BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE / Dinamo Kiev-Manchester City (1-3): i voti della partita (Champions League 2015-2016, andata ottavi)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Il centrocampista brasiliano Fernandinho (sinistra), 30 anni e il difensore argentino Njcolas Otamendi, 28 (INFOPHOTO)  Il centrocampista brasiliano Fernandinho (sinistra), 30 anni e il difensore argentino Njcolas Otamendi, 28 (INFOPHOTO)

Manchester City

HART 6,5: La parata su Buyalskiy sul 2-1 è fondamentale. Un pezzetto della vittoria è anche suo.

CLICHY 5: Il difensore più in difficoltà, tra quelli del City. Yarmolenko lo fa andare fuori giri, ripetutamente.

OTAMENDI 5,5: Sfortunato ma colpevole sul gol di Buyalskiy, più che altro per l'errore nella respinta aerea che porta al tiro dell'ucraino.

SAGNA 6: Quasi da senza voto... Derlis Gonzalez lo lascia completamente inoperoso e lui si adagia, senza mai (o quasi) superare la metà campo.

KOMPANY 6,5: Qualche leggera imperfezione, ma è certamente il migliore della linea arretrata. Marcatura perfetta sulla prima punta, Moraes o Teodorczyk che sia.

FERNANDO 6: Strappa una sufficienza stiracchiata, dopo una prestazione più ricca di ombre che di luci.

FERNANDINHO 6: Riesce a farsi vedere quasi più in area che in mediana, dove nel finale di match si avvicina anche al gol.

Y. TOURE' 6,5: Parte male, pesante e quasi goffo nelle movenze. Chiude in gloria, con un "pezzo" da fuoriclasse. Nel mezzo, partita normale per uno come lui.

DAVID SILVA 6,5: Cala nella ripresa ma resta tra i migliori in campo. Tecnica e tempi di gioco sempre di alto livello, oltre al gol.

AGUERO 6,5: Anche lui bene, ma si poteva fare anche meglio. Resta con un solo gol a referto ma ne sfiora diversi altri, alcuni anche per imprecisione propria.

STERLING 6,5: Discorso opposto a quello fatto per Silva, ovvero guadagna mezzo punto nella valutazione numerica grazie al secondo tempo di qualità.

 

IHEANACHO SV

All.PELLEGRINI 6,5: Lascerà a fine stagione ma con tutta probabilità regalando il traguardo storico per il club del quarto di finale (almeno) conquistato. Non è molto per una proprietà così ambiziosa, ma nessuno tra i suoi predecessori ci era riuscito.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.