BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Risultati Champions League/ Classifica aggiornata: Napoli sconfitto in Ucraina, vola il Real Madrid

Risultati Champions League: classifica aggiornata e diretta gol live score dei gironi E, F, G e H. Nella prima giornata il Napoli cade sul campo dello Shakhtar, esordio ok per il Real Madrid

Risultati Champions League, 1^ giornata (Foto LaPresse) Risultati Champions League, 1^ giornata (Foto LaPresse)

Sono terminate le partite di Champions League: abbiamo i risultati finali anche dai quattro gironi impegnati questa sera. Il Napoli cade in casa dello Shakhtar Donetsk nonostante abbia accorciato le distanze con il rigore di Arkadiusz Milik (procurato da una bella iniziativa di Mertens) e inizia male la sua corsa in questa edizione del torneo. Nel girone F dei partenopei il Manchester City passeggia sul campo del Feyenoord: i campioni d’Olanda dovranno decisamente cambiare registro se vorranno giocarsi davvero la qualificazione come seconda. Vince senza tropi patemi il Real Madrid, che tritura l’Apoel con i soliti noti Cristiano Ronaldo e Sergio Ramos; nello stesso girone il Tottenham si prende una vittoria fondamentale sul Borussia Dortmund in quella che, sulla carta, sarà la sfida per il secondo posto. Il gol segnato da Nuri Sahin ha comunque peso specifico, potrebbe infatti essere utilissimo nell’economia di una differenza reti tra le due squadre o nel girone. Liverpool e Siviglia danno vita a una partita molto bella ad Anfield: questa volta i Reds non si fanno superare dagli andalusi come era accaduto nella finale di Europa League di poco più di un anno fa, ma sprecano l’occasione di vincere spedendo un rigore sul palo (con Roberto Firmino) e si fanno agganciare dall’ex Sampdoria Joaquin Correa. Ripreso anche lo Spartak Mosca di Massimo Carrera: a cinque minuti dal 90’ arriva il gol del Maribor con Bohar, e dunque in questo girone hanno tutte un punto. Colpo esterno del Besiktas che batte il Porto e spariglia le carte nel gruppo E, dove per di più il Monaco non va oltre un 1-1 sul campo del Lipsia che alla prima di sempre in Champions League si prende già un punto. Si torna in campo tra due settimane con la seconda giornata, queste 16 squadre giocheranno di martedì. (agg. di Claudio Franceschini) RISULTATI CHAMPIONS LEAGUE

RADDOPPIO DELLO SHAKHTAR DONETSK

Ci avviciniamo alla parte conclusiva nelle partite di Champions League, e purtroppo il Napoli ha incassato il secondo gol sul campo dello Shakhtar Donetsk: rivedibile Pepe Reina sul cross dalla sinistra di Stepanenko, Facundo Ferreyra a porta vuota ha tutto il tempo di schiacciare in rete il pallone del 2-0 che virtualmente chiude la partita, anche se abbiamo imparato a conoscere la squadra di Maurizio Sarri e sappiamo che in poco tempo può avere la sfuriata giusta (anche perchè appena dopo il gol entra in campo Dries Mertens, l’amuleto dei partenopei, ovviamente al posto di Hamsik che è sempre il primo ad uscire). Al Bernabeu arriva il raddoppio del Real Madrid sull’Apoel: è un calcio di rigore e lo segna Cristiano Ronaldo, che fa così doppietta pareggiando il conto dei gol stagionali in Europa con Leo Messi (poco più tardi Sergio Ramos fa 3-0). Il Tottenham fa tris contro il Borussia Dortmund con il secondo gol di Harry Kane e c'è la clamorosa doppietta di John Stones per il Manchester City che passeggia in Olanda, mentre si porta in vantaggio lo Spartak Mosca di Massimo Carrera: il gol porta la firma di Samedov e sarebbero tre punti importantissimi per la formazione russa. (agg. di Claudio Franceschini) 

INTERVALLO: NAPOLI ANCORA SOTTO

E’ l’intervallo delle partite di Champions League: anche questa sera grande spettacolo e tanti gol, purtroppo dobbiamo registrare che il Napoli è ancora sotto contro lo Shakhtar Donetsk, avendo anche rischiato di prendere un gol. Il Liverpool ribalta tutto contro il Siviglia: segnano Roberto Firmino e Mohamed Salah, poi però i Reds hanno la possibilità di chiuderla su calcio di rigore ma lo stesso Firmino centra il palo e allora gli andalusi restano in partita. Torna in vantaggio il Besiktas al Do Dragao: il gol del vantaggio porta la firma di Cenk Tosun, sempre più decisivo per le sorti della formazione turca. Conferma il suo vantaggio il Real Madrid contro l’Apoel anche se per il momento i campioni in carica non riescono a chiuderla; il Manchester City trova anche il terzo gol con l’immancabile Gabriel Jesus e per il Feyenoord è notte fonda. Due minuti di fuoco alla Red Bull Arena: il Lipsia segna il primo gol della sua storia in Champions League portandosi in vantaggio con Forsberg, appena dopo il Monaco risponde con il nuovo acquisto Tielemans. Due lampi in una partita non troppo esaltante; non lo è di sicuro a Maribor, dove i padroni di casa sono inchiodati sullo 0-0 contro lo Spartak Mosca di Massimo Carrera. (agg. di Claudio Franceschini)

SPETTACOLO A WEMBLEY

Tanti gol c’erano stati ieri in Champions League, e tanti gol nei risultati parziali di questa sera: purtroppo uno lo ha subito anche il Napoli, sotto 1-0 contro lo Shakhtar Donetsk per effetto della rete di Taison al quarto d’ora. Siamo intorno alla metà del primo tempo e tre reti le abbiamo viste solo a Wembley, dove il Tottenham si è portato sul 2-1 grazie a Son Heung-Min e Harry Kane, ma il Borussia Dortmund ha prontamente risposto con Andrey Yarmolenko che aveva realizzato il gol del momentaneo pareggio. E’ una partita vera, come lo è a Rotterdam per il Manchester City: avvio fantastico per la squadra di Pep Guardiola, in rete con John Stones e Sergio Aguero e il Feyenoord che adesso dovrà provare a rimettere una partita complicatissima. Ha già sbloccato anche il Real Madrid, che apre bene la sua campagna verso la terza Champions League consecutiva: ieri Leo Messi ha bussato con una doppietta, oggi Cristiano Ronaldo risponde con la rete che al momento affonda l’Apoel. Preziosi i vantaggi esterni del Besiktas a Porto e del Siviglia a Liverpool, ma le due squadre di casa rispondono e dunque siamo ora in parità. (agg. di Claudio Franceschini)

INIZIANO LE PARTITE

Prende il via la giornata di Champions League: tanta carne al fuoco nei quattro gironi di oggi, e sicuramente un occhio di riguardo andrà tenuto su Wembley, casa del Tottenham per la stagione in corso vista la ristrutturazione di White Hart Lane. A Londra arriva il Borussia Dortmund, rinnovato dall’arrivo di Peter Bosz in panchina: lo scorso anno i gialloneri erano riusciti a vincere il girone stando davanti al Real Madrid, che ritrovano anche in questa stagione, ma poi il loro cammino si era fermato ai quarti contro il Monaco, anche a causa dell’attentato subito dalla squadra mentre si recava allo stadio per giocare la partita di andata (era arrivata una sconfitta interna determinante). Il Tottenham è un cliente scomodissimo, ma in Europa negli ultimi anni ha deluso: per esempio nel 2016, quando non è riuscito a superare il girone di Champions (superato da Bayer Leverkusen e Monaco) e si è dovuto accontentare di retrocedere in Europa League dove non ha fatto strada. Mauricio Pochettino sa bene che alcuni dei suoi uomini chiave (Eric Dier, Dele Alli e Harry Kane su tutti) hanno un anno di esperienza in più e che le partite con l’Inghilterra non possono che fare bene; dovrà però iniziare subito a fare punti, e questo significa provare a battere il Borussia Dortmund. Ci riuscirà? Lo scopriremo tra poco: ora diamo la parola ai campi perchè le partite stanno finalmente per cominciare. (agg. di Claudio Franceschini

LA MATRICOLA

Sarà il Lipsia a infiammare la serata di Champions League: per la squadra tedesca arriva l’esordio ufficiale nella fase a gironi del torneo europeo, presso la Red Bull Arena contro quel Monaco che l’anno scorso ha centrato la semifinale. Una data storica per la squadra di proprietà del gigante austriaco, che controlla anche la scuderia di Formula 1 e altre società di calcio (per esempio il Salisburgo che ha fatto ottime cose in Europa League, chiudendo due gironi a punteggio pieno): Ralph Hasenhuttl è pronto a giocarsi la qualificazione agli ottavi dopo aver ottenuto uno strepitoso secondo posto in Bundesliga, contendendo al Bayern Monaco il titolo fino a primavera. Il Lipsia del resto ha grandi progetti: da quando è intervenuta la sponsorizzazione Red Bull la squadra ha aperto un piano che prevedeva titoli pesanti in pochi anni, e sembra che le cose stiano andando più o meno in quella direzione. Certo il lavoro da fare non sarà breve e semplice, ma la rosa del Leipzig è di qualità: giocatori come Kevin Kampl, Emil Forsberg, Marcel Sabitzer e gli attaccanti Timo Werner e Yussuf Poulsen possono garantire il passaggio del turno, anche se il girone (che comprende anche Porto e Besiktas) non sarà semplicissimo da superare. (agg. di Claudio Franceschini)

IL BIG MATCH DI ANFIELD

Sicuramente tra le partite di questa sera in Champions League il big match si gioca ad Anfield Road e oppone il Liverpool al Siviglia. E’ una partita che per di più si è giocata poco tempo fa in Europa, e ha rappresentato la finale di Europa League 2016: al St. Jakob Park di Basilea i Reds si erano scontrati con il Siviglia che aveva centrato il record delle tre vittorie consecutive in questo torneo, salendo a quota 5 titoli nell’albo d’oro dopo la doppietta firmata da Juande Ramos. La squadra di Unai Emery si era imposta per 3-1: Liverpool in vantaggio con Daniel Sturridge ma rimontata da Kevin Gameiro e dalla doppietta di Coke. Jurgen Klopp è ancora l’allenatore del Liverpool e adesso punta al bersaglio grosso, mentre a Siviglia è già passata l’era di Jorge Sampaoli - durato solo una stagione - e si è aperta quella di Eduardo Berizzo, chiamato a rinverdire i fasti di una squadra che vuole migliorare gli ottavi di finale centrati lo scorso anno. Un Siviglia che per di più è molto cambiato rispetto a quella versione di appena un anno e mezzo fa: dei titolari di quel giorno sono rimasti soltanto David Soria, Sergio Escudero, Steven N’Zonzi e Ever Banega, che però è passato attraverso una stagione - poco brillante - con la maglia dell’Inter. (agg. di Claudio Franceschini)

ZIDANE E IL RECORD

Come abbiamo già detto, il Real Madrid è diventato la prima squadra di sempre a centrare la vittoria di due Champions League consecutive a partire dal 1992, quando la Coppa dei Campioni antica ha cambiato nome e ha aperto alla fase a gironi: dunque non possiamo più prendere a “modello” il Milan come ultima squadra (1989 e 1990) a vincere due volte in fila la coppa, perchè le merengues hanno pareggiato questo risultato che, nel 1979 e 1980, aveva centrato anche il Nottingham Forest di Brian Clough. Adesso Zidane ha un nuovo traguardo con il quale confrontarsi: il tris, che è riuscito a pochissime squadre e che, nell’accezione specifica, non accade dal 1976. Lo aveva realizzato il Bayern Monaco, che per di più lo aveva fatto immediatamente dopo l’Ajax; per trovare un’altra tripletta dobbiamo tornare agli anni Cinquanta e alle prime edizioni del torneo, vinte dallo stesso Real Madrid che però in quel caso aveva fatto addirittura pokerissimo. Inutile dire che, in caso di vittoria, Zidane diventerebbe anche il primo allenatore di sempre a vincere per tre volte consecutive il trofeo, e andrebbe in testa alla classifica di vittorie totali raggiungendo Bill Paisley e Carlo Ancelotti. (agg. di Claudio Franceschini)

LE PARTITE DI MERCOLEDì

Mercoledì 13 settembre si completa il primo turno della Champions League 2017-2018: abbiamo un’altra italiana in campo per partite che si giocheranno alle ore 20:45. Siamo soltanto all’inizio di una competizione decisamente lunga, ma vincere all’esordio sarà importante per l’autostima e la fiducia e, soprattutto, perchè avere sei partite per superare la fase a gironi riduce sensibilmente il margine di errore. Presentiamo allora le partite di questa sera: per il girone E si giocano Liverpool-Siviglia e Maribor-Spartak Mosca, nel girone F avremo Feyenoord-Manchester City e Shakhtar Donetsk-Napoli, nel girone G ci sono Lipsia-Monaco e Porto-Besiktas, infine per il girone H si giocano Real Madrid-Apoel e Tottenham-Borussia Dortmund. 

LE SPERANZE DEL NAPOLI

Il Napoli torna a giocare i gironi di Champions League dopo un solo anno, ma questa volta per prendersi il privilegio ha dovuto superare il playoff che era una sentenza negativa per le italiane da tanto tempo. La formazione partenopea dà la sensazione, pur essendo praticamente la stessa del 2016-2017, di avere più potenziale: i giocatori si conoscono di più e lo zoccolo duro è rimasto in massa nel tentativo di portare in bacheca almeno lo scudetto, provando poi a fare strada in Europa. Il girone non è impossibile, anzi: c’è la possibilità più che concreta di contendere il primo posto a un Manchester City che in Europa tentenna ancora troppo e non dà le certezze che potrebbe dare.

I CAMPIONI

Oggi torna in campo anche il Real Madrid, che lo scorso giugno è diventato la prima squadra di sempre a vincere la Champions League moderna per due edizioni consecutive: a oggi sembra che la corazzata di Zinedine Zidane, che ha aperto la stagione conquistando Supercoppa Europea e Supercoppa di Spagna, non abbia rivali anche se in campionato è partita tentennando e pareggiando due delle prime tre partite. Il girone non è semplicissimo: il Real ritrova il Borussia Dortmund che l’anno scorso gli aveva portato via il primo posto, e come terza squadra c’è il Tottenham che ha sicuramente una rosa e qualità individuali da quarti di finale ma deve superare il “blocco europeo” che gli ha impedito di fare grandi risultati nelle ultime stagioni. L’Apoel, avversario di questa sera dei campioni in carica, sembra destinato a fare da vittima sacrificale ma attenzione: soprattutto in casa potrebbe togliere punti importanti. Sia come sia, il Real Madrid inizia questa Champions League con il chiaro e meritatissimo ruolo della grande favorita. 

LE OUTSIDER

Le outsider del giorno sono sicuramente il Feyenoord e lo Spartak Mosca, intese come squadre che non partono nella lista delle favorite ma potrebbero comunque ottenere il pass per gli ottavi. Nella formazione della capitale russa c’è Massimo Carrera, che ha vinto uno splendido campionato alla prima esperienza da allenatore (in precedenza era stato collaboratore tecnico o vice) e ora punta al bersaglio grosso in Champions League: il girone non è impossibile anche se certamente Liverpool e Siviglia hanno qualcosa in più. Il Feyenoord, campione d’Olanda davanti a squadre più attrezzate come Psv e Ajax, è capitato con Napoli e Manchester City e in più deve affrontare uno Shakhtar Donetsk sempre temibile: sarà dura, ma la squadra è interessante e già questa sera tra le mura amiche potrebbe sorprendere gli addetti ai lavori strappando punti a Pep Guardiola.

I RISULTATI DELLE PARTITE

GIRONE E

RISULTATO FINALE Liverpool-Siviglia 2-2 - 5' Ben Yedder (S), 21' Firmino (L), 37' Salah (L), 72' J. Correa (S). Note: 42' Firmino (L) sbaglia rigore (palo)

RISULTATO FINALE Maribor-Spartak Mosca 1-1 - 59' Samedov (S), 85' Bohar (M)

CLASSIFICA: Liverpool 1, Siviglia 1, Maribor 1, Spartak Mosca 1

 

GIRONE F

RISULTATO FINALE Feyenoord-Manchester City 0-4 - 2' Stones, 10' Aguero, 25' Gabriel Jesus, 63' Stones

RISULTATO FINALE Shakhtar Donetsk-Napoli 2-1 - 15' Taison (S), 58' F. Ferreyra (S), 71' rig. Milik (N)

CLASSIFICA: Manchester City 3, Shakhtar Donetsk 3, Napoli 0, Feyenoord 0

 

GIRONE G

RISULTATO FINALE Lipsia-Monaco 1-1 - 33' Forsberg (L), 35' Tielemans (M)

RISULTATO FINALE Porto-Besiktas 1-3 - 13' Talisca (B), 21' aut. Tosic (P), 28' Cenk Tosun (B), 86' Babel (B)

CLASSIFICA: Besiktas 3, Lipsia 1, Monaco 1, Porto 0

 

GIRONE H

IN CORSO Real Madrid-Apoel 3-0 - 12' Cristiano Ronaldo, 51' rig. Cristiano Ronaldo, 61' Sergio Ramos

RISULTATO FINALE Tottenham-Borussia Dortmund 3-1 - 4' Son Heung Min (T), 11' Yarmolenko (B), 15' Kane (T), 60' Kane (T)

CLASSIFICA: Real Madrid 3, Tottenham 3, Borussia Dortmund 0, Apoel 0

© Riproduzione Riservata.