei bianconeri, la situazione si è decisamente riequilibrata. Certo, Pep Guardiola non può contare su mezzo reparto arretrato (Javi Martinez, Boateng, Badstuber ko; Benatia acciaccato) ma nonostante le numerose assenze in difesa il Bayern resta comunque una corazzata temibile e lo dimostrano le 'bocche da fuoco' su cui possono contare i bavaresi. In un contesto simile Guardiola è costretto a rimaneggiare la formazione; allo Juventus Stadium il Bayern Monaco scende in campo, sulla carta, con un iniziale 4-1-4-1. Neuer in porta; Lahm, Kimmich, Alaba e Bernat a formare il pacchetto arretrato; Vidal davanti alla difesa; Robben e Dogulas Costa esterni con Thiago Alcantara e Muller a creare gioco in mezzo; Lewandowski è l'unica punta. La Juventus risponde con un accorto ma duttile 4-4-2: Buffon tra i pali quindi, da destra verso sinistra, Lichsteiner, Barzagli, Bonucci ed Evra; Khedira e Marchisio guardano le spalle a Pogba e Cuadrado; Dybala-Mandzukic è il tandem scelto per l'attacco. Pronti, via. Dopo appena 2' un rilancio di Barzagli (6,5) si trasforma in assist per Mandzukic: il croato prende il tempo ad un incerto Alaba e da buona posizione cerca la conclusione. Tiro debole, facile preda di Neuer. La risposta dei tedeschi arriva poco dopo con Vidal che scarica dal limite un destro violento ma centrale: Buffon respinge con qualche difficoltà. Con il Bayern che fa la partita, grazie ad un possesso palla logorroico (Tiki-Taka 2.0) e un pressing infernale, la Juventus è costretta a sfruttare al meglio le ripartenze e i calci piazzati. All'11' Dybala (5,5) ha un guizzo sulla sinistra: l'argentino mette al centro un suggerimento perfetto per Mandzukic (5,5) che, agevolato da un errore di posizionamento di Alaba (5), ha tutto il tempo per cercare la deviazione vincente verso la porta di Neuer (6). La spaccata del croato nel cuore dell'area bavarese termina però alta. Nonostante questa fiammata bianconera, è il Bayern a fare la partita: al 22' Robben si rende pericoloso con una bordata finita alta di non molto mentre al 30' Bernat impegna severamente Buffon con un tiro velenoso dal limite. Poco prima dell'intervallo il Bayern Monaco passa in vantaggio con Muller (6,5): traversone dalla destra di Robben (7), contro cross sul secondo palo di Douglas Costa, pallone deviato da Barzagli che termina proprio sui piedi di Muller che, solo a centro area, non ha problemi ad infilare Buffon per l'1-0 ospite. Finisce così un primo tempo molto intenso.

VOTO PARTITA 7 - Gara intensissima sin dai primi minuti di gioco. Il Tiki-Taka 2.0 del Bayern è piacevole e produce diverse occasioni interessanti in favore dei tedeschi. Allo Juventus Stadium, questa sera, lo spettacolo non manca di certo.

VOTO JUVENTUS 6 - Prestazione onesta dei bianconeri che di fronte ad un avversario ben più quotato non sfigurano affatto. Peccato per il gol subito nel finale. MIGLIORE JUVENTUS BARZAGLI 6,5 - Non perde mai le redini della difesa. Guida il reparto arretrato con esperienza e maestria: sfortunato nel rimpallo sul gol di Muller. PEGGIORE JUVENTUS EVRA 5 - Sempre in difficoltà contro Robben e Lahm: Allegri deve tamponare in qualche modo l'out mancino o saranno dolori.

VOTO BAYERN MONACO 7 - Mancava la difesa? Poco male quando si può contare su un reparto offensivo così. Grande possesso palla e dominio quasi incontrastato sul match. MIGLIORE BAYERN MONACO ROBBEN 7 - Più invecchia, più migliora. Irresistibile quando parte palla al piede. PEGGIORE BAYERN MONACO ALABA 5 - Non è un difensore centrale di ruolo, d'accordo. Ma l'austriaco commette due incertezze importanti che sarebbero potute costare carissime.

VOTO ARBITRO (Atkinson) 5 - Giusto non concedere il calcio di rigore al Bayern: non c'è la spinta di Bonucci su Lewandowski. Il fischietto inglese sbaglia però quando al 21' Vidal intercetta con il braccio un traversone di Pogba: potevano starci gli estremi per il tiro dal dischetto. (Federico Giuliani)



  PAG. SUCC. >