BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

PAQUETA' AL MILAN/ Il Flamengo lo aveva offerto alla Roma, Monchi ha detto no

Paquetà al Milan: il Flamengo l'aveva offerto alla Roma. Il giovanissimo talento brasiliano poteva vestire la maglia giallorossa invece di quella rossonera, Monchi ha detto no

Paquetà al Milan, ma poteva essere della RomaPaquetà al Milan, ma poteva essere della Roma

Il Milan ha già impostato un colpo estremamente importante per il mercato di gennaio: circa 35 milioni di euro investiti per Paquetà, il giovane asso del Flamengo che faceva gola a molti club internazionali e anche italiani. A quanto pare, anche alla Roma visto che il club Rubonegro di Rio de Janeiro aveva contattato quello giallorosso per provare ad imbastire una trattativa. Secondo quanto riportato dal quotidiano romano Il Messaggero, negli ultimi giorni di mercato in estate il Flamengo aveva provato ad accelerare la trattativa, offrendo Paquetà alla Roma: a far saltare la trattativa è stato direttamente il direttore sportivo spagnolo del club capitolino, Monchi, che avrebbe ritenuto troppo oneroso l'investimento per un calciatore così giovane. Conclusione alla quale non è arrivato il Milan, che ha deciso di portare a San Siro Paquetà.

AZZARDO MONCHI

Il direttore sportivo giallorosso si è preso una responsabilità: Paquetà è stato uno dei nomi caldi dell'estate, su di lui aveva fatto anche un sondaggio preliminare la Lazio, che si è ritirata quando ha capito che per il talento del Flamengo sarebbe servito un investimento molto oneroso (i biancocelesti avrebbero speso più o meno i 19 milioni di euro poi finiti nelle casse del Siviglia per Joaquin Correa). La Roma sarebbe stata pronta ad investire di più, ma le richieste del Flamengo sono state inamovibili e sono state soddisfatte solo dai 35 milioni del Milan. Per Monchi, dopo la "svendita" ai tempi del Siviglia di Immobile alla Lazio, dopo gli onerosi investimenti compiuti in estate su diverse scommesse, la cessione di Salah e i 40 milioni investiti per Patrick Schick, un'altra scelta che lo porta ad esporsi molto, come ha sempre fatto durante la sua gestione in giallorosso. Stavolta chi avrà ragione?

© Riproduzione Riservata.