BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

PAGELLE / Dinamo Kiev-Manchester City (1-3): i voti della partita (Champions League 2015-2016, andata ottavi)

Le pagelle di Dinamo Kiev-Manchester City 1-3: i voti della partita di Champions League disputata mercoledì 24 febbraio 2016 allo stadio Olimpico di Kiev, valida per l'andata degli ottavi

Il centrocampista brasiliano Fernandinho (sinistra), 30 anni e il difensore argentino Njcolas Otamendi, 28 (INFOPHOTO)Il centrocampista brasiliano Fernandinho (sinistra), 30 anni e il difensore argentino Njcolas Otamendi, 28 (INFOPHOTO)

Il Manchester City chiude dopo 90 minuti il discorso qualificazione, superando per 3-1 a domicilio una Dinamo Kiev fiaccata dalla lunga sosta invernale del campionato ma meritevole comunque degli applausi dei proprio tifosi, dopo un secondo tempo generoso. In gol nella prima frazione Aguero e Silva per i citizens, che poi si lasciano avvicinare da Buyalskiy in avvio di ripresa e trovano il tris che spazza via le speranze avversarie, con gran gol di Yaya Tourè a cavallo dello scadere. I quarti di finale, per la prima volta nella storia del club, sono a portata di mano.

Patisce la differenza di ritmo e tenuta atletica ma sfrutta anche le potenzialità dei suoi singoli migliori, Yarmolenko in testa. In ogni caso, è quasi out.

La zampata del campione di Tourè è fondamentale, perchè alleggerisce di molto il ritorno da eventuali preoccupazioni. In generale il senso di superiorità è evidente.

Manca almeno un rigore al City e diverse volte l'arbitro scontenta anche Rebrov, che non fa nulla per nasconderlo in panchina. Prova non sufficiente.

Tutto facile, tutto tranquillo per il City, che dopo 15 minuti frizzanti della Dinamo ha piazzato il doppio colpo che ipoteca già i quarti di finale di Champions. Lo 0-2 inglese al 45° sa di pietra pesante e difficilmente sgretolabile sul risultato, anche "aggregato"; a firmare il match per il momento sono le due stelle di Pellegrini, Aguero e David Silva.

Analizzando le prestazioni dei singoli, meno bene gli altri big del City, con Yaya Tourè (voto 6) che si risolleva grazie all'esperienza e alla classe ma ha mostrato una condizioni fisica precaria; stesso discorso per Sterling (voto 6), bravo nell'assist per il gol di Silva ma quasi mai funambolico e imprendibile, caratteristiche proprie del forte esterno offensivo inglese. Pungente e sempre pericoloso il Kun (voto 6,5), che ha sulla coscienza anche un paio di errori a tu per tu con il portiere, oltre al sigillo del vantaggio.

Magistrale David Silva (voto 7), regista a tutto campo e presente sotto porta quando c'è da assestare la mazzata più dura per gli ucraini. Serata a dir poco complicata per Teodorczyk (voto 5), sovrastato e mandato fuori giri da Kompany (voto 6,5); l'unico tra i padroni di casa a dare la sensazione di imprevedibilità è stato Yarmolenko (voto 6), ma vista la condizione precaria di squadra, sarà dura per mister Rebrov rinverdire i fasti e ripetere i risultati di quella Dinamo Kiev guidata sul campo da lui e dal compagno di gol Shevchenko.

(Luca Brivio)