BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

DIRETTA/ Milan-Borussia Dortmund (risultato finale 1-3) info streaming video e tv: lampi di Calhanoglu

Diretta Milan-Borussia Dortmund: info streaming video e tv, probabili formazioni, quote, orario e risultato live della partita di Guanghzou, valida per la International Chanmpions Cup 2017

Diretta Milan-Borussia Dortmund (Foto LaPresse)Diretta Milan-Borussia Dortmund (Foto LaPresse)

Volendo commentare questa prima uscita stagionale di un certo spessore tecnico per il rinnovatissimo Milan di Vincenzo Montella, la nota più positiva è senza ombra di dubbio quella relativa ad Hakan Clahanoglu, il centrocampista turco ex Bayer Leverkusen, costato ben trenta milioni di euro ai rossoneri, ha acceso il gioco della squadra con lampi di vero genio ed assist illuminanti, come quello per Antonelli quando il risultato erà già sul tre a uno per il Borussia Dortmund, con l’esterno rossonero che non è riuscito a tramutare in gol l’occasione. La qualità dei nuovi acquisti sarà ciò che dovrà trasformare il Milan rispetto a quanto visto l’anno scorso. I vecchi giocatori, a partire dalla coppia centrale Zapata-Paletta, hanno subito evidenziato le lacune già viste nella passata stagione, ma il Milan è un cantiere aperto che resterà aperto fino a fine mercato, con altri colpi alla Canlhanoglu che permetteranno di trasformare il DNA del nuovo Milan. (agg. di Fabio Belli)

Tempo scaduto a Guangzhou, il Borussia Dortmund batte il Milan per 3 a 1 nel match inaugurale dell'International Champions Cup 2017. Nelle battute conclusive del match i rossoneri provano almeno ad accorciare le distanze con Antonelli che all'82' sfiora il palo alla sinistra di Reimann, sessanta minuti più tardi ancora Antonelli chiama al dovere l'estremo difensore avversario che si rifugia in calcio d'angolo. Nel recupero il nuovo entrato Gabbia serve un pallone d'oro per Cutrone che tutto solo davanti a Reimann calcia addosso al portiere del BVB divorandosi il gol del 2-3 che avrebbe reso il finale di gara decisamente più avvincente. Al 94' Cutrone ci riprova con un colpo di testa piuttosto insidioso, Reimann non abbassa la guardia e con un colpo di reni spedisce il pallone in calcio d'angolo, dall'altra parte Emre Mor con un gran tiro impegna severamente Storari che è bravo a non concedergli il gol del 4 a 1, sarà questa l'ultima emozione dell'amichevole in terra cinese. (agg. di Stefano Belli)

Quando mancano solamente dieci minuti al novantesimo il punteggio di Milan-Borussia Dortmund vede la formazione di Bosz avanti per 3 a 1. Rossoneri che faticano a prendere l'iniziativa a causa del pressing asfissiante degli avversari che non concedono un attimo di respiro agli avversari senza dar loro la possibilità di ragionare e impostare la manovra con tutta calma. Al 61' la formazione di Montella batte un calcio di punizione dal limite con Calhanoglu, il pallone si infrange sulla barriera e termina in calcio d'angolo sugli sviluppi del quale nasce il terzo gol del BVB, la difesa del Milan è troppo alta e concede campo libero a Castro che apre per Pulisic, autore dell'assist per la doppietta di Aubameyang che batte nuovamente Storari e firma la rete del 3 a 1. Anche nella ripresa la superiorità del club tedesco è netta rispetto a quello italiano, il Borussia Dortmund sembra più avanti nella preparazione e atleticamente sta meglio, nel frattempo Montella ha concesso un po' di minuti anche a Sosa, Antonelli, Gustavo Gomez e il giovane Cutrone. (agg. di Stefano Belli)

Allo stadio di Guangzhou è ricominciato dopo l'intervallo il match amichevole di International Champions Cup 2017 tra Milan e Borussia Dortmund, al decimo minuto del secondo tempo il punteggio vede la formazione di Peter Bosz sempre in vantaggio per 2 a 1. A inizio ripresa due cambi per parte, Bosz getta nella mischia Reimann e Psasslach che prendono il posto di Weidenfeller e Piszczek mentre Montella ne approfitta per far debuttare Musacchio e Calhanoglu che rilevano Paletta e Niang. Al 48' il BVB sfiora nuovamente il tris con Aubameyang che viene fermato in fuorigioco dal guardalinee, nuovo pasticcio della difesa rossonera che questa volta si salva. Continua a esprimersi su ottimi livelli Pulisic che al 52' si procura una punizione sulla pressione fallosa di Borini, la barriera del Milan fa il suo dovere e respinge lontano la sfera. (agg. di Stefano Belli)

Si è appena concluso il primo tempo dell'amichevole tra il Milan e il Borussia Dortmund, le due squadre tornano negli spogliatoi per l'intervallo sul punteggio di 2 a 1 in favore del club tedesco. Verso la mezz'ora l'arbitro ha concesso un piccolo time-out per consentire ai giocatori di dissetarsi, nonostante la pioggia battente fa molto caldo e l'umidità si fa sentire. Alla ripresa del gioco gli uomini di Bosz tornano a premere sull'acceleratore dopo che i rossoneri avevano ritrovato un po' di coraggio grazie al gran gol di Bacca, e al 40' il BVB va vicinissimo al tris con Aubameyang che mette il pallone all'indietro per Castro che davanti alla porta sguarnita lo spara sugli spalti. Al 44' Milan pericoloso con Borini che libera un sinistro a giro, Bacca tenta di deviare il pallone verso la porta di Weidenfeller ma non ci riesce. Nel recupero l'undici di Montella batte un calcio di punizione con Ricardo Rodriguez che spedisce il pallone direttamente sopra la traversa. (agg. di Stefano Belli)

Alla mezz'ora del primo tempo il punteggio di Milan-Borussia Dortmund vede la formazione di Bosz avanti per 2 a 1. Dopo qualche timido accenno di reazione da parte dei rossoneri il club tedesco riprende in mano le redini del gioco, e al 16' sblocca la contesa con Sahin che sulla sponda di Pulisic gonfia la rete col sinistro, palla nell'angolino anche se Storari non è esente da colpe visto che ha preso gol sul suo palo intervenendo con un attimo fatale di ritardo. Passano altri quattro minuti e il BVB raddoppia quando Paletta atterra Pulisic all'interno dell'area di rigore mancando completamente il pallone, l'arbitro non esita e indica il dischetto, dagli undici metri Aubameyang non sbaglia e firma la rete del 2 a 0. Milan in difficoltà, il Borussia Dortmund rischia di dilagare ma la squadra di Montella al 24' accorcia le distanze grazie al numero di Bacca che semina la difesa avversaria e beffa Weidenfeller che interviene con colpevole ritardo. (agg. di Stefano Belli)

Allo stadio di Guangzhou è cominciata l'amichevole tra Milan e Borussia Dortmund che inaugura l'edizione 2017 dell'International Champions Cup, quando sono trascorsi circa dieci minuti dal fischio d'inizio il punteggio è fermo sullo 0-0. La formazione di Bosz parte decisamente meglio e si affaccia immediatamente dalle parti di Storari con Dembélé che in un paio di frangenti va alla conclusione, la prima volta il tiro viene bloccato dall'estremo difensore rossonero, la seconda il centravanti del BVB non inquadra lo specchio col sinistro. Per la squadra di Montella il più intraprendente in queste fasi iniziali è Niang che ruba palla nella metà campo avversaria e si conquista un calcio d'angolo battuto nel peggiore dei modi da Donnarumma con la sfera che supera la linea di fondo. (agg. di Stefano Belli)

Milan-Borussia Dortmund inizia tra poco: nella squadra rossonera l’attesa è tutta per Leonardo Bonucci, che non sarà della partita perché ha appena firmato con la società rossonera e, soprattutto, ha pochi allenamenti nelle gambe e soltanto domani raggiungerà i compagni in Cina. Bonucci sarà anche il nuovo capitano del Milan: Vincenzo Montella ha parlato di lui come del difensore centrale più forte al mondo, ma pare che la scelta di dargli la fascia sia stata più che altro della società (un incentivo in più per convincerlo a firmare); un dettaglio in ogni caso, ma nella partita di oggi staremo a vedere quali esperimenti il tecnico del Milan adotterà in difesa. Con l’arrivo di Bonucci dalla Juventus i centrali a disposizione di Montella diventano cinque: oggi il tecnico schiera Paletta in coppia con Cristian Zapata, Abate e Ricardo Rodriguez completano la difesa mentre sono titolari sia Kessié che Borini, con Carlos Bacca prima punta. Nel Borussia Dortmund c’è Pierre-Emerick Aubameyang, che forse tra pochi giorni sarà impegnato con la maglia rossonera… ecco allora le formazioni ufficiali di Milan-Borussia Dortmund. : Storari; Abate, Paletta. C. Zapata, Ri. Rodriguez; Kessié, José Mauri, Bonaventura; Borini, Bacca, Niang. Allenatore: Vincenzo Montella : Weidenfeller; Papastathopoulos, Bartra, Zagadou, Piszczek; Gonzalo Castro, Sahin, Rode; O. Dembeele, Aubameyang, Pulisic. Allenatore: Peter Bosz. (agg. di Claudio Franceschini)

In Milan-Borussia Dortmund c’è un giocatore che è un ex, ma che presto potrebbe cambiare maglia e andare a giocare proprio nell’avversaria odierna: stiamo ovviamente parlando di Pierre-Emerick Aubameyang, sul quale il Borussia Dortmund ha deciso di investire dopo il periodo al St. Etienne. Il club tedesco aveva ragione, perché il gabonese è diventato un realizzatore addirittura più prolifico di quanto fosse stato Robert Lewandowski (che è arrivato a sostituire nella Ruhr); nel Milan Aubameyang era arrivato giovanissimo e aveva fatto davvero bene nella Primavera, ma quella squadra rossonera aveva in attacco giocatori come Filippo Inzaghi,  Alexandre Pato e Marco Borriello, e in più nel 2008 era tornato Andriy Shevchenko. Nel 2009 era arrivato anche Klaas-Jan Huntelaar, e per Aubameyang non c’era stato spazio: da qui i prestiti in Francia e poi la società rossonera aveva deciso di poter fare a meno di quel giovane gabonese. Adesso, Aubameyang potrebbe tornare alla base: curiosamente il Borussia Dortmund ha vissuto uno scenario simile con Mats Hummels che, cresciuto nelle giovanili del Bayern Monaco, è tornato in Baviera dopo aver giocato otto stagioni in giallonero diventando uno dei difensori centrali più forti in Europa, colonna portante della nazionale tedesca che ha vinto il Mondiale nel 2014 (suo il gol decisivo nei quarti di finale contro la Francia). (agg. di Claudio Franceschini)

C’è un precedente storico tra Milan e Borussia Dortmund, che si affrontano nella International Champions Cup 2017: nello specifico la semifinale di Coppa UEFA 2001-2002, una versione che si disputava ancora con turni ad eliminazione diretta e senza i gironi. Un’edizione nella quale in semifinale era arrivata anche l’Inter, che sarebbe stata eliminata dal Feyenoord; il Milan aveva eliminato l’Hapoel Tel Aviv, era la prima versione di Carlo Ancelotti arrivato in corsa a sostituire Fatih Terim e a inaugurare un periodo che sarebbe stato ricco di trionfi (comprese due Champions League). La semifinale di fatto si decideva al Westfalenstadion: il Borussia Dortmund di Matthias Sammer vinceva 4-0 con un fantastico tris dell’ex Marcio Amoroso (tutti i gol nel primo tempo) e il sigillo finale di Jorg Heinrich. Al ritorno il Milan ci provava comunque: dopo 18 minuti era già 2-0 con Filippo Inzaghi e Cosmin Contra, ma ai rossoneri servivano ancora due gol e uno arrivava al 92’, troppo tardi con un rigore di Serginho. Per di più un minuto più tardi il Borussia Dortmund andava in gol con Lars Ricken e chiudeva i conti; la Coppa UEFA l’avrebbe però vinta il Feyenoord di Bert Van Marwijk (secondo al Mondiale 2010 con l’Olanda), 3-2 nel quale il terzo gol sarebbe stato realizzato da Jon Dahl Tomasson, poche settimane prima di andare a giocare nel Milan. (agg. di Claudio Franceschini)

La International Champions Cup, per cui si gioca oggi Milan-Borussia Dortmund, è un torneo nato nel 2003: coinvolte squadre provenienti da più Continenti, nel corso degli anni è diventato l’appuntamento più prestigioso nell’estate delle amichevoli, perché tante big vi partecipano. Tra il 2011 e il 2014 (nel 2012 però non si è giocato) la International Champions Cup ha avuto anche un vincitore ufficiale; oggi invece si gioca una serie di partite in giro per il mondo, ogni girone ha la sua classifica ma non ci sono incroci tra le vincenti o le piazzate. Il Milan in questo 2017 sarà impegnato esclusivamente in Cina: giocherà, a parte che con il Borussia Dortmund, contro Arsenal, Bayern Monaco, Lione e soprattutto Inter, per quello che sarà di fatto il primo derby stagionale. Altre squadre affronteranno un doppio girone: gli stessi nerazzurri andranno poi a Singapore dove sfideranno Bayern e Chelsea, nel girone degli Stati Uniti invece ci saranno Juventus e Roma che troveranno grandi avversari come Real Madrid (vincitore di due edizioni della International Champions Cup), Paris Saint-Germain, Manchester United e Manchester City, Barcellona e Tottenham). E’ sicuramente una bella occasione per vedere all’opera in un unico evento (per quanto itinerante) tante grandi squadre del calcio europeo, anche se ovviamente non ancora al completo e con una preparazione non ultimata. (agg. di Claudio Franceschini) 

Milan-Borussia Dortmund si gioca alle ore 19:20 locali, dunque le 13:20 in Italia, a Guanghzou: per le due squadre un’amichevole di lusso e il primo impegno nella International Champions Cup 2017, il torneo itinerante che ormai da tante estati ci accompagna e che vede la presenza di tante big che si sfidano in giro per il mondo, anche se poi – almeno da qualche tempo – una classifica finale e un vincitore non ci sono.

Sia come sia, per Vincenzo Montella dopo l’utile sgambata contro il Lugano che ha aperto la stagione rossonera è arrivato il momento di fare sul serio: il Borussia Dortmund è una squadra che parteciperà alla prossima Champions League e che dunque rappresenta un test serissimo per una squadra del tutto nuova. Il Milan è la grande regina del calciomercato: la nuova proprietà cinese ha fatto sul serio e, quando siamo soltanto a metà luglio, ha già chiuso dieci colpi in entrata, con nomi altisonanti tra cui quello di Leonardo Bonucci, strappato alla Juventus e già insignito della fascia di capitano. 

L’avversaria di oggi è un Borussia Dortmund rinnovato: l’allenatore non è più Thomas Tuchel ma quel Peter Bosz che ha raggiunto la finale di Europa League con un giovanissimo Ajax, e che dunque avrà anche il compito di far crescere i tanti giovani che nell’ultima stagione si sono messi in mostra nella Ruhr. Finora a Dortmund sono arrivati il difensore centrale Omer Toprak e il giovane e promettente centrocampista centrale Mahmoud Dahoud, oltre a Maximilian Philipp (attaccante) e al rientro di Neven Subotic, che era in prestito. Le cessioni sono solo quelle di Matthias Ginter e Sven Bender, almeno per ora; l’obiettivo è quello di tornare in Champions League e magari provare a contendere la Bundesliga al Bayern Monaco, mentre in Europa i quarti di finale potrebbero essere un traguardo realistico.

Le probabili formazioni: nel Milan non ci saranno ancora Bonucci e Lucas Biglia, che dovrebbero essere impiegati dalla prossima partita. Davanti a Gigio Donnarumma, probabilmente già in campo, avremo forse la linea a tre con Alessio Romagnoli affiancato a Paletta e Musacchio, mentre a centrocampo Abate prenderà il posto di Conti a destra con Ricardo Rodriguez dall’altra parte, in mezzo Montolivo distribuirà il gioco avendo in Kessié e Calhanoglu i suoi scudieri. Davanti, bisognerà rinunciare ad André Silva; Borini giocherà dal primo minuto con uno tra Bacca e Niang.

Nel Borussia Dortmund è facile pensare al 4-3-3: in porta Burki, Sokratis e Bartra a stringere con Piszczek e Schmelzer sulle corsie esterne. A centrocampo, aspettando Dahoud, Gonzalo Castro e Kagawa potrebbero essere i due interni con Rode da playmaker davanti alla difesa, davanti possibile l’utilizzo di Aubameyang che potrebbe giocare contro la sua futura squadra, Reus lo affiancherà da una parte mentre dall’altra è testa a testa tra Dembele, Pulisic e Schurrle.

La Snai ha previsto, tra le altre agenzie di scommesse, le quote per scommettere su questa partita: ci dicono che la vittoria del Milan – segno 1 – è data a 3,05 e dunque i rossoneri non sono favoriti, perché sulla vittoria del Borussia Dortmund la quota è invece di 2,15. Sarà di 3,55 volte la somma messa sul piatto la vincita in caso di pareggio (segno X).

Milan-Borussia Dortmund, come tutta la International Champions Cup 2017, sarà trasmessa in diretta tv sulla pay tv del digitale terrestre: appuntamento dunque su Premium Sport e Premium Sport HD, con la possibilità di assistere alla partita di Guanghzou anche in diretta streaming video, attivando senza costi aggiuntivi l’applicazione Premium Play su dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone.

© Riproduzione Riservata.