BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Diretta/ Francia-Scozia (risultato finale 22-16) rugby info streaming video e tv: Decisivo Lopez da fermo! (Sei Nazioni 2017, DMax, oggi 12 febbraio)

Diretta Francia-Scozia rugby info streaming video e tv, risultato live della partita del Sei Nazioni 2017, seconda giornata a Parigi (oggi domenica 12 febbraio)

LaPresse - immagine di repertorioLaPresse - immagine di repertorio

Allo Stade de France di Saint-Denis la Francia supera una buona Scozia per 22 a 16. Nell'ultima parte di gara gli ospiti provano a ribaltare la situazione in proprio favore senza però riuscire a contrastare a dovere i transalpini che riescono appunto ad ottenere il successo grazie alla precisione sui calci di punizioni del numero 10 Lopez, protagonista anche degli ultimi decisivi 6 punti al 72' ed al 77'.

Giunti alla metà del secondo tempo, ovvero all'ora di gioco, il punteggio tra Francia e Scozia è di 16 a 16. In questo inizio di ripresa gli ospiti sorpassano momentaneamente i padroni di casa con la meta di Swinson al 44' ma Russell sbaglia incredibilmente la trasformazione. Al 47' Lopez non sbaglia invece il calcio di punizione che non riesce invece a Spedding dalla lunga distanza al 50' nel tentativo di riportarsi avanti.

Al termine della prima frazione di gioco le formazioni di Francia e Scozia sono da poco rientrate negli spogliatoi per l'intervallo sul 13 a 11. L'infortunio del capitano Laidlaw mette in salita la strada degli ospiti che, nonostante l'errore da fermo di Lopez al 28', subiscono la meta di Fickou al 31' e la conseguente trasformazione di Lopez al 32'. A questo punto gli scozzesi sembrano riprendersi approfittando degli errori francesi accorciando le distanze con le punizioni di Russell al 36' ed al 39'.

Arrivati al ventesimo minuto, ovvero alla metà del primo tempo, il risultato tra Francia e Scozia è di 6 a 5. In questa fase iniziale dell'incontro le squadre sembrano annullarsi l'un l'altra sebbene i padroni di casa dimostrino di essere più organizzati degli ospiti, tanto da passare in vantaggio su calcio di punizione al 7' con Lopez. Gli scozzesi non stanno però a guardare e marcano una meta con Hogg al 17', non trasformata da Laidlaw. Al 20' ancora Lopez riporta i suoi avanti su punizione.

Francia-Scozia sta per cominciare. Il teatro della partita di rugby valida per la seconda giornata del Torneo Sei Nazioni 2017 sarà naturalmente lo Stade de France di Saint Denis, che è la casa della Nazionale transalpina della palla ovale per le partite appunto del Sei Nazioni e per i test match più prestigiosi. Lo stadio principale di Parigi non ha bisogno di molte presentazioni, anche se non ha grandissima tradizione: fu costruito in vista dei Mondiali di calcio 1998 e da allora ha ospitato tantissimi grandi eventi, a partire da nove partite del torneo iridato (finale compresa). Discorso simile per i recentissimi Europei dell’anno scorso: sette partite, compresa ancora una volta la finale. Rimanendo al calcio, bisogna ricordare inoltre le due finali di Champions League del 2000 e del 2006. Nel rugby, oltre alle annuali partite del Sei Nazioni, va ricordata soprattutto la Coppa del Mondo 2007, organizzata appunto in Francia: sette partite furono ospitate allo Stade de France, fra cui la finale ed entrambe le semifinali. Infine, è doveroso ricordare che questo impianto ha ospitato anche i Mondiali di atletica leggera nel 2003. Oggi però l’attenzione sarà tutta per la palla ovale…

Francia-Scozia si avvicina, dunque in attesa della partita valida per la seconda giornata del torneo Sei Nazioni 2017 di rugby andiamo a rileggere alcune recenti dichiarazioni che ci possono fare entrare nel clima del match di oggi pomeriggio allo Stade de France. Nel dopo partita della gara vinta con l’Irlanda sabato scorso, l’allenatore scozzese Vern Cotter, ha definito questo successo come "quello più importante della mia gestione", ed ha ammesso che la squadra ha avuto qualche problema all’inizio del secondo tempo, quando sembrava che le energie disponibili fossero calate, ma nello stesso tempo ha voluto sottolineare la bravura dei suoi ragazzi capaci di vincere la gara con grande convinzione nel finale, un dato che permette anche di guardare con maggiore fiducia alla possibilità di ottenere un successo in Francia. Impresa che per la Scozia sarebbe assai difficile, ma che darebbe una svolta all’intero Sei Nazioni dei britannici.  

Francia-Scozia caratterizzerà la domenica della seconda giornata del torneo Sei Nazioni 2017 di rugby. In attesa dell’incontro allo Stade de France di Saint Denis, andiamo a ricordare che cosa era successo tra Francia e Scozia dodici mesi fa, quando naturalmente si era giocato a Murrayfield, casa della Scozia del rugby. Nella scorsa edizione dunque il match tra queste due formazioni si giocò ad Edimburgo, ed il successo degli scozzesi sui transalpini per 29–18 fu un chiaro segno di un torneo che per la Scozia è stato di rinascita e per la Francia invece di netto calo - infatti fu la prima sconfitta transalpina contro la Scozia a partire dal 2006. A determinare il successo della formazione di casa le mete segnate da Hogg, Taylor e Visser, unite ad una sola trasformazione ma ben quattro calci di punizione, mentre per i francesi segnarono mete il capitano Guirado e Fickou, oltre a una trasformazione e due calci piazzati.

Dall'arbitro sudafricano Jaco Peyper, è una partita valida per la seconda giornata del torneo Sei Nazioni 2017 di rugby. Appuntamento alle ore 16.00 presso lo Stade de France di Saint Denis, a Parigi. I francesi sono reduci da una sconfitta a Twickenham contro l’Inghilterra, arrivata nel finale per 19–16, mentre la Scozia ha vinto il suo match di esordio, giocato a Murrayfield contro l’Irlanda con il punteggio di 27–22. Per i Blues l’incontro diventa quindi già decisivo se si vuole puntare ad un Sei Nazioni da protagonista, mentre per la Scozia, che non era alla vigilia della manifestazione tra le favorite, c’è la possibilità di confermare l’exploit confezionato contro l’Irlanda.

Per la Scozia la vittoria nella gara di esordio della più antica competizione di rugby per squadre nazionali ha interrotto una serie negativa che durava ormai da 11 anni, ed ora c’è l’opportunità di interromperne un’altra, quella delle partite disputate in Francia, dove la formazione allenata da Vern Cotter non vince dal 1999. Anche la Francia comunque arriva a questo match con una gran voglia di trovare un successo, dopo che quello nella giornata d’esordio è sfuggito per un soffio.

La Francia ha giocato un grande match a Twickenham, sempre a viso aperto, ma questo non è bastato per portarsi a casa la vittoria contro i campioni in carica dell’Inghilterra, che hanno ottenuto il successo per 19-16 riportandosi avanti negli ultimi minuti di gara. I Blues hanno impostato la gara come è più consono alla loro caratteristiche, muovendo molto l’ovale alla mano, mentre gli inglesi si sono affidati alla maggiore potenza del loro pacchetto di mischia.

Nel primo tempo le due formazioni non sono riuscite ad arrivare in meta ed il punteggio di parità all’intervallo, 9–9 è frutto di tre calci piazzati per parte, con la Francia che è stata più vicina degli inglesi ad arrivare in meta, ma Lamerat si è divorato l’occasione. Nella ripresa continua il lavoro ai fianchi dei bianchi inglesi, che avanzano con la mischia e Farrell con un piazzato dà il primo vantaggio della gara, poi arriva la meta di Slimani che Lopez trasforma per il vantaggio francese, ma il nuovo entrato Te’o rimette tutto a posto quando l’orologio è sul 71esimo, con una meta che Farrell converte per il + 3 con il quale si chiude il match.

Il successo della Scozia a Murrayfield è arrivato al termine di una partita dai due volti e che la formazione di casa ha fatto sua nel finale grazie a due calci piazzati messi a segno da Laidlaw. La Scozia ad inizio gara era riuscita a portarsi in vantaggio 14–0 con due mete di Hogg, entrambe trasformate. L’Irlanda realizza una meta con Earls, ma immediatamente la Scozia reagisce andando ancora una volta in meta con Dunbar e solo una punizione di Jackson riesce a portare l’Irlanda al riposo sul –13, (21–8). L’inizio della ripresa vede tutta un’altra partita e l’Irlanda riesce a trovare due mete, prima con Henderson e poi con Jackson, entrambe trasformate, per il 22–21 che ribalta la gara. Nel finale la Scozia si scuote, riesce ad ottenere due calci piazzati che Laidlaw trasforma con freddezza.

Come già nelle passate edizioni, tutto il Sei Nazioni e quindi anche Francia-Scozia sarà trasmesso in diretta tv in chiaro ed in esclusiva da Dmax, canale che appartiene a Discovery Channel e che si trova al numero 52 del digitale terrestre gratuito, al 28 di Tivùsat e al numero 136 della piattaforma satellitare Sky. Non solo: l'emittente si dedica con grande spiegamento di forze al rugby in queste settimane e in aggiunta alle partite live ci saranno anche una serie di trasmissioni dedicate alla palla ovale, con approfondimenti tecnici ma anche di colore.

DMax in queste settimane vivrà di rugby anche sui social network ufficiali del canale (Facebook, Twitter, YouTube) e sull'account Twitter dedicato @ImmischiatoDMAX, oltre che in una sezione dedicata sul sito www.6nazioni.dmax.it, la speciale piattaforma web pensata per accompagnare la nuova esperienza televisiva del torneo e che garantirà anche la diretta streaming video agli utenti che non potessero mettersi davanti a un televisore all'ora delle partite. Informazioni utili sul web si troveranno anche sui social network: ricordiamo ad esempio, per limitarci ai profili ufficiali del torneo Rbs 6 Nations, che l'account in italiano su Twitter è @RBSSei.