BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Diretta Sbk 2017 / Superbike, gara-1: Jonathan Rea domina su Davies e Melandri (Gp Portogallo 2017)

Diretta Sbk 2017: Superbike, gara 1 del Gp Portogallo 2017 a Portimao: Jonathan Rea vince ancora e, sfruttando l'assenza per infortunio di Tom Sykes, avvicina il tris del titolo mondiale

Diretta Superbike - LaPresse Diretta Superbike - LaPresse

Jonathan Rea continua a dominare in Superbike: il britannico della Kawasaki vince anche gara-1 del Gran Premio di Portogallo 2017 e di fatto mette le mani sul terzo titolo mondiale consecutivo. Sul circuito di Portimao non c’è stata storia, come le prove libere e la Superpole avevano già lasciato intendere: Rea ha staccato di oltre 6 secondi l’ottimo Chaz Davies, che ha rimontato da una brutta qualifica fino al secondo posto. Podio per Marco |Melandri, che ha lottato ed è riuscito a vincere la battaglia per la terza piazza con la MV Agusta di Leon Camier, comunque ottimo quarto; in quinta posizione l’olandese Michael Van der Mark, poi Jordi Torres ed Eugene Laverty. Sfruttando l’assenza forzata di Tom Sykes, Rea scava il vuoto in classifica: sale a quota 406 punti e stacca di 95 lunghezze il compagno di scuderia, mentre Davis avvicina adesso la seconda posizione portandosi a soli 15 punti dallo stesso Sykes, con Melandri che di fatto blinda il quarto posto portandosi a +65 su Alex Lowes. Domani c’è gara-2, ma l’andazzo rischia di essere lo stesso… (agg. di Claudio Franceschini)

INIZIA GARA-1

Ci siamo: inizia finalmente gara-1 in Superbike, per il Gran Premio del Portogallo 2017. A Portimao Jonathan Rea arriva con 70 punti di vantaggio su Tom Sykes, che per di più è costretto a saltare questa gara per la frattura al mignolo che si è procurato nel corso della terza sessione di prove libere. Rea si è preso la Superpole dominando; dovesse vincere oggi il Mondiale sarebbe suo, anche perchè i principali avversari (Chaz Davies a -105 punti, Marco Melandri addirittura a -163) sono staccati sulla griglia di partenza. In ogni caso è una gara tutta da vivere, anche e soprattutto perchè l’assenza di Sykes potrebbe creare una sorta di rilassamento nel leader del campionato Superbike; Rea chiaramente proverà anche a gestire se la gara dovesse mettersi in un certo modo, non avendo la necessità e l’obbligo di vincere. Staremo comunque a vedere: adesso lasciamo la parola alla pista di Portimao, dove finalmente questa gara-1 del Gran Premio del Portogallo 2017 sta per cominciare. (agg. di Claudio Franceschini)

JONATHAN REA CONQUISTA LA SUPERPOLE

E’ Jonathan Rea a ottenere la Superpole nel Gran Premio del Portogallo 2017: sul circuito di Portimao il britannico spinge al limite la sua Kawasaki, con il tempo di 1’41’’430 precede di oltre 7 decimi l’Aprilia di Eugene Laverty e di quasi un secondo l’altra Aprilia di Lorenzo Savadori. In quarta piazza Alex Lowes è il primo delle Yamaha, poi la Ducati di Marco Melandri che è riuscito a ottenere un ottimo tempo (1’42’’439) e dunque andrà a caccia del podio almeno in gara-1. Il grande deluso è Chaz Davies: il ducatista gira in 1’43’’071, staccato di un secondo e sette decimi da Rea, e per lui si prospetta una gara tutta in salita. Ora dunque ci siamo: manca poco alla partenza di gara-1 a Portimao, nel Gran Premio del Portogallo Jonathan Rea sarà nuovamente l’uomo da battere e per lui, vista anche l’assenza di Tom Sykes del quale abbiamo già parlato, si avvicina sempre più la possibilità di mettere le mani sul titolo mondiale che sarebbe il terzo consecutivo. (agg. di Claudio Franceschini)

INIZIA LA SUPERPOLE

Siamo pronti a vivere l’appassionante SuperPole in Superbike: nel Gran Premio del Portogallo 2017, sul circuito di Portimao, abbiamo purtroppo registrato la caduta di Tom Sykes che, procuratosi la frattura al mignolo della mano destra, sarà costretto a rimanere fuori anche da gara-1, provando eventualmente a superare infortunio e dolore per domani. Intanto Jonathan Rea ha dominato un’altra volta: nella FP3 il bicampione del mondo in carica e leader della classifica 2017 ha girato in 1’42’’054 con la sua Kawasaki, precedendo di oltre 7 decimi e mezzo Chaz Davies con la Ducati. In terza posizione la MV Agusta di Leon Camier, mentre al quarto posto si è piazzato l’olandese Michael Van der Mark con la Yamaha. Entrambi però hanno accusato un ritardo importante, superiore al secondo e tre decimi; per quanto riguarda gli italiani, undicesimo Marco Melandri mentre il migliore è stato Lorenzo Savadori che ha portato la Ducati al settimo posto, staccato di 1’’643 da Rea. Il britannico della Kawasaki si avvia insomma a dominare un’altra volta: con Sykes - purtroppo - fuori dai giochi potrebbe anche permettersi di amministrare l’ampio vantaggio in classifica. Intanto però il britannico punta alla Superpole, che sarebbe la decima della stagione: e dunque andiamo subito a vedere se sarà lui a ottenere il primo posto sulla griglia di partenza. (agg. di Claudio Franceschini)

PAURA PER TOM SYKES

Grande paura in Superbike per Tom Sykes nel corso della FP3 del Gran Premio di Portogallo 2017: sul circuito di Portimao, nel corso della terza sessione di prove libere, il pilota britannico è stato sbalzato fuori dalla sua Kawasaki all’ingresso della curva 9, quando di fatto stava affrontando il suo primo giro. La moto ha improvvisamente preso fuoco: bandiera rossa sulla FP3 ovviamente, e la priorità è stato sincerarsi immediatamente delle condizioni del pilota. Sykes sta bene: trasportato al centro medico per accertamenti, sembra avere una frattura scomposta al mignolo della mano sinistra ma per il resto non ha riportato danni. E’ chiaro però che visti i tempi ristretti (la Superpole scatta alle ore 12 mentre gara-1 è alle 16) Sykes difficilmente prenderà parte a questo Gran Premio del Portogallo; il che va a vantaggio di Jonathan Rea visto che il suo connazionale e compagno di scuderia è anche il primo inseguitore nella classifica mondiale. Al momento conta poco: l’importante è che dopo lo spavento Sykes non abbia riportato problemi gravi. (agg. di Claudio Franceschini)

INIZIA LA FP3

Gp Portogallo PortimaoPrende il via la terza sessione di prove libere in Superbike: ci avviciniamo al Gran Premio del Portogallo 2017 e i piloti stanno prendendo sempre più confidenza con il circuito di Portimao. Uno sguardo all’albo d’oro prima di iniziare: come abbiamo già detto, Jonathan Rea è vicino alla conferma del titolo conquistato nel 2016 e per lui si tratterebbe del terzo alloro consecutivo in Superbike. Un traguardo che nessuno ha mai centrato: nel 1988 e 1989 l’americano Fred Merkel aveva portato la sua Honda alla doppietta, imitato da Doug Polen (Ducati) tre anni più tardi. Carl Fogarty, il super britannico, con la Ducati ha ottenuto due doppiette (1994-1995 e 1998-1999) e incredibilmente rimane anche l’ultimo pilota in grado di centrare il bis prima dello stesso Rea, che adesso potrebbe diventare una leggenda nella Superbike. Per la Kawasaki si tratterebbe anche del quarto titolo mondiale negli ultimi cinque anni: ai tre di Rea si dovrebbe aggiungere quello conquistato da Tom Sykes nel 2013, mentre l’anno successivo a spezzare il dominio della casa giapponese era stato Sylvain Guintoli, campione del mondo su Aprilia. Ora però dobbiamo dare la parola alla pista di Portimao e ai tanti protagonisti della Superbike, impegnati nelle prove libere. (agg. di Claudio Franceschini)

SI PARTE ALLE ORE 10:05

Grande appuntamento con il Gran Premio del Portogallo 2017 della Superbike sul circuito di Portimao, che ospita la decima gara stagionale del Mondiale SBK 2017 delle derivate di serie, un appuntamento che segna la ripresa dopo un’estate decisamente blanda, dal momento che negli ultimi due mesi era stata disputata appena una gara mentre adesso ce ne saranno quattro nel giro di un mese e mezzo. Insomma, Portimao segna la grande ripresa della stagione della Superbike e potrebbe indirizzare in modo significativo quello che sarà il gran finale, con Jonathan Rea d’altronde favoritissimo per un nuovo trionfo finale.

GLI ORARI DI QUALIFICHE E GARA-1

Al sabato si disputano come sempre sia le qualifiche, che tramite la Superpole stabiliranno la griglia di partenza e l'autore della pole position, sia gara-1, secondo un formato ormai ampiamente consolidato. Una giornata dunque intensissima: eccovi allora i principali momenti che ci attendono oggi, sabato 16 settembre, con la piccola avvertenza di tenere conto dell’ora di fuso orario con il Portogallo e di alcune altre modifiche all’ordine tradizionale degli eventi. Per aiutarvi, di seguito vi forniremo naturalmente tutti gli orari italiani. Alle ore 10.05 ecco la terza sessione di prove libere FP3, poi alle ore 12.00 ecco il via alle due sessioni della Superpole della Superbike (SP2 alle 12.25 e fino alle 12.40), infine alle ore 16.00 ecco il semaforo verde per gara-1. Una citazione anche per la Supersport, che vivrà le sue qualifiche alle ore 13.00, cioè tra le qualifiche e la gara della Superbike.

COME SEGUIRE GLI EVENTI IN DIRETTA TV E STREAMING VIDEO

Per gli appassionati italiani bisogna notare che la diretta tv degli appuntamenti che vi abbiamo ricordato sopra sarà garantita sia in chiaro integralmente su Italia 2 (mentre su Italia 1 stavolta ci sarà solo una differita), sia in diretta streaming video tramite il sito sportmediaset.it e l’app Sportmediaset. La telecronaca di qualifiche e gare è affidata ai cronisti Giulio Rangheri e Max Temporali. In aggiunta ci saranno anche gli inviati Alberto Porta e Anna Capella. Per quanto riguarda lo streaming, oltre alle dirette va ricordato che, una volta concluso, l'evento sarà fruibile sul sito di Sportmediaset in qualsiasi momento con servizi e gare integrali. Come per la scorsa stagione, tutti gli appassionati delle due ruote potranno far parte della squadra Superbike di Mediaset: chiunque, scrivendo agli account ufficiali di Sportmediaset, su Facebook e Twitter, e con l’hashtag #sbksportmediaset, potrà interagire in diretta con i telecronisti e con gli inviati ai box e fare le domande che verranno girate direttamente ai protagonisti. Altre informazioni saranno disponibili anche sul sito Intenet ufficiale del Mondiale, all'indirizzo www.worldsbk.com/it. Ricordiamo anche l'account ufficiale su Twitter @sbk_official.

IL PROTAGONISTA IN CLASSIFICA

L'uomo più atteso sarà Jonathan Rea, che è il campione del Mondo in carica in sella alla sua Kawasaki: normale, dal momento che il britannico guida con 381 punti sui 450 che fino a questo momento sono stati assegnati e di conseguenza è vicinissimo a confermarsi iridato, mentre il primo inseguitore è l’altro britannico e suo compagno di squadra Tom Sykes, che in sella alla seconda Kawasaki ufficiale di punti ne ha raccolti 311 e di conseguenza vede a dire il vero Rea già piuttosto lontano, 70 lunghezze più avanti. Chaz Davies è terzo con 276 punti e al massimo potrebbe insidiare la piazza d’onore di Sykes, poi ecco Marco Melandri quarto a quota 218, ma i due piloti Ducati sono ormai di fatto fuori gioco per quanto riguarda la lotta per il titolo mondiale, salvo stravolgimenti che al momento sembrano però inimmaginabili.

© Riproduzione Riservata.