BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Inter-Juventus (3-0, 3-5 rigori): i voti della partita (Coppa Italia 2015-2016, semifinale ritorno)

Lo juventino Simone Zaza (sinistra), 24 anni e l'interista Gary Medel, 28 (INFOPHOTO) Lo juventino Simone Zaza (sinistra), 24 anni e l'interista Gary Medel, 28 (INFOPHOTO)

Primo tempo da spettatore, nella ripresa viene graziato dal palo che nega la gioia del gol a Zaza. Nei supplementari si supera compiendo due miracoli su Morata proprio al 120'. Ai rigori non ferma nessuno.

Autore di una gara più che positiva, in controtendenza rispetto alle sue ultime uscite. Nei supplementari si fa male ma resta stoicamente in campo, strigendo i denti nonostante il dolore per un intervento disgraziato su Pogba.

Rischia subito il giallo stendendo Morata, poi cresce col passare dei minuti fino a diventare uno dei migliori tra i nerazzurri, riscattando con gli interessi l'ultima brutta prestazione in campionato, arrivando anche vicino al gol.

Difende con ordine senza commettere svarioni, intercettando spesso i cross degli avversari e arrivando prima sul pallone rispetto agli uomini che marca.

Un timido tentativo dalla distanza, per il resto gioca dietro le quinte. Ai rigori spiazza Neto, ma non basta per consegnare all'Inter la finale.

È lui l'autore del primo gol, e su rigore firma la rete del 3-0. È il primo rigorista dei nerazzurri, e anche lì non sbaglia. Prestazione da incorniciare.

Non fa avvicinare Cuadrado alla porta, ruba il pallone a Hernanes e lo porge a Brozovic per l'1 a 0, lotta come un leone in mezzo al campo e non concede un attimo di respiro ai bianconeri. Si spegne nei supplementari, vinto dalla fatica.

Dopo un primo tempo in cui si comporta piuttosto bene in fase difensiva, viene messo KO da una gomitata e a fine primo tempo lascia il campo, venendo anche accompagnato all'ospedale Niguarda per accertamenti. ( Buoni interventi in chiusura, qualche corner rimediato, tenta qualche incursione senza fortuna)

Il migliore in campo per distacco: un'autentica furia. Autore di un gol, e avrebbe potuto siglare una tripletta se non fosse stato per i due interventi miracolosi di Neto. Si guadagna anche il rigore del 3-0. Qualche screzio con Cuadrado che avrebbe potuto costargli caro, per sua fortuna l'arbitro è clemente con lui.

Decisamente la sua miglior partita da quando indossa la maglia dell'Inter. Suo l'assist per il 2 a 0 di Perisic, suoi altri spunti molto interessanti. Nei supplementari si arrende ai crampi e non riesce ad arrivare in fondo. ( Viene gettato nella mischia, ma non trova la palla giusta per far male alla Juve)

Colpisce la traversa, e in almeno un altro paio di frangenti non trova il gol per questione di centimetri. Anche lui ha approcciato decisamente bene il match, sfornando una prestazione maiuscola. ( È il protagonista sfortunato della serata, suo l'errore dal dischetto che condanna l'Inter)

Se i suoi giocassero sempre così, probabilmente l'Inter sarebbe ancora in testa alla classifica. I nerazzurri sfiorano l'impresa disputando una gara perfetta, senza errori, con grande intensità di gioco e ritmi che hanno piegato i bianconeri. I sogni di gloria dell'Inter vengono bruscamente interrotti dall'errore di Palacio ai rigori.


COMMENTI
03/03/2016 - pagelle Juventus (Pietro Carfì)

Sinceramente mi sembrano voti strani. A cominciare da Neto che ha fatto una buona parata, ma che ha fatto una serie di errori - a partire dal primo gol subito. La sua insicurezza passa anche dalla incapacità di impostare l'azione con i difensori, come fa di consueto Buffon: rimette sempre con il lancio lungo, tipico segnale di inferiorità. Penso sia impresentabile alla Juventus. Generosi anche i voti ai centrocampisti, che hanno offerto tutti e tre prestazioni modeste, Asamoah imbarazzante. Molto meglio invece Lemina (che invece prende solo 5,5): con lui davanti alla difesa e Sturaro e Pogba mezzali non credo che avremmo subito 70 minuti come quelli di ieri. Alex Sandro non è certo da 5,5: dal suo lato si passa di rado e cerca di cantare e portare la croce - quando invece lo svizzero a destra è assente in avanti e lacunoso in difesa. D'accordo su Zaza. Morata quasi inutile. Ciao a tutti