BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

VIDEO/ Porto-Juventus (0-2): highlights e gol della partita. Lichtsteiner: siamo una squadra matura (Champions League 2016-2017, andata ottavi)

Video Porto-Juventus (risultato finale 0-2): gli highlights e i gol della partita che si è giocata all'Estadio do Dragao, valida per l'andata degli ottavi di finale di Champions League

Foto LaPresseFoto LaPresse

Il match di andata degli ottavi di finale tra Porto e Juventus ha visto anche il ritorno in grande stile in campo del bianconero Stephan Lichtsteiner, il terzino svizzero che in questa stagione era rimasto un più in ombra tra le preferenze del tecnico Allegri. In campo dal primo minuto in questa trasferta così delicata, lo stesso Lichtsteiner si è mostrato soddisfatto della sua prestazione, come ha affermato nel post match ai microfoni di mediaset premium: “è stata un’esperienza difficile, ho imparato moltissimo in questi 5-6 mesi in panchina. Sono contento di essere tornato ma quello che pi conta èil gruppo e il risultato e che vogliamo arrivare in fondo: se poi gioca uno o un altro questo è meno importante. Singolarmente è sempre bello quando giochi e vinci e come difensore se non prendi gol, ma l’importante è la squadra. Vince sempre il gruppo, il calcio è uno sport di squadra: siamo una squadra matura, con qualità impressionanti. Da noi è tutto a posto e continuiamo così. Il risultato? Il migliore è sempre un 4-0 o più: è un buon risultato ma al ritorno dobbiamo restare concentrati e tenere i piedi per terra perché basta un gol e si riapre tutto”.

Tra i protagonisti del successo della Juventus sul Porto nel match di andata degli ottavi di finale della Champions League fa senza dubbio annoverato il bianconero Dani Alves: entrato al 28 della ripresa al posto dell’ammonito Lichtsteiner il brasiliano ha messo subito la firma sul gol del raddoppio per la Juventus. Lo stesso tecnico della Juventus Massimiliano Allegri ha poi dichiarato proprio sulla prestazione di Dani Alves: “Dani Alves è andato a sostituire Lichtsteiner ammonito: una volta andati in vantaggio ho dovuto tutelarmi anche in quel senso. E’un campione, ha un entusiasmo e una voglia: entrare a venti minuti dalla fine e fare come ha fatto lui è un esempio di grande professionalità, è un esempio per tanti”. Il terzino brasiliano fino ad ora ha messo appena 461minuti nelle gambe in Champions League, dove però è già al secondo gol in questa stagione.

Il match tra Porto e Juventus, andato in scena ieri sera per il girone di andata degli ottavi di finale di Champions League ha visto, oltre al successo bianconero per 2 a 0 uno spiacevole episodio che ha dato alito a diverse polemiche sulla condotta arbitrale della gara. Al 27’ incaici si segnala l’espulsione per doppia ammonizione del giocatore del Porto Tello, decisione che non è stata compresa a pieno dalla panchina dei padroni di casa come ha affermato lo stesso tecnico Santo Espirito nella conferenza stampa del post match: “In partite di Champions League, vista l’importanza di queste sfide, e senza voler giudicare il lavoro dell’arbitro, mi sento di dire che avrebbe decisamente potuto prendere una decisione diversa riguardo a Tello. Il fallo non era così cattivo o pericoloso per il giocatore della Juventus. In quel momento credo sia stato un rosso esagerato”.

Con il 2 a 0 sul Porto all'Estadio do Dragao si fa decisamente in discesa il cammino della Juventus verso i quarti di Champions League 2016-2017, tuttavia c'è ancora il match di ritorno da disputare tra 3 settimane a Torino e nessun verdetto è stato ancora emesso. Anche se le statistiche inerenti al match d'andata premiano nettamente i bianconeri che sono stati nettamente superiori con addirittura il 69% di possesso palla (frutto dell'espulsione di Telles che ha costretto i giocatori del Portoa lasciare l'iniziativa agli avversari), 4 tiri in porta (nessuno, invece, per i padroni di casa che non hanno mai messo alla prova i riflessi di Buffon), 8 calci d'angolo battuti e un palo colpito da Dybala sullo 0-0 al termine della prima frazione di gioco. Il Porto, che già sulla carta era inferiore rispetto alla Juventus, ha dovuto giocare per oltre due terzi di gara in dieci uomini per l'espulsione di Telles che lascia i suoi in inferiorità numerica rimediando due gialli evitabilissimi nel giro di pochissimi minuti. Molto bene anche in fase difensiva i bianconeri con 35 palloni recuperati.

Al termine della gara Marco Pjaca è stato raggiunto dai microfoni di Premium Sport: "Sono molto contento di aver segnato il mio primo gol con la maglia bianconera, ma sono ancora più felice per la vittoria della squadra, oggi era importantissimo fare risultato per poter affrontare il match di ritorno in una situazione di indubbio vantaggio anche se dovremo sempre mantenere l'attenzione al massimo e non fare errori per non pregiudicare il passaggio del turno". 

Ai microfoni di Premium Sport è intervenuto il centrocampista della Juventus, Miralem Pjanic: "Nel primo tempo abbiamo gestito bene la gara ma non trovavamo l'ultimo passaggio, anche perché il Porto si è rintanato in difesa ed è una squadra che solitamente prende pochi gol. Siamo comunque riusciti a farli stancare, il mister ci ha detto di stare tranquilli anche quando non segnavamo e di aspettare il momento giusto che alla fine è arrivato. Il risultato è ottimo per noi e ci permette di poter guardare con ottimismo al match di ritorno. Con il 4-2-3-1 abbiamo molteplici soluzioni e mi trovo molto bene nel ruolo che il mister ha disegnato per me, cerco di dare sempre il massimo pensando esclusivamente a fare il bene della squadra".

Le parole del tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, ai microfoni di Premium Sport: "La squadra ha fatto una bella partita soprattutto sul piano della personalità, abbiamo sofferto solamente all'inizio con la punizione dal limite, dopodiché abbiamo guadagnato sempre più campo. Con l'uomo in più paradossalmente abbiamo fatto più fatica ad attaccare la profondità perché gli avversari si sono arroccati in difesa, è stato fondamentale non perdere la calma e non accerchiare l'area di rigore aspettando il momento propizio per lasciare il segno".

Il portiere del Porto, Iker Casillas, è stato intervistato dall'inviato di Premium Sport: "Buffon mi ha detto che l'espulsione di Telles li ha decisamente agevolati, in parità numerica il Porto poteva giocarsela alla pari con la Juventus, poi dopo aver sofferto parecchio in fase difensiva sono arrivati i due gol che hanno spaccato letteralmente la partita e ci hanno tagliato le gambe. Al ritorno ci proveremo, abbiamo ancora tre settimane di tempo, magari se a Torino fosse la Juve a giocare in dieci avremmo qualche possibilità... da quando sono al Porto ho ritrovato gli stimoli e le motivazioni che non avevo più a Madrid, per me è stata una sorta di seconda giovinezza".

(Stefano Belli)