BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

PROBABILI FORMAZIONI/ Italia Svezia: quote, ultime novità live. Bernardeschi-El Shaarawy, i jolly

Probabili formazioni Italia Svezia: le quote e le ultime novità live sul ritorno del playoff per le qualificazioni Mondiali. A San Siro gli Azzurri sono chiamati a ribaltare la sconfitta

Probabili formazioni Italia Svezia (Foto LaPresse)Probabili formazioni Italia Svezia (Foto LaPresse)

In Italia Svezia ci sarà bisogno di tutti: chiaramente possono giocare in 11 più tre ingressi dalla panchina, ma il senso del discorso è che la nostra Nazionale dovrà farsi trovare pronta per ogni evenienza, ovvero i giocatori che non scenderanno in campo dal primo minuto dovranno avere concentrazione massima nel caso di un’eventuale chiamata nel secondo tempo. I jolly dalla panchina a disposizione di Giampiero Ventura sono tanti: sicuramente spicca il nome di Federico Bernardeschi, che in Nazionale è stato utilizzato pochissimo dal nuovo CT e che anche nella Juventus gioca con il contagocce, ma quando lo fa può incidere. Per lui due gol in campionato (bellissimo quello contro la Spal), il talento di Carrara può essere il giocatore in grado di rompere gli schemi, andando a posizionarsi tra le linee per dare fastidio all’organizzazione difensiva della Svezia. Non si può poi evitare di citare Stephan El Shaarawy, che è arrivato a questo playoff per le qualificazioni Mondiali in forma strepitosa, reduce dalla doppietta messa a segno contro il Chelsea in Champions League: il Faraone della Roma può avere spazio sull’esterno (preferibilmente a sinistra, ma sa giocare anche a destra) e puntare l’uomo nel tentativo di creare superiorità numerica. Le alternative ci sono, a questo punto anche quella che risponde al nome di Lorenzo Insigne visto che lo scugnizzo di Frattamaggiore sembra destinato a partire dalla panchina: Ventura dovrà essere bravo a capire il momento ed effettuare i cambi giusti. (agg. di Claudio Franceschini)

IL DUELLO CHIELLINI VS BERG

Italia Svezia sarà prima di tutto una battaglia di nervi: lo abbiamo visto anche all’andata, lo spartito tattico di San Siro potrebbe essere diverso ma sicuramente gli scandinavi hanno impostato questo playoff per le qualificazioni al Mondiale come uno scontro fisico. La Svezia è molto brava in questo avendo anche le caratteristiche giuste: come ha affermato Andrea Pirlo, in Europa certi contatti si fischiano poco (e meno rispetto al nostro campionato) e la nostra Nazionale è caduta nella trappola “provocatoria” gialloblu. Un possibile duello chiave è quello tra Giorgio Chiellini e Marcus Berg: il difensore toscano della Juventus alla vigilia dell’andata aveva “denunciato” il limite dei pariruolo di oggi, bravi a impostare la manovra ma non così tanto a marcare nell’uno contro uno. L’attaccante svedese, ex del Panathinaikos ma oggi impegnato negli Emirati Arabi con l’Al Ain, è uno dei veterani del gruppo ed era già elemento importante della Svezia quando c’era Zlatan Ibrahimovic: spesso e volentieri ha fatto reparto insieme a lui, oggi che il bomber ha dato l’addio alla nazionale si è preso il peso dei gol sulle spalle e ne ha realizzati 8 nel girone delle qualificazioni. Un attaccante magari poco tecnico, ma che sente la porta e che sa giocare con il fisico spostando gli avversari (lo ha dimostrato anche all’andata); Chiellini dovrà essere bravo a limitarlo per evitare il gioco di sponda, considerando anche che venerdì scorso la Svezia ha giocato molto sulle seconde palle. (agg. di Claudio Franceschini)

C’E’ INSIGNE

Una delle certezze nelle probabili formazioni di Italia Svezia dovrebbe essere la presenza di Lorenzo Insigne dal primo minuto. Il folletto di Frattamaggiore è stato il grande sacrificato nell’andata dei playoff: in nome di un modulo modificato, Giampiero Ventura lo ha lasciato in panchina preferendo affidarsi al tandem Immobile-Belotti e a un centrocampo più rinforzato. Insigne è entrato in campo soltanto al 75’ minuto: ha preso il posto di Marco Verratti, non solo come sostituzione ma anche e soprattutto sul terreno di gioco. Una scelta non troppo logica da parte del nostro CT, che poi nel finale è corso ai ripari spostando il talento del Napoli nella sua mattonella naturale, cioè largo a sinistra. Il ruolo in cui giocherà questo ritorno di San Siro: che l’Italia si disponga con il 4-2-4 o con il 3-4-3, Insigne sarà in ogni caso in campo perchè a questo punto i giocatori di maggiore talento e inventiva devono stare in campo e provare a risolvere la questione con i loro lampi. Non che Insigne abbia fornito prestazioni troppo convincenti nelle ultime uscite della Nazionale (soprattutto con la Spagna), ma è sicuramente il giocatore il cui estro si eleva sugli altri e dunque per arrivare alla fase finale dei Mondiali in Russia la sensazione è che ci sia bisogno di lui da subito, motivo per cui questa volta Ventura dovrebbe schierarlo nell’undici titolare che affronterà la Svezia a San Siro. (agg. di Claudio Franceschini)

RIVOLUZIONE IN MEDIANA

Quello che spicca subito nelle probabili formazioni di Italia Svezia è la rivoluzione a centrocampo che opererà Giampiero Ventura: c’entra anche il modulo, perchè se fosse confermato il 4-2-4 si passerebbe dalla mediana con tre uomini alla cerniera a due per proteggere la difesa. In realtà la modifica totale dello schieramento risiede negli uomini: se infatti a Solna, per l’andata dei playoff delle qualificazioni Mondiali, insieme a Daniele De Rossi si erano visti Marco Parolo e Marco Verratti come interni, questa volta Ventura dovrebbe mandare in campo Jorginho e Roberto Gagliardini. Il regista del Napoli giocherebbe la sua terza partita con la nostra Nazionale, ed è l’uomo che spesso e volentieri è stato invocato per dare qualità in mezzo al campo; in Serie A sta fornendo grandi prestazioni, in Nazionale però con il 4-2-4 giocherebbe in una linea a due e dunque non esattamente nel suo ruolo (tant’è vero che nel biennio di Rafa Benitez ha raramente fornito prove di livello, non del livello che gli conosciamo adesso). Gagliardini infatti potrebbe essere il giocatore giusto, anche perchè ha fisico per contrastare gli avversari; rivoluzione totale dunque, perchè l’assenza di Verratti è forzata (squalifica) mentre De Rossi finirebbe in panchina dopo la brutta prova messa in scena in Svezia (come lui, anche buona parte dei compagni di squadra). (agg. di Claudio Franceschini)

TORNA LUSTIG

In Italia Svezia c’è un ritorno importante per gli scandinavi: quello di Mikael Lustig, che a Solna era squalificato ed è stato sostituito - degnamente - da Emil Krafth. Il terzino destro del Celtic ha però ben altro spessore internazionale: già negli anni del Rosenborg aveva disputato 29 partite nelle coppe, comprese 10 in Champions League, e quando è arrivato nel Celtic è riuscito per ben cinque volte a qualificarsi per la fase a gironi, arrivando a disputare 51 partite internazionali (anche 8 di Europa League tra queste) mettendo a segno 3 gol. Lustig gioca nel campionato scozzese dal gennaio 2012 e ha vinto tantissimo; la sua prima presenza con la maglia della Svezia risale al novembre 2009 proprio contro l’Italia. Il terzino destro all’epoca aveva quasi 23 anni e faceva parte del giro della nazionale da un anno e mezzo, senza però aver mai giocato; con gli scandinavi ha disputato gli Europei dello scorso anno, anche se dopo aver giocato 45 minuti contro l’Irlanda è rimasto in panchina sia contro l’Italia che contro il Belgio, poichè l’allora CT Erik Hamren gli ha preferito Viktor Lindelof, allargato sulla corsia destra con Granqvist e Erik Johansson a formare la coppia centrale di difesa. (agg. di Claudio Franceschini)

PROBABILI FORMAZIONI ITALIA SVEZIA: LE ULTIME NOTIZIE

Italia Svezia si gioca lunedì 13 novembre alle ore 20:45 allo stadio Giuseppe Meazza di Milano, ed è l’ultima chiamata per gli Azzurri: dentro o fuori, dopo la sconfitta di Solna la nostra nazionale, per superare i playoff delle qualificazioni Mondiali 2018 e accedere alla fase finale, hanno bisogno di vincere con almeno due gol di scarto. Non sarà facile, soprattutto dal punto di vista psicologico: la partita giocata venerdì sera ha minato le certezze del gruppo, che appare sfiduciato e forse anche troppo timoroso. Non resta ora che giocare e vincere; vediamo però nel dettaglio quali potrebbero essere le probabili formazioni di Italia Svezia.

QUOTE E PRONOSTICO

Per Italia Svezia sono disponibili le quote fornite dall’agenzia di scommesse Snai: ancora una volta - come all’andata - gli Azzurri sono favoriti e questa volta la differenza tra le due nazionali è più larga. Siamo infatti a 1,50 per quanto riguarda il segno 1 che identifica la vittoria dell’Italia; il segno X per il pareggio è quotato 4,00 mentre con il segno 2 per l’affermazione della Svezia guadagnereste 6,75 volte la somma messa sul piatto. Come sappiamo agli Azzurri la semplice vittoria potrebbe non bastare: serve almeno un 2-0, questa eventualità è quotata 6,00 volte la cifra investita.

PROBABILI FORMAZIONI ITALIA SVEZIA

I DUBBI DI VENTURA

Il dubbio principale che attanaglia la mente di Giampiero Ventura è il modulo: si pensava nei giorni precedenti la partita ad un ritorno al 3-5-2 o al massimo alla conferma della difesa a tre ma con un tridente offensivo davanti. Invece il CT dovrebbe spiazzare tutti, confermando il 3-5-2 che è stato lo schema provato domenica in allenamento: ci sono però delle sorprese, perchè se la difesa è confermata nella sua totalità (dunque la BBC con Barzagli, Bonucci che giocherà con una maschera protettiva dopo il colpo subito a Solna, e Chiellini davanti a Buffon), a centrocampo Candreva e Darmian sono di fatto le uniche soluzioni attese, perchè in cabina di regia Jorginho appare pronto a scalzare De Rossi (Verratti è squalificato) e Parolo giocherà ancora da titolare su una delle due mezzali. La grande novità è Florenzi, che contro la Svezia aveva giocato dal primo minuto agli Europei: il giocatore della Roma sarà impiegato come mezzala destra, un ruolo che ha sicuramente nelle corde anche se da tempo non è il suo (gioca più come terzino o esterno nel tridente offensivo). Ancor più sorprendente la scelta per l'attacco: insieme a Immobile non ci sarebbe nè Belotti (non al meglio) nè tantomeno Eder, spazio invece a Gabbiadini che Ventura (e non solo lui) ha utilizzato con il contagocce nella sua avventura sulla panchina della Nazionale.

LE SCELTE DI ANDERSSON

Jan Andersson ritrova Lustig che era squalificato all’andata, ma per il resto non dovrebbe variare la formazione che ha vinto a Solna; il matchwinner Jakob Johansson contende ancora una maglia a Ekdal, che ancora una volta potrebbe avere la meglio e dunque iniziare la partita al fianco dell’esperto Sebastian Larsson. Lustig dunque sarà il terzino destro, a meno che il CT della Svezia non decida davvero di confermare gli stessi undici di venerdì (in tal caso sarà titolare Krafth); la difesa viene completata da Augustinsson che giocherà a sinistra e dalla coppia centrale formata da Lindelof e capitan Granqvist, che giocherà a protezione del portiere Robin Olsen. Detto dei due che stazioneranno in mediana, sugli esterni Claesson e Forsberg sono ancora pronti a garantire il loro lavoro sporco facendo densità sulle corsie ma pronti a dare una mano nel settore nevralgico del campo; davanti ovviamente ci sono Marcus Berg e Ola Toivonen, da valutare a partita in corso il possibile ingresso in campo di John Guidetti che all’andata è rimasto seduto per 90 minuti, perchè la staffetta nel reparto offensivo l’ha fatta Kiese Thelin. Un’eventualità che potrebbe ripetersi anche a San Siro. 

PROBABILI FORMAZIONI ITALIA SVEZIA: IL TABELLINO

ITALIA (4-2-4): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini, Darmian; Jorginho, Gagliardini; Candreva, Belotti, Immobile, L. Insigne

A disposizione: G. Donnarumma, Perin, Zappacosta, D’Ambrosio, Rugani, Astori, Florenzi, De Rossi, Verratti, Parolo, Bernardeschi, Gabbiadini, Eder

Allenatore: Giampiero Ventura

Squalificati: Verratti

Indisponibili: Spinazzola, Zaza

 

SVEZIA (4-4-2): Olsen; Lustig, Lindelof, Granqvist, Augustinsson; Claesson, Ekdal, Seb. Larsson, Forsberg; Berg, Toivonen

A disposizione: Johnsson, Nordfeldt, Krafth, Helander, Jansson, Olsson, Rohden, Sema, Svensson, Guidetti, Kiese Thelin

Allenatore: Jan Andersson

Squalificati: -

Indisponibili: -

© Riproduzione Riservata.