BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Fiorentina, Salica/ “Proteste Juventus inaccettabili, la partita era già persa, c’è un disagio profondo”

Fiorentina, Salica sulle proteste Juventus: “Inaccettabile che gliele consentano”. Parla il vicepresidente del club gigliato, che torna sull’episodio del rigore di venerdì scorso

Pioli, allenatore Fiorentina - LaPressePioli, allenatore Fiorentina - LaPresse

Stanno decisamente facendo il giro del web le dichiarazioni del vice-presidente della Fiorentina, Salica. Il numero due della Viola, a margine di un evento, è tornato sul famoso rigore non concesso da Guida nella gara contro la Juventus, ed ha voluto sottolineare la linea adottata dai gigliati a seguito dell’episodio di sei giorni fa: «La questione di cosa fare dopo la gara contro la Juventus l'abbiamo dibattuta a lungo – le parole di Salica - probabilmente a noi avrebbe fatto comodo fare la voce grossa e stigmatizzare l'episodio inconcepibile dei giocatori della Juventus nei confronti dell'arbitro, in occasione del rigore prima assegnato alla Fiorentina per il fallo di mano di Chiellini, e poi tolto dal VAR. Ci abbiamo riflettuto e abbiamo deciso di seguire un'altra linea». Salica parla addirittura di “partita già persa”, dando quasi per scontato che con la Juventus è impossibile vincere per motivi esterni al campo, parole che probabilmente finiranno sotto la lente di ingrandimento del procuratore federale. Infine, il vice-presidente della squadra calcistica di Firenze, spiega: «Con il presidente Cognigni stiamo studiando un'operazione per portare ai livelli giusti quello che è un disagio profondo». Cosa vorrà significare?

SALICA CONTRO LE PROTESTE JUVE

Sono parole che senza dubbio faranno discutere quelle rilasciate in queste ore da Gino Salica, vicepresidente della Fiorentina. Uscendo allo scoperto per parlare nuovamente di quanto accaduto durante il recente match contro la Juventus, il dirigente della Viola ha ammesso: «Proteste Juventus? È inaccettabile che soltanto ad alcune squadre sia consentito un atteggiamento del genere. Parliamo ogni giorno della mancanza di credibilità del calcio italiano, il fatto che non ci si sia qualificati ai Mondiali, che Lega e Figc siano commissariate da tempo e, se ci mettiamo anche questi episodi, la vedo veramente dura». Salica fa riferimento alle proteste dei calciatori bianconeri nei confronti dell’arbitro Guida, durante la gara con la Fiorentina, in particolare, in occasione del famoso calcio di rigore prima concesso ai toscani e poi tolto dopo aver visionato il Var.

L’EPISODIO INCRIMINATO

Salica rincara quindi la dose: «Tutta l'Italia ha visto quello che è successo. Noi della Fiorentina ci siamo chiesti: “Perché glielo permettono?”. Un episodio, quello del calcio di rigore, ancora non chiarito, nonostante i molteplici replay. L’arbitro Guida avrebbe infatti annullato il penalty considerando l’intervento su Alex Sandro falloso, e quindi il gioco andava fermato anzitempo. Per molti, invece, il tocco del terzino bianconero è volontario, e di conseguenza l’azione doveva proseguire con palla che arrivava a Benassi e crossando verso l’area avversaria, toccava la mano di Chiellini con conseguente calcio di rigore. Un episodio che è arrivato anche all’estero, e in particolare in casa Alonso, centrocampista del Chelsea, ex Viola, che per l’occasione ha pubblicato una storia su Instagram con la scritta “Vergogna”.

© Riproduzione Riservata.