BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Diretta / Copenaghen Atletico Madrid (risultato finale 1-4) streaming video e tv: Vitolo serve il poker!

Diretta Copenaghen Atletico Madrid: info streaming video e tv, probabili formazioni, quote, orario e risultato live. I Colchoneros ripartono dai sedicesimi dell'Europa League

Diretta Copenaghen Atletico Madrid, Europa League (Foto LaPresse)Diretta Copenaghen Atletico Madrid, Europa League (Foto LaPresse)

DIRETTA COPENAGHEN ATLETICO MADRID (RISULTATO FINALE 1-4): VITOLO SERVE IL POKER!

Come era accaduto nel primo tempo, anche in questa seconda frazione l’Atletico Madrid viene fuori alla distanza e, dopo l’uno-due firmato da Saul Niguez e Gameiro, adesso sono Griezmann e Vitolo a mettere sotto il Copenaghen. Infatti, dopo il tris realizzato dal francese al minuto 70, arriva pure il poker grazie alla rete siglata dal neo-entrato Vitolo che ci mette meno di nove minuti per mettere il suo timbro. Il nazionale spagnolo infatti sfrutta al meglio una mezza frittata della difesa di Solbakken e come un rapace batte Olsen: 1-4 e padroni di casa che alzano bandiera bianca! A dire il vero, i danesi negli ultimi minuti di gara continuano con la condotta propositiva tenuta nel corso dell’intera gara e vanno vicinissimi alla rete della consolazione all’84’, quando Pavlovic (entrato solamente sei minuti prima al posto di Fischer) colpisce il palo sugli sviluppi di un corner. Si arriva così al 90’, col direttore di gara che concede solamente due minuti di recupero e pone fine anzitempo alle ostilità, visto anche il punteggio che ha assunto proporzioni pensati per i danesi: finisce dunque 1-4 col successo esterno dell’Atletico Madrid che, pur con qualche patema iniziale, alla lunga sbanca agevolmente il “Parken Stadium” e praticamente stacca il pass per gli ottavi di finale di Europa League. (agg. di R. G. Flore)

GRIEZMANN FA TRIS!

Attorno all’ora di gioco, i due tecnici ricorrono ai primi cambi dato che, nonostante la fiammata iniziale dell’Atletico Madrid, la ripresa di è andata spegnando: Solbakken inserisce Santander per Falk, mentre il dirimpettaio Simeone avvicenda Correa con Carrasco. Ed è proprio quest’ultimo, appena entrato, a rendersi pericoloso al 65’ quando si libera al tiro ma la sfera termina solo di poco a lato. Passano solo tre minuti e ancora Carrasco, evidentemente entrato in campo col piglio giusto, sfiora il punto dell’1-3 sfruttando uno schema su punizione grazie al quale Griezmann lo libera al tiro: anche stavolta l’esecuzione è pregevole ma il pallone sibila fuori di poco. Il tecnico dei colchoneros intanto si gioca la seconda sostituzione, togliendo una punta (Gameiro) e inserendo un esterno offensivo (Vitolo). E il tris arriva comunque poco dopo: al 70’ si sblocca anche lo stesso Griezmann al quale Carrasco ricambia il favore precedente con un bell’assist che mette il francese in condizioni di battere Olsen: 1-3 e seria ipoteca sulla qualificazione! (agg. di R. G. Flore)

ATTACCANO ANCORA GLI OSPITI!

Dopo che a fine primo tempo i danesi (pur avendo disputato 45’ gagliardi ed essere passati per primi in vantaggio) avevano subito il come-back spagnolo e rischiato pure di subire il tris di Gameiro al 41’, le due compagini ritornano in campo per la ripresa con gli stessi effettivi. E lo stesso è pure il copione coi colchoneros che vogliono subito mettere in ghiaccio il discorso-qualificazione e già dopo pochi secondo vanno al tiro con Correa (ma Olsen è attento) e al 48’di nuovo con Griezmann. I bianchi padroni di casa, di fronte alla pressione biancorossa, provano solamente alcune uscite di alleggerimento ma in mediana Thomas fa buona guardia e impedisce ogni ripartenza, mentre il suo collega Saul è bravo a sventare una minaccia portata al 51’ da Gregus. Tre minuti dopo, invece, è ancora Gameiro (alla ricerca del bis personale) a provarci da solo ma stavolta la mira non è precisa. (agg. di R. G. Flore)

SAUL E GAMEIRO LA RIBALTANO!

Dopo un avvio di marca completamente spagnola, a passare in vantaggio però a sorpresa è il Copenaghen: infatti, al termine di 15 minuti di monologo colchonero, è la punta di casa Fischer a riservare la prima sorpresa della serata, battendo Moya con un pregevole tacco su una palla che gli è arrivata da Ankersen: 1-0 e doccia fredda per Simeone! Ad ogni modo, gli spagnoli hanno subito il merito di non scomporsi e nel giro di pochi minuti non solo rimettono in linea di galleggiamento la barca ma segnano il gol in trasferta di cui avevano bisogno: e dopo sei minuti è proprio Saul Niguez, già pericoloso in avvio, a rispondere con un bellissimo colpo di testa che batte imparabilmente Olsen e sfrutta nel migliore dei modi un “cioccolatino” di Griezmann (21’): 1-1! Tuttavia, il botta e risposta ha il merito di riportare pienamente il Copenaghen di Solbakken in partita (Skov viene pure ammonito per un intervento su Koke) che, a volte, risponde colpo su colpo: al minuto 30, però, l’Atletico potrebbe mettere la freccia ma la punizione di Griezmann trova solo l’opposizione della barriera e finisce poi in angolo. E quando gli spagnoli abbassano la guardia, il Copenaghen prova a sorprenderlo di nuovo ma al 34’ Godin sbroglia una difficile situazione nella propria area. E sul ribaltamento di fronte successivo, Gameiro fa 1-2: al minuto 37 arriva il raddoppio ospite sfruttando al meglio un assist di Hernandez e battendo Olsen! (agg. di R. G. Flore)

SUBITO UNA CHANCE PER SAUL!

Al “Parken Stadium” di Copenaghen, a partire meglio è l’Atletico Madrid che prova subito a mettere le cose in chiaro contro i più modesti avversari e ad ipotecare già in questo match di andata il discorso-qualificazione. E al minuto 3 arriva il primo squillo: dopo che pochi secondi prima c’era stato un tiro di Gameiro, il centrocampista biancorosso prova la conclusione sugli sviluppi di un corner ma non trova lo specchio della porta difesa da Olsen. La seconda possibilità per segnare per gli uomini di Simeone va in archivio all’8’, quando il tocco di Griezmann non è preciso dopo essere stato imbeccato bene da Correa. Insomma, nei primi dieci minuti i colchoneros impongono un ritmo elevato, costringendo subito i padroni di casa sulla difensiva e a chiudere affannosamente ogni varco. (agg. di R. G. Flore)

IN CAMPO, SI COMINCIA!

Eccoci al via di Copenaghen Atletico Madrid: i Colchoneros ripartono da qui dopo la deludente eliminazione dalla Champions League e sono chiaramente favoriti, ma la formazione danese vuole giocare un brutto scherzo all'Atletico Madrid. Non sarà semplice la gara per il Copenhagen che dovrà battere un Atletico in grande forma. Ci proverà con un Fischer in più: arrivato a gennaio, l'ex Ajax tira spesso in porta. Per lui nell'ultima gara in casa ben 8 tiri e anche un gol contro il Randers in campionato. Nell'Atletico Madrid è indubbiamente Diego Costa l'elemento cruciale. Anche lui acquistato a gennaio, si è subito ambientato in quella che è sempre stata la sua casa. Dal suo ritorno la squadra ha macinato punti in campionato. L'ex Chelsea ha giocato 7 gare e segnato 3 gol complessivamente. Può essere decisivo anche per l'Europa League. Parola al campo adesso: mettiamoci comodi, perchè Copenaghen Atletico Madrid comincia! (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

Copaneghen Atletico Madrid non è una delle partite trasmesse in diretta tv: i diritti sulle gare di Europa League appartengono a Sky che però ha scelto altre partite. Dunque, non ci sarà nemmeno la possibilità di una diretta streaming video, ma su Sky Super Calcio potrete assistere in tempo reale agli highlights di questa gara e delle altre che si giocano in contemporanea, attraverso il programma Diretta Gol Europa League; per le informazioni utili sulle due squadre in campo potrete in ogni caso consultare il sito ufficiale della UEFA, che trovate all’indirizzo www.uefa.com e nel quale dovrete poi selezionare l’apposita sezione dedicata all’Europa League.

L'ARBITRO

Copenaghen Atletico Madrid sarà diretta come abbiamo già detto dall'arbitro bielorusso Aleksei Kulbakov, mentre i due assistenti saranno Dmitri Zhuk e Oleg Maslyanko. Il quarto uomo questa sera sarà Yury Khomchenko, mentre i due addizionali saranno Denis Scherbakov e Dzmitry Dzmitryieu. Il fischietto 38enne ha diretto quattro match europei, uno soltanto di Europa League. Nella sua carriera ha diretto 27 match di questa competizione, con 98 cartellini gialli e un rosso per via di una doppia ammonizione. Tre invece i cartellini rossi, con soltanto 3 rigori: la massima punizione viene concessa una volta ogni nove partite. (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE DEL MATCH

Copenaghen Atletico Madrid sarà diretta dal bielorusso Aleksei Kulbakov; nella capitale danese, giovedì 15 febbraio alle ore 21:05, si gioca la partita di andata nei sedicesimi di finale di Europa League 2017-2018. Non c’è dubbio alcuno che i Colchoneros abbiano i favori del pronostico: l’Atletico è una squadra che ha giocato due finali di Champions League in tre stagioni e che si è confermata tra le migliori in Europa. L’eliminazione bruciante dalla coppa più prestigiosa sarà dura da digerire, e allora quello che andrà capito è quanto questa competizione sarà presa in considerazione da Diego Simeone, che in passato l’ha anche vinta due volte ma in un periodo storico nel quale la società non aveva ancora fatto il salto di qualità per entrare tra le grandi del calcio. Essendo in corsa anche per la Liga, l’Atletico Madrid potrebbe centrare un double; il Copenaghen però rappresenta un avversario da prendere con le molle, già capace di arrivare agli ottavi di Champions League (anche se è passato qualche anno) e particolarmente tosto quando gioca in casa. Dunque questa sera l’Atletico dovrà fare attenzione e punta se non altro a segnare almeno un gol.

IL CONTESTO

Il Copenaghen si è qualificato per i sedicesimi di Europa League con il secondo posto nel girone F: un gruppo nel quale 5 delle 12 partite sono terminate in parità, tre di queste hanno coinvolto la squadra danese che era partita malissimo (tre pareggi nelle prime tre partite) ma proprio in virtù dell’equilibrio è riuscita a prendersi la seconda piazza, alle spalle della Lokomotiv Mosca con cui ha perso in trasferta. Il Copenaghen però sta soffrendo in campionato: nel fine settimana ha battuto 5-1 il Randers ma è quarto in classifica, addirittura a 10 punti dal Nordsjaelland terzo e con 18 lunghezze da recuperare alla capolista Midtjylland. Anche per questo motivo, l’Europa League potrebbe essere una buona valvola di sfogo; l’Atletico Madrid ha recuperato qualcosa al dominante Barcellona nella Liga e ora si trova a -7; prendersi la Liga è ancora possibile, ma la squadra di Simeone deve fare i conti con il flop europeo. Capitato in un girone tostissimo, era considerato in ogni caso la seconda forza alle spalle del Chelsea ma non è riuscito a battere il Qarabag nella doppia sfida, e così ha perso 4 punti preziosissimi terminando anche alle spalle della Roma. La discesa in Europa League impedirà ai Colchoneros di correre per la terza finale di Champions League in cinque stagioni, così la coppa più importante resta al momento ancora un nervo scoperto. Nel frattempo però l’Atletico potrebbe mettere in bacheca un altro trofeo internazionale, che gli consentirebbe anche di giocare la Supercoppa Europea in agosto.

PROBABILI FORMAZIONI COPENAGHEN ATLETICO MADRID

Stale Solbakken schiera il suo Copenaghen con un 4-4-2 classico, ma con due centrocampisti come Zeca e Kvist che sono anche molto abili a sfruttare i movimenti offensivi per inserirsi negli spazi. I due esterni sono Rasmus Jensn (favorito su Skov) e Viktor Fischer, che aspettavamo a una carriera diversa dopo le grandi cose mostrate nell’Ajax (ha comunque solo 23 anni); in difesa invece agiscono Ankersen e Bengtsson, con Luftner e Boilesen che formano la coppia centrale davanti al portiere Robin Olsen. Il tandem d’attacco è ancora in dubbio: Pavlovic e Sotiriou hanno giocato in campionato, ma questa sera il primo potrebbe essere sostituito da Federico Santander. L’Atletico Madrid si presenta senza i due centrali Godin (plastica maxillo-facciale dopo lo scontro con Neto) e Savic; in mezzo giocheranno allora José Gimenez e Lucas Hernandez. A destra Juanfran favorito su Vrsaljko, a sinistra spazio a Filipe Luis che di fatto non ha sostituti; probabile avvicendamento in mezzo al campo, con Thomas Partey pronto a sostituire Gabi e affiancare Saul Niguez, mentre potrebbero cambiare entrambe le ali con Angel Correa e Ferreira Carrasco favoriti. Davanti, Fernando Torres e Gameiro puntano entrambi a una maglia dal primo minuto; Diego Costa e Griezmann potrebbero allora partire dalla panchina.

QUOTE E PRONOSTICO

Ovviamente l’Atletico Madrid parte con i favori del pronostico: lo dice anche la Snai, una delle agenzie di scommesse che hanno quotato la partita di Europa League. Al segno 2, che identifica la vittoria esterna dei Colchoneros, è stato assegnato un valore di 1,60; siamo invece a 6,25 per la vittoria del Copenaghen (segno 1) e dunque è piuttosto evidente la differenza tra le due squadre che saranno in campo questa sera. Dovrete giocare il segno X qualora pensiate che questa partita possa finire pari: questa eventualità porterebbe in dote un guadagno pari a 3,80 volte la somma che avrete deciso di mettere sul piatto.

© Riproduzione Riservata.