BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE / Dinamo Kiev-Manchester City (1-3): i voti della partita (Champions League 2015-2016, andata ottavi)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Il centrocampista brasiliano Fernandinho (sinistra), 30 anni e il difensore argentino Njcolas Otamendi, 28 (INFOPHOTO)  Il centrocampista brasiliano Fernandinho (sinistra), 30 anni e il difensore argentino Njcolas Otamendi, 28 (INFOPHOTO)

Dinamo Kiev

SHOVKOVSKIY 6: Fortunato e bravo nel finale ad evitare un paio di volte il 3-1 su Aguero e Fernandinho, capitola poi sull'imparabile mancino di Tourè. Può fare molto poco sui 3 sigilli avversari.

DANILO SILVA 5,5: Soffre il continuo movimento dell'altro Silva, quello del City. Esce infortunato, in effetti la condizione non sembrava ottimale.

VIDA 5: Sull'altra fascia, pur patendo le accelerazioni brucianti di Sterling, non sfigura. Ma si perde il taglio di Silva sul gol del 2-0.

KHACHERIDI 5,5: Aguero gli fa girare la testa, quando non arriva il raddoppio di Dragovic sono guai seri.

DRAGOVIC 5: Leggermente meglio del compagno di reparto in senso generale ma non basta, perchè non accorcia su Tourè, che gli segna "in faccia" il 3-1.

D. GONZALEZ 5: Tra i peggiori in assoluto, non mette mai in crisi Sagna, che trascorre una serata fredda ma piacevole.

BUYALSKIY 6,5: Segna un gol e ne sfiora un altro, mettendo paura al City.

YARMOLENKO 6,5: Talento vero, che probabilmente ruberanno in fretta agli ucraini, come spesso successo nel passato. Rapido, pericoloso, tecnico. Applausi.

GARMASH 6: Lascia il campo dopo mezzora, probabilmente per infortunio. Aveva partecipato senza infamia nè lode al gioco dei suoi.

RYBALKA 5,5: Schermo davanti alla difesa, non riesce a dare i tempi alla manovra nè a stoppare con particolare efficiacia i trequartisti avversari. Serata complicata.

TEODORCZYK 5: Non ruba mai il tempo a Kompany, mai un guizzo, giustamente sostituito da Rebrov.

 

M. VELOSO 6: Certamente tra i più positivi nella ripresa, spesso al centro del gioco e della manovra dei suoi.

J. MORAES 5,5: La vede poco, così come era successo a Teodorczyk. Ha il merito di entrare nell'azione del gol di Buyalskiy.

MAKARENKO SV.

 

All.REBROV 6: Le prova tutte, fin da subito, per non far pesare troppo la differenza di tenuta fisica con gli avversari. Ma non può fare magie.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >