BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Diretta / Real Madrid-Napoli (risultato finale 3-1) info streaming video e tv: i blancos ipotecano il passaggio del turno! (Champions League 2017)

Diretta Real Madrid-Napoli: info streaming video e tv, probabili formazioni, quote, orario, risultato live e cronaca della partita valida per l'andata degli ottavi di Champions League

Foto LaPresse Foto LaPresse

Tempo scaduto al Santiago Bernabeu, il Real Madrid si aggiudica il primo round della doppia sfida contro il Napoli imponendosi con il punteggio di 3 a 1, ai partenopei tra circa 20 giorni servirà l'impresa leggendaria al San Paolo per ottenere il passaggio del turno. Nelle battute conclusive del match gli ospiti provano comunque a rendere la sconfitta meno amara soprattutto in vista del match di ritorno, all'81' viene anche annullato un gol alla squadra di Sarri: cross di Diawara per Insigne che fa da sponda per Callejon, peccato che lo spagnolo fosse in fuorigioco e dunque l'arbitro ferma il gioco. Dall'altra parte i padroni di casa si rendono pericolosi in contropiede all'85' con Cristiano Ronaldo che pesca Marcelo, il difensore brasiliano calcia come peggio non potrebbe la sfera che si perde sul fondo. Nel frattempo c'è da segnalare il rientro in campo di Milik che 4 mesi dopo l'infortunio al legamento crociato torna a giocare prendendo il posto di Hamsik. Nei tre minuti di recupero succede ben poco di significativo con i blancos che si limitano a gestire il pallone prima del triplice fischio di Skomina che manda tutti sotto la doccia.  

A dieci minuti dal novantesimo il punteggio di Real Madrid-Napoli vede la formazione di Zidane sempre avanti per 3 a 1. L'uno-due di Kroos e Casemiro ha decisamente spento l'entusiasmo dei partenopei sugli spalti e soprattutto in campo che ora rischiano il tracollo. Sarri prova a correre ai ripari e dice ad Allan, Giaccherini e soprattutto a Milik di intensificare il riscaldamento, i suoi giocatori nel frattempo si gettano in avanti nel tentativo di accorciare almeno le distanze ma si sbilanciano fin troppo in avanti rischiando di subire il colpo di grazia in contropiede da parte gli avversari che ora pensano più che altro a farli stancare. Al 62' Ghoulam cerca la porta su calcio di punizione, palla che scavalca la barriera ma anche la traversa. Al 66' Benzema appoggia il pallone per Cristiano Ronaldo che lo colpisce male, il portoghese non riesce a interrompere il digiuno nelle coppe europee. Al 68' gli ospiti potrebbero accorciare le distanze, Callejon serve un bellissimo pallone per Mertens che a pochi passi non inquadra la porta di Navas sciupando un'ottima chance per riaprire la contesa. Al 73' Reina in uscita salva su James Rodriguez che aveva tagliato benissimo l'area di rigore, negando al colombiano la gioia del gol. 

Allo stadio Santiago Bernabeu è ricominciato dopo l'intervallo il match valido per l'andata degli ottavi di Champions League 2016-2017 tra Real Madrid e Napoli, al decimo minuto del secondo tempo il punteggio vede la formazione di Zidane avanti per 3 a 1. Buon possesso palla degli uomini di Sarri in questo inizio di ripresa, gli ospiti cercano spazi per sfondare nella trequarti avversaria, al 47' Hamsik sbaglia il corridoio per Mertens servendogli un pallone troppo lungo che viene agevolmente recuperato da Navas. Si tratta solamente di un fuoco di paglia, perché al primo affondo i padroni di casa completano la rimonta con Cristiano Ronaldo che serve l'assist per Kroos, dal limite dell'area il tedesco fa partire un tiro angolato e imprendibile per Reina che non può far altro che guardare il pallone terminare in rete. I blancos insistono, al 53' Marcelo dalla distanza libera il tiro senza trova la porta di Reina che invece, un minuto più tardi, troverà eccome Casemiro con un destro incredibile e spettacolare che mette in ginocchio il Napoli, ora sotto di due gol. 

Intervallo al Bernabeu dove si è appena concluso sul punteggio di 1-1 il primo tempo di Real Madrid-Napoli. Con i blancos che hanno alzato nuovamente il baricentro gli uomini di Sarri faticano a difendere e non riescono più ad affacciarsi dalle parti di Navas. Al 38' Modric va in porta ma il tiro del croato viene sporcato da Koulibaly che si rifugia in calcio d'angolo. Al 42' Koulibaly si perde Cristiano Ronaldo che si invola sulla fascia destra e serve Benzema che manca l'appuntamento con la doppietta stampando il pallone sul palo che salva il Napoli dall'1-2, al 45' sullo scadere della prima frazione di gioco Marcelo non trova la porta. Dalla panchina Sarri si sgola per far capire ai suoi che gli schemi non stanno funzionando alla perfezione, negli spogliatoi il tecnico partenopeo si farà parecchio sentire ma cercherà anche di sistemare le cose. 

Alla mezz'ora del primo tempo il punteggio di Real Madrid-Napoli vede le due squadre sull'1-1. Grazie alla perla di Insigne gli uomini di Sarri trovano fiducia e fanno girare il pallone piuttosto bene, tuttavia ci vuole ben altro per scalfire la squadra campione del mondo in carica: i blancos si riorganizzano in mezzo al campo e al 18' arriva il gol del pari, cross di Carvajal di Benzema che lascia sul posto Albiol e stacca perfettamente di testa non lasciando scampo a Reina. Tutto da rifare per i partenopei, con il Real Madrid di nuovo in carreggiata gli ospiti vanno di nuovo in affanno: al 28' Modric con un tocco delizioso apre per Cristiano Ronaldo che davanti a Reina spara il pallone alto sopra la traversa. 

Al Santiago Bernabeu l'attesa è finita, l'arbitro sloveno Damir Skomina ha dato il via all'ottavo di Champions League tra Real Madrid e Napoli, al decimo minuto del primo tempo il punteggio vede la formazione di Sarri avanti 1 a 0. Pronti, via, e i padroni di casa vanno subito all'attacco con Benzema che già al 1' mette a dura prova i riflessi di Reina che respinge il tiro del centravanti francese. Blancos subito aggressivi che schiacciano gli ospiti nella loro trequarti, gli uomini di Sarri trovano comunque gli spazi per distendersi e uscire dalla propria metà campo, squadre molto lunghe sul terreno di gioco sin dalle battute iniziali. Al 6' la formazione di Zidane va di nuovo al tiro con Marcelo che trova la sfortunata deviazione di James Rodriguez che sporca la conclusione del compagno, palla che scivola sul fondo e niente corner per il Real. All'8', a sorpresa, il Napoli passa in vantaggio: su un'altra ripartenza Insigne pesca Navas lontano dai pali e con un pallonetto lo beffa gonfiando la rete per l'inaspettata rete dell'1 a 0. 

P style="text-align: left;">Si avvicina Real Madrid-Napoli: il calcio d’inizio è dietro l’angolo, pertanto andiamo subito a dare uno sguardo alle formazioni ufficiali. Per Maurizio Sarri è tutto confermato: tridente con Mertens da prima punta affiancato da Callejon e Lorenzo Insigne, a centrocampo vincono il ballottaggio Zielinski e Amadou Diawara che dunque completano il reparto con Hamsik. Nel Real Madrid è 4-3-3: James Rodriguez prende il posto che è di Bale, con Benzema e Cristiano Ronaldo sulla sua linea. A centrocampo nessuna novità (Modric e Kroos al fianco di Casemiro), Carvajal e Marcelo agiscono sulle fasce mentre viene scelto Varane per affiancare Sergio Ramos. Ecco allora il dettaglio delle formazioni ufficiali di Real Madrid-Napoli. REAL MADRID (4-3-3): 1 Keylor Navas; 2 Carvajal, 4 Sergio Ramos, 5 Varane, 12 Marcelo; 19 Modric, 14 Casemiro, 8 Kroos; 10 James Rodriguez, 9 Benzema, 7 Cristiano Ronaldo. A disposizione: 13 Casilla, 3 Pepe, 6 Nacho Fernandez, 16 Kovacic, 17 Lucas Vazquez, 21 Morata, 22 Isco. Allenatore: Zinedine Zidane NAPOLI (4-3-3): 25 Reina; 2 Hysaj, 33 Raul Albiol, 26 Koulibaly6, 31 Ghoulam; 20 Zielinski, 42 A. Diawara, 17 Hamsik; 7 Callejon, 14 Mertens, 24 L. Insigne. A disposizione: 1 Rafael C., 11 Maggio, 19 Ni. Maksimovic, 5 Allan, 8 Jorginho, 4 Giaccherini, 99 Milik. Allenatore: Maurizio Sarri

Sono 2 i precedenti tra Real Madrid e Napoli, entrambi risalgono alla stagione 1987-1988 quando le due squadre s’incontrarono nel primo turno della Coppa Campioni. Anche in quell’occasione il match d’andata si disputò al Santiago Bernabeu, e le Merengues ipotecarono la qualificazione con il 2-0 firmato dal rigore di Michel (19’) e dal gol di Tendillo (76’); al ritorno i partenopei non andarono oltre l’1-1, al vantaggio di Francini (9’) replicò Butragueno poco prima dell’intervallo (43’). Anche l’anno scorso il Real Madrid è passato dall’Italia per gli ottavi di Champions League: l’avversaria fu la Roma, che dovette arrendersi dopo un doppio 2-0. Invece, nelle semifinali dell’edizione 2014-2015, gli spagnoli sono stati estromessi dalla Juventus che vinse 2-1 a Torino strappando poi l’1-1 a Madrid. Il primo incrocio tra il Real e una squadra italiana risale alla Coppa dei Campioni 1955-1956: nella doppia semifinale con il Milan i bianchi ebbero la meglio, grazie al successo per 4-2 nel primo atto e al ko solo per 2-1 nel return match; si trattava della prima edizione della Coppa, vinta proprio dal Real Madrid che inaugurò il suo pokerissimo di successi. Ad interrompere il dominio madrileno nell’albo d’oro fu il Benfica, che si aggiudicò il trofeo nel 1960-1961, battendo in finale il Barcellona. In totale sono 67 i precedenti del Real Madrid con squadre italiane, in competizioni UEFA: il bilancio conta 31 vittorie, 11 pareggi e 25 sconfitte. Per il Napoli invece 12 incroci con formazioni spagnole: computo in perfetto equilibrio con 4 affermazioni, 4 pari e 4 ko.

Vediamo i migliori marcatori di Real Madrid e Napoli, prima del match valido per l’andata degli ottavi di Champions League. Per quanto riguarda gli spagnoli il top scorer è sempre Cristiano Ronaldo, non al meglio della condizione fisica a causa di una contusione alla gamba destra. Il campionissimo portoghese ha realizzato 21 gol in questa stagione, così suddivisi: 14 in 16 presenze di campionato, ‘solo’ 2 in 6 partite di Champions League, 4 nelle 2 sfide del Mondiale per Club e 1 in 2 presenze di Coppa del Re. Per Karim Benzema invece 12 reti complessive nel 2016-2017: l’ariete francese ha colpito 5 volte nella Liga, 4 in Champions League, 1 in Coppa del Re e 2 al Mondiale per Club. In doppia cifra anche una conoscenza del calcio italiano, Alvaro Morata: l’ex juventino è andato a segno 6 volte in 14 partite della Liga, 2 in 5 gettoni di Champions League ed altre 2 volte nelle 5 presenze di Coppa del Re. Interessante anche il bottino di Marco Asensio, centrocampista classe 1996 che ha messo assieme 7 gol finora, rivelandosi una preziosa alternativa per Zinedine Zidane. Nel Napoli il miglior marcatore è Dries Mertens: il belga sta vivendo una stagione strepitosa che lo ha visto calarsi con grande efficacia nei panni di attaccante centrale. Per Mertens 20 gol divisi tra 16 in Serie A e 4 nella fase a gironi di Champions League. Segue Marek Hamsik: il capitano azzurro si è portato a quota 109 nella classifica marcatori all time della società, che significa secondo posto assoluto a sole 6 reti da un certo Diego Armando Maradona, primo a 115. Tornando alla stagione in corso, il terzo bomber del Napoli è un ex del Real Madrid: José Callejon, a segno 8 volte in campionato, 1 in Champions League e 1 in Coppa Italia.

Il Real Madrid riceve il Napoli per l’andata degli ottavi di Champions League. Le Merengues allenate da Zinedine Zidane hanno superato imbattute la fase a gironi (3 vittorie ed altrettanti pareggi, 16 gol fatti e 10 subiti), terminando però il gruppo F al secondo posto dietro il Borussia Dortmund. Real Madrid che punta a raggiungere i quarti di finale di questa competizione per la settima volta consecutiva, oltre che a confermarsi campione come non è ancora riuscito a nessuno da quando la coppa ha cambiato nome (1992-1993). Inoltre la squadra spagnola ha vinto 28 delle ultime 33 gare casalinghe di Champions League: in questa serie si conta soltanto una sconfitta, quella per 3-4 subita dai tedeschi dello Schalke 04 negli ottavi 2014-2015. Relativamente alle sfide interne contro avversari italiani, il Real Madrid è uscito vincitore in 22 occasioni su 31 (3 i pareggi e 6 le sconfitte). Per il Napoli si tratta della seconda partecipazione agli ottavi di Champions League: in caso di superamento del turno i partenopei accederebbero ai quarti per la prima volta nella loro storia. Brucia ancora il precedente della stagione 2011-2012, quando il Napoli di Walter Mazzarri fu eliminato solo ai supplementari dai futuri campioni del Chelsea (successo 3-1 al San Paolo, sconfitta 4-1 a Stamford Bridge). 

Alla vigilia di Real Madrid-Napoli Maurizio Sarri ha fatto sentire la sua voce e la dichiarazione che più rimane nella mente riguarda le “stronzate”, ipse dixit, che il tecnico partenopeo ha sentito. “Noi giochiamo contro i campioni d’Italia e d’Europa: razionalmente è una partita impossibile, siamo qui per vedere a che punto siamo con la crescita”. Pretattica o pensieri reali? Conoscendo Sarri viene logico sottolineare la veridicità delle sue affermazioni - se non altro dal duo punto di vista - e infatti rincara la dose. “I miei sicuramente tireranno fuori il 100%, ma la realtà rimane questa e i complimenti di Zidane, che mi fanno tanto piacere, non la cambiano”. Per Sarri insomma il Real Madrid ha tanta qualità e la partita, messa su questi termini, è “pericolosissima anche perchè noi giochiamo sempre in verticale, ma loro sulle ripartenze sono i più forti del mondo”. Su un aspetto il Napoli può essere pronto secondo Sarri: sul piano emozionale, perchè “i miei vanno stabilmente a giocare al San Paolo, quindi giocare in un Bernabeu pieno di storia e trofei può non essere così impossibile”. E riguardo il ricordo di quello storico 11 luglio 1982, quando in questo stadio l’Italia vinse il Mondiale, Sarri ha risposto con una battuta: “La data mi è rimasta impressa più per una cena a base di pesce che per la vittoria della Nazionale”.

La sfida di Champions League tra Real Madrid e Napoli sarà diretta dall’arbitro sloveno Damir Skomina: lo assisteranno i guardalinee Jure Praprotnik e Robert Vukan, il quarto uomo Tomasz Klancnik e gli addizionali di porta Matej Jug e Slavko Vincic. Nato a Koper il 5 agosto 1976 e quindi quarantenne, Skomina dirige questa sera il trentasettesimo match delle fasi finali di Champions League, quarantasettesimo considerando anche le 10 sfide dei turni preliminari. Non solo: in carriera Skomina conta anche 24 presenze tra Europa League (13) ed ex Coppa UEFA (11), 12 nelle qualificazioni Mondiali e 11 nelle qualificazioni agli Europei. Nel 2012, il direttore di gara sloveno ha arbitrato 3 partite dei campionati Europei giocati in Polonia ed Ucraina: Olanda-Danimarca (risultato finale 0-1), Svezia-Inghilterra (2-3) e Germania-Grecia (4-2). In questa stagione Skomina ha già incrociato una squadra spagnola, il Barcellona, nella trasferta a Monchengladbach del 28 settembre che i catalani hanno vinto 1-2. Per quanto riguarda le formazioni italiane, quelle più arbitrate da Skomina sono il Milan e la Nazionale azzurra, che contano entrambe 4 precedenti con il quarantenne sloveno; 2 incroci a testa invece per Inter e Fiorentina, 1 per il Napoli che incontrò Skomina il 22 novembre 2011, nel match vinto contro il Manchester City (2-1) valido sempre per la Champions League ma della fase a gironi.

Sarà diretta dall'arbitro sloveno Damir Skomina: alle ore 20:45 di mercoledì 15 febbraio il Santiago Bernabeu apre le porte sull'andata degli ottavi di finale di Champions League 2016-2017. Si tratta del terzo scontro diretto tra queste due squadre, e sarà quella di Zidane a fare gli onori di casa, con i partenopei che ricambieranno il favore tra 3 settimane al San Paolo.

Per il Napoli non è una partita qualsiasi, ma è la partita: dal sorteggio di Nyon, quando i partenopei sono stati abbinati ai blancos, il tecnico Maurizio Sarri ha lavorato parecchio sulla mente dei suoi giocatori per far capire loro che la sfida al Real Madrid non è punto di arrivo, ma di partenza. 

L'allenatore è consapevole che la formazione di Zidane sia nettamente favorita sulla carta per il passaggio del turno, ma questo non vuol dire necessariamente rinunciare a giocarsi le proprie chance, un pareggio al Bernabeu (magari con gol) sarebbe fondamentale per i partenopei che al ritorno giocherebbero in casa, in un'autentica bolgia con l'urlo dei tifosi sull'inno della Champions che spaventerebbe anche la formazione più blasonata del pianeta.

Nella fase a gironi il Napoli si è classificato primo nel gruppo B con 11 punti, mettendosi dietro Benfica, Besiktas e Dinamo Kiev, con due pesanti vittorie in Portogallo e Ucraina; il Real Madrid, pur facendo un punto in più rispetto ai partenopei, nel girone F non è andato oltre il secondo posto, i due pareggi contro il Borussia Dortmund e quello contro il Legia Varsavia hanno impedito alla squadra di Zidane di chiudere in vetta, e dunque è nato questo abbinamento sicuramente affascinante per i tifosi del Napoli che però avrebbero preferito un'avversaria più alla portata per sperare nei quarti.

Il percorso delle due squadre nei rispettivi campionati è il seguente: nella Liga spagnola il Real Madrid la fa da padrone occupando la leadership in classifica con un punto di vantaggio sul Barcellona secondo e tre lunghezze in più rispetto al Siviglia terzo, il tutto con due partite in meno che recupererà nelle prossime settimane e dunque con la possibilità di portarsi addirittura a +7. In Serie A, invece, il Napoli è in piena corso per il secondo posto attualmente occupato dalla Roma, mentre sembra fuori dalla portata dei partenopei il primo posto ipotecato dalla Juventus che vanta nove punti di vantaggio nei confronti degli uomini di Sarri.

Le quote dei bookmaker sono tutte a favore del Real Madrid, che viene dato come logico favorito nella sfida al Bernabeu contro il Napoli: su Unibet l'1 dei padroni di casa viene dato ad appena 1,60; su Bet365 in caso di X la vincita è pari a 4,50 volte la somma giocata; su Tipico.it il 2 degli ospiti viene pagato 6,20 volte la posta in palio. Le agenzie di scommesse on-line, inoltre, ritengono che questa sarà una partita spettacolare e ricca di gol: Betfair propone una quota di 1,55 per l'Over e di 2,40 per l'Under.

Real Madrid-Napoli sarà trasmessa solamente sul digitale terrestre, la diretta tv è disponibile solamente sulle reti di Mediaset Premium, piattaforma che detiene in esclusiva i diritti della Champions League fino al 2018. Il match andrà in onda sui canali 370 (in SD) e 380 (in HD) con un ampio pre-partita prima del calcio d'inizio programmato per le ore 20,45 e dopo il triplice fischio non mancheranno approfondimenti in studio e le interviste a caldo ai protagonisti del match.

La diretta streaming video della gara sarà garantita da Premium Play, il servizio messo a disposizione dalla pay-tv di Cologno Monzese per tutti i clienti impossibilitati a guardare la partita davanti al televisore di casa, si può scaricare l'omonima app per smartphone e tablet oppure collegarsi con un notebook all'indirizzo play.mediasetpremium.it.