BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Diretta/ Roma Celta Vigo (risultato finale 1-4) streaming video e tv: brutta sconfitta per Di Francesco!

Diretta Roma-Celta Vigo risultato live: streaming video e tv, probabili formazioni, orario. L’amichevole precampionato si gioca domenica 13 agosto 2017 alle ore 19:30

Diretta Roma-Celta Vigo: qui il difensore argentino Federico Fazio, 30 anni (LAPRESSE)Diretta Roma-Celta Vigo: qui il difensore argentino Federico Fazio, 30 anni (LAPRESSE)

DIRETTA ROMA CELTA VIGO (RISULTATO FINALE 1-4): FINE GARA

Nei minuti finali i giallorossi provano a rendere meno amaro il passivo. Il Celta Vigo d'altra parte effettua tante sostituzioni incontrando qualche difficoltà nei minuti seguenti. Occasione per la Roma all'81esimo. Nainggolan suggerisce bene dalla sinistra trovando Tumminello che non riesce ad angolare sotto porta. Gli spagnoli rispondono con un tiro di Wass dalla distanza. Nessun problema per Alisson che blocca. Di Francesco richiama in panchina i giocatori in campo dall'inizio: Castan, Nura e Sadiq prendono il posto di Juan Jesus, Bruno Peres e Gonalons. La Roma prova ad accorciare. Dzeko penetra in area dalla sinistra. Tocco in mezzo per Tumminello che viene murato al momento del tiro. Nainggolan poco dopo cerca un'idea. Tocco morbido per Dzeko che non riesce a destreggiarsi in area. L'azione sfuma. Nei minuti finali le due squadre non riescono più a produrre azioni offensive.

ROMA-CELTA VIGO, DIRETTA LIVE

RETE DI STROOTMAN AL 62°

Di Francesco, probabilmente deluso dalla prestazione del primo tempo, effettua numerosi cambi durante l'intervallo. Restano negli spogliatoi: Skorupski, Iturbe, Defrel, Kolarov, Gerson e Pellegrini. Al loro posto entrano Alisson, Perotti, Dzeko, Manolas, Nainggolan e Strootman. Nessuna sostituzione invece per il Celta Vigo. Nei primi minuti del secondo tempo la Roma prova a costruire qualcosa. Under serve Bruno Peres a destra. Cross basso ribattuto in corner. Dalla bandierina tocco corto per Perotti che crossa bene per Manolas. Il greco non riesce però a colpire di testa e l'azione sfuma. Sostituzione per il Celta Vigo: esce Jozabed, entra Hernandez. Il Celta prova ad addormentare il match mentre la Roma alza la pressione.

 

DI FRANCESCO RIVOLUZIONA LA SQUADRA

Di Francesco, probabilmente deluso dalla prestazione del primo tempo, effettua numerosi cambi durante l'intervallo. Restano negli spogliatoi: Skorupski, Iturbe, Defrel, Kolarov, Gerson e Pellegrini. Al loro posto entrano Alisson, Perotti, Dzeko, Manolas, Nainggolan e Strootman. Nessuna sostituzione invece per il Celta Vigo. Nei primi minuti del secondo tempo la Roma prova a costruire qualcosa. Under serve Bruno Peres a destra. Cross basso ribattuto in corner. Dalla bandierina tocco corto per Perotti che crossa bene per Manolas. Il greco non riesce però a colpire di testa e l'azione sfuma. Sostituzione per il Celta Vigo: esce Jozabed, entra Hernandez. Il Celta prova ad addormentare il match mentre la Roma alza la pressione.

 

ANCORA ASPAS AL 41°

La Roma non riesce a riprendersi e il Celta Vigo rimane in costante controllo del match. Il centrocampo è il settore chiave per capire il dominio degli spagnoli in questo primo tempo. Le prove dei giallorossi in quel settore sono questa sera decisamente al di sotto della media. Il pubblico di Vigo applaude con convinzione la sua squadra che va a caccia del quarto gol. Maxi Gomez sfugge alla marcatura di Fazio ma da posizione angolata non riesce a trovare nessun compagno. Al 41esimo il Celta Vigo dilaga trovando addirittura il quarto gol. Wass riceve in area sulla destra. Servizio basso per Aspas che in area piccola insacca con estrema facilità. Nei minuti conclusivi del primo tempo la Roma prova a evitare il tracollo facendo possesso palla. Primo tempo a senso unico.

 

GOL DI ASPAS SU RIGORE AL 17° E DOPPIETTA DI SISTO AL 23° E AL 27°

Mentre la Roma prova con pazienza a fare possesso il Celta Vigo pressa alto cercando di dare una svolta al match. La pressione dei rosso-azzurri è efficace. Al 15esimo Fazio perde palla nella propria metà campo, insegue Guidetti lanciato a rete e lo travolge. Rigore sacrosanto. Dal dischetto Aspas non sbaglia spiazzando Skorupski. Nel frattempo Guidetti resta dolorante a bordo campo. L'attaccante non riesce a proseguire l'incontro e viene sostituito dal giovane Maxi Gomez. La Roma prova a riorganizzarsi ma continua a subire l'iniziativa avversaria. Sisto si accentra dalla sinistra e dopo un paio di dribbling conclude non riuscendo però a inquadrare lo specchio. A 23esimo arriva la rete del raddoppio. Gerson pasticcia a centrocampo con Gonalons, Sisto ringrazia e punta l'area. Dai 25 metri Sisto calcia bene trovando il gol del raddoppio. La Roma esce dalla partita e il Celta ne fa un altro. Maxi Gomez dalla destra suggerisce per Sisto che a porta vuota insacca. Tutto troppo facile per il Celta.

INIZIO GARA

Celta Vigo in campo con il 4-3-3. Tra i pali Alvarez, linea difensiva composta da Mallo, Cabral, Fontas e Jonny. In mediana Radoja, Jozabed e Wass mentre in zona offensiva ci sono Aspas, Guidetti e Sisto. La Roma risponde con un modulo speculare. Skorupski in porta, difesa composta da Bruno Peres, Fazio, Juan Jesus e Kolarov. A centrocampo spazio a Gerson, Gonalons e Pellegrini. In attacco troviamo Cengiz Ünder, Defrel e Iturbe. Ritmo alto a inizio gara. I giallorossi provano a fare possesso ma la pressione alta degli spagnoli li mette in difficoltà. Guidetti prova la girata in area ma Fazio fa buona guardia. Poco dopo un'iniziativa di Aspas libera Guidetti al tiro dal cuore dell'area. Conclusione potente ma centrale, Skorupski ribatte. Under intanto si mette in mostra con un'azione personale. Il tiro che segue è però totalmente impreciso. In questi primi minuti di gioco la Roma prova a fare possesso cercando con pazienza un varco.

LE FORMAZIONI UFFICIALI

Sono finalmente arrivate le formazioni ufficiali. Pochi minuti ancora e ci sarà il fischio di inizio di Roma Celta Vigo, l'ultima amichevole dei giallorossi prima dell'inizio del campionato. Nell’ultima amichevole disputata la Roma ha perso per 2-1 contro il Siviglia: tutte e tre le reti sono state segnate nel secondo tempo, prima l’uno due Escudero-Nolito e poi la rete giallorossa ad opera di Dzeko. Parlando con i giornalisti dopo la partita, il tecnico romanista Eusebio Di Francesco ha sottolineato come la sua squadra stia cercando un’identità, ricordando al contempo che il Siviglia è necessariamente più avanti nella preparazione dovendo affrontare il turno playoff di Champions League. Questo il bilancio di Di Francesco sui 90 minuti di gioco: “Sicuramente dal punto di vista della manovra siamo cresciuti, quello che abbiamo preparato in questi giorni si è visto: tranne in primi 15 minuti abbiamo tenuto benissimo. È stata una partita equilibrata, fino al loro gol. Noi davanti alla porta avversaria siamo stati troppo precipitosi, a volte dovevamo chiudere meglio l’azione. Un po’ troppo fioretto, serve più concretezza. La squadra ha però retto bene, ha sofferto una ripartenza, ma nell’insieme ha lavorato bene nel cercare anche di aggredire l’avversario”. (aggiornamento di Carlo Necchi)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV, COME VEDERE L’AMICHEVOLE

Roma-Celta Vigo, domenica 13 agosto 2017 alle ore 19.30, sarà trasmessa per tutti gli abbonati alla pay tv satellitare sui canali 201, 206 e 251 di Sky, rispettivamente Sky Sport 1 HD, Sky Super Calcio HD e Sky Calcio 1 HD, con diretta streaming video via internet dell'incontro disponibile sul sito skygo.sky.it.

ORARIO E PRESENTAZIONE DELLA PARTITA

Roma-Celta Vigo, domenica 13 agosto 2017 alle ore 19.30, sarà la sfida che chiuderà il tour spagnolo dei giallorossi, l'ultima amichevole prima dell'esordio in campionato contro l'Atalanta previsto per il successivo weekend. Di fronte i galiziani, squadra l'anno scorso protagonista in Europa League, con l'accesso in finale sfiorato dopo una tiratissima semifinale contro il Manchester United, ma solo tredicesimi nella Liga Spagnola e dunque esclusi dalla prossima edizione delle Coppe Europee.

LE PROBABILI FORMAZIONI

Roma in campo con il portiere brasiliano Allisson tra i pali, il suo connazionale Bruno Peres esterno di difesa sulla fascia a destra, mentre a sinistra giocherà il serbo Kolarov. Il greco Manolas, uscito dopo un colpo alla spalla subito contro il Siviglia in amichevole, dovrebbe essere tenuto a riposo, con la coppia di difensori centrali composta dal messicano Hector Moreno e dall'argentino Fazio. A centrocampo, spazio a De Rossi affiancato dal belga Nainggolan e da Pellegrini, con possibile partenza dalla panchina per l'olandese Strootman. In attacco, tridente titolare col francese Defrel, il bosniaco Dzeko e l'argentino Perotti. Risponderà il Celta Vigo con Villar estremo difensore alle spalle di una difesa a quattro composta da Hugo Mallo sulla corsia laterale di destra, Jonny sulla corsia laterale di sinistra e Roncaglia e Sergi Gomez schierati al centro della retroguardia. I laterali di centrocampo saranno Radoja sull'out di destra e Lobotka sull'out di sinistra, mentre per vie centrali giocheranno Jozabed e Pione Sisto. Il tandem offensivo della formazione galiziana sarà invece formato da Maxi Gomez e da Iago Aspas.

LE TATTICHE

Eusebio Di Francesco sta lavorando tatticamente sul 4-3-3, mentre il tecnico del Celta Vigo, Juan Carlos Unzue, ha schierato la squadra con il 4-4-2 negli ultimi test. L'ultima sconfitta nell'amichevole giocata in casa del Siviglia ha messo in luce particolari della squadra giallorossa che già si conoscevano. Grande potenzialità offensiva, con Dzeko sempre puntuale in zona gol e Defrel molto attivo e capace di cogliere un palo, ma anche grande fragilità difensiva, col Siviglia che ha avuto buon gioco tra le maglie larghe della retroguardia giallorossa. Il Celta Vigo è reduce invece da una sconfitta ai calci di rigore in un test amichevole contro un'altra squadra italiana, l'Udinese, che si è imposta nel Trofeo Quinocho.

LE SENSAZIONI DEL NEO ACQUISTO KOLAROV

Si avvicina il fischio d’inizio di Roma-Celta Vigo. Vedremo se Aleksandar Kolarov rientrerà fra i titolari giallorossi, nel frattempo sembra che l’inserimento del serbo nella nuova squadra stia procedendo in maniera spedita. D’altra parte il mancino classe 1985 conosce bene la Capitale avendo vestito la maglia della Lazio dal 2007 al 2010. Ora la Roma lo ha riportato in Italia versando circa 5 milioni di euro al Manchester City. A Siviglia Kolarov è stato tra i migliori in campo nonostante la sconfitta, e nel dopopartita ha parlato della stagione ormai prossima a cominciare ufficialmente. Queste le sue dichiarazioni riportate dal sito ufficiale www.asroma.com: “Mi hanno accolto molto bene, sia l’allenatore sia i giocatori. Alcuni li conoscevo prima, con Dzeko ho giocato quattro o cinque anni insieme, De Rossi lo conoscevo di avversario. Al momento procede tutto bene, ci stiamo preparando al massimo per l’inizio del campionato non vediamo l’ora di partire”. Kolarov ha poi speso una riflessione sulla sua collocazione in campo: non solo terzino sulla fascia sinistra ma anche difensore centrale: “L’anno scorso ho giocato molto da centrale, è vero. Cerco di migliorare sempre: ho 31 anni e credo di poter dare tanto in entrambi i ruoli. Sono qui cercando di dare qualcosa per vincere, sappiamo che Roma è una piazza difficile, io cerco sempre di dare l’esempio fuori e dentro il campo. Mi sento maturo e pronto per qualsiasi cosa. Aspetto questa stagione che sarà lunga e mi faccio trovare pronto per qualsiasi cosa”. (aggiornamento di Carlo Necchi)

ROMA E CELTA VIGO, UNITE DA...LUIS ENRIQUE

Luis Enrique è il filo rogo che unisce i nomi di Roma e Celta Vigo. L’ex centrocampista spagnolo, che da calciatore ha vestito le maglie di Sporting Gijon, Real Madrid e Barcellona, ha cominciato il suo percorso da allenatore nelle giovanili del Barça allenando la squadra B dal 2008 al 2011. Poi l’approdo alla Roma, che lo ingaggiò nell’estate 2011 rendendolo il primo allenatore scelto dalla presidenza americana. Arrivato con buone aspettative, ‘Lucho’ lavorò bene con una squadra molto rinnovata dopo il mercato estivo, ma non riuscì ad ottenere risultati in linea con gli obiettivi del club. La Roma venne eliminata al primo turno di Europa League e concluse la Serie A 2011-2012 al settimo posto, fuori dalla zona coppe: Luis Enrique, alle prese anche con una pressione mediatica non indifferente, decise così di lasciare la squadra al termine dell’annata. Si è però rifatto in patria ripartendo proprio dal Celta Vigo, condotto ad un’agevole salvezza nella stagione 2013-2014. Poi il ritorno al Barcellona con cui il mister spagnolo ha vinto 2 edizioni della Liga, 3 Coppe e 1 Supercoppa di Spagna, 1 Champions League, 1 Supercoppa UEFA e anche il Mondiale per club nel 2015. Ora è senza squadra, dovrebbe concedersi un anno sabbatico come fece anche il suo amico Josep Guardiola: quale sarà la prossima avventura di Lucho? (aggiornamento di Carlo Necchi)

DUE ALLENATORI AL DEBUTTO

Sia la Roma che il Celta Vigo hanno cambiato allenatore nel corso dell’estate. Per Eusebio Di Francesco la panchina giallorossa rappresenta l’occasione per un salto di qualità professionale, un po’ come gli successe da calciatore quando nel 1997 passò dal Piacenza alla Roma con cui completò la sua maturazione, arrivando a giocare anche in Nazionale (13 presenze e 1 gol). Dopo aver fatto grandi cose con il Sassuolo, condotto in quattro anni dalla Serie B all’Europa League, Di Francesco punta ora ad inserire qualche trofeo in bacheca. Chissà che la sua parabola non ripercorra quella di Maurizio Sarri, altro mister che dalla provincia ha saputo adattarsi bene in una società più ambiziosa. Il Celta Vigo ha dovuto rimpiazzare Eduardo Berizzo: l’argentino, che come Di Francesco aveva lavorato nel club anche da giocatore, è passato al Siviglia e così sulla panchina dei galiziani si è seduto Juan Carlos Unzue. Nato a Pamplona nel 1967 ed ex portiere, ha giocato con Osasuna, Barcellona, Siviglia, Tenerife, Real Oviedo ed ancora Osasuna. Poi è diventato preparatore dei portieri del Barça prima di passare ad allenare in proprio: Dal 2010 al 2012 le esperienze con Numancia e Racing Santander, poi il ritorno al Celta Vigo come assistente di Luis Enrique che successivamente ha seguito al Barcellona. (Agg. di Carlo Necchi)

IL MERCATO GIALLOROSSO

Quest’anno la Roma ha iniziato un ciclo completamente nuovo sotto la guida di Eusebio Di Francesco, per la prima volta alla guida di una grande squadra e che ha portato con sé due suoi fedelissimi in neroverde, il centrocampista Lorenzo Pellegrini (cresciuto proprio nel vivaio della Roma) e l'attaccante francese Defrel. La Roma però ha salutato anche tanti protagonisti delle ultime due fortunate stagioni, chiusesi con un terzo e un secondo posto in Serie A. Non solo Francesco Totti, che ha chiuso alla vigilia dei quarantuno anni la sua esperienza da calciatore professionista; hanno lasciato la squadra anche il portiere polacco Szczesny, il difensore tedesco Rudiger, il centrocampista argentino Paredes e l'attaccante egiziano Salah, tutti giocatori che avevano offerto un contributo importante nella passata stagione. Gli arrivi di Karsdorp, Kolarov e Gonalons hanno però riequilibrato una rosa che punta ad essere protagonista sia in campionato, sia in Champions League, dove la Roma partirà dalla fase a gironi. Il Celta Vigo proverà invece a riaffacciarsi nella zona europea della Liga Spagnola, pur consapevole della distanza che separa la compagine galiziana dalle big.

© Riproduzione Riservata.