BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Classifica Giro d'Italia 2018 / Yates sempre maglia rosa, Viviani più ciclamino (13^ tappa)

Classifica Giro d’Italia 2018: la maglia rosa e le altre graduatorie. Simon Yates resta leader, la tredicesima tappa non dovrebbe portare novità (oggi 18 maggio)

Classifica Giro d'Italia 2018: Simon Yates ancora maglia rosa (LaPresse)Classifica Giro d'Italia 2018: Simon Yates ancora maglia rosa (LaPresse)

Simon Yates resta in maglia rosa, Elia Viviani consolida la maglia ciclamino: quando si parla della classifica del Giro d’Italia 2018 al termine della tredicesima tappa, nella generale come prevedibile non ci sono state novità e stavolta nemmeno imprevisti e inseguimenti. Finalmente una giornata tranquilla per i big, quello che ci voleva alla vigilia del terribile Zoncolan, dunque restano immutati tutti i distacchi a partire dai 47” che dividono Simon Yates e Tom Dumoulin, mentre Thibaut Pinot è terzo a 1’04” e Domenico Pozzovivo quarto a 1’18”. Per oggi offre più spunti la battaglia fra Elia Viviani e Sam Bennett nella classifica a punti: l’irlandese aveva messo in pericolo il primato del veronese, che infatti si è gettato anche nello sprint per un piazzamento dietro la fuga al traguardo volante, conquistando tre punti, poi soprattutto è andato a vincere sul traguardo di Nervesa della Battaglia proprio davanti a Bennett, dunque 50 punti sono andati a Viviani (53 in totale oggi) e 35 a Bennett. Di conseguenza la situazione complessiva della classifica a punti ci dice che adesso Viviani è a quota 237 mentre l’irlandese ha 197 punti, -40 dal campione olimpico dell’omnium. D'altronde, sul Piave non poteva passare lo straniero... (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LA SFIDA PER LA CICLAMINO

Domani sullo Zoncolan torneranno protagonisti assoluti i big della classifica generale del Giro d’Italia 2018, ma almeno per oggi al centro dell’attenzione ci saranno ancora i velocisti e di conseguenza in particolare Elia Viviani e Sam Bennett, finora vincitori di due volate a testa. Il campione olimpico dell’omnium era partito fortissimo vincendo per ben due volte in Israele, prima a Tel Aviv e poi ad Eilat, ma da quando il Giro è arrivato in Italia il dominatore è stato l’irlandese della Bora-Hansgrohe, che si è imposto sia venerdì scorso a Praia a Mare sia ieri a Imola, in quest’ultimo caso con un numero che definire semplicemente una volata sarebbe addirittura riduttivo. Di conseguenza anche nella classifica a punti il trend adesso è favorevole a Bennett: Viviani era arrivato ad avere un massimo di 78 punti di vantaggio, adesso indossa ancora la maglia ciclamino ma al termine della tappa di ieri il margine si era ridotto a 22 punti e oggi dunque potrebbe anche essere possibile un sorpasso. La maglia ciclamino è in bilico per il capitano della Quick Step-Floors, che sarà chiamato a reagire oggi nella sua regione, sul traguardo di Nervesa della Battaglia. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

YATES ANCORA MAGLIA ROSA

Nella classifica del Giro d’Italia 2018 il britannico Simon Yates è sempre la maglia rosa. Ieri non ci sono state particolari novità per il britannico della Mitchelton-Scott - anche se la pioggia ha infiammato il finale di una tappa che doveva essere tranquilla - e sulla carta poco o nulla dovrebbe cambiare anche oggi, perché la frazione che terminerà a Nervesa della Battaglia è una delle più facili di tutto il Giro d’Italia dal punto di vista altimetrico e dovrebbe dunque essere una tappa di transizione (ammesso che ne esistano al Giro...) verso le grandi fatiche che attendono il gruppo nei prossimi giorni, a cominciare naturalmente dal durissimo arrivo sullo Zoncolan che domani pomeriggio potrebbe dare uno scossone alla classifica generale di questo Giro d’Italia numero 101. Se Yates confermerà la forma mostrata in tutte le precedenti tappe di salita, potrebbe guadagnare ancora, in particolare nei confronti di Tom Dumoulin che, in quanto grande passista, potrebbe patire le pendenze in doppia cifra per molti chilometri della durissima salita friulana.

CLASSIFICA GIRO D’ITALIA 2018: GLI ALTRI BIG

Dietro la coppia Yates-Dumoulin, gli altri due big che stanno mantenendo le aspettative sono Thibaut Pinot e Domenico Pozzovivo, rispettivamente terzo a 1’04” e quarto a 1’18”. Pure per loro però la situazione inizia a farsi complicata, almeno se l’obiettivo è vincere il Giro e non solamente quello di salire sul podio: infatti sia Pinot sia Pozzovivo a cronometro dovrebbero pagare da Dumoulin, mentre almeno per il momento nessuno in salita sta reggendo il ritmo di Yates, dunque il francese e il lucano dovranno inventarsi qualcosa per superare due rivali che al momento sembrano più forti, al di là dei distacchi ancora contenuti - e per Pozzovivo anche dello scampato pericolo quando il gruppo ieri si è spezzato in due tronconi e Domenico era rimasto dietro. La situazione naturalmente è ancora più critica per tutti gli altri, da un Miguel Angel Lopez finora sotto le aspettative ad un Esteban Chaves che ormai chiaramente sarà solo un gregario della maglia rosa, fino a Fabio Aru e Chris Froome. Per il sardo e il britannico lo Zoncolan potrebbe essere l’ultima chiamata, se perdessero altro terreno anche il podio rischia di diventare quasi irraggiungibile. Oggi invece l’obiettivo è comune per tutti, da Yates a Froome: evitare problemi, guasti e soprattutto cadute, le uniche variabili che potrebbero modificare la classifica in una tappa così semplice.

LE ALTRE GRADUATORIE

Dando adesso uno sguardo alle altre classifiche del Giro d’Italia 2018, cominciamo dalla maglia ciclamino perché fra ieri e oggi è proprio questa la graduatoria che può cambiare maggiormente in attesa delle grandi montagne. Al comando della classifica a punti c’è sempre Elia Viviani, davanti a un Sam Bennett che però si è fatto molto vicino al campione olimpico dell'omnium e oggi sicuramente lancerà di nuovo la sfida. Più tranquilla invece dovrebbe essere ancora per oggi e quindi fino alla Zoncolan la situazione per le altre due maglie: nella classifica dei giovani resta in maglia bianca l’ecuadoriano Richard Carapaz, tuttavia con il colombiano Miguel Angel Lopez al secondo posto, avversario che sulle grandi montagne potrebbe essere pericolassimo per il nome nuovo della Movistar anche perché il capitano della Astana avrebbe anche ambizioni più grandi nella generale. Nella classifica dei Gpm invece è naturalmente al comando Simon Yates: come è normale che sia però il britannico indosserà anche oggi la maglia rosa, dunque la maglia azzurra sarà ancora sulle spalle del compagno di squadra Esteban Chaves, che almeno in questa graduatoria resta il primo inseguitore di Yates, indiscutibilmente finora il più forte in salita.

CLASSIFICA GENERALE GIRO D’ITALIA 2018

1 Simon Yates (Gbr) in 55h54'20"

2 Tom Dumoulin (Ned) +47"

3 Thibaut Pinot (Fra) +1'04"

4 Domenico Pozzovivo (Ita) +1'18"

5 Richard Carapaz (Ecu) +1' 56"

6 George Bennett (Nzl) + 2'09"

7 Rohan Dennis (Aus) +2'36"

8 Pello Bilbao (Spa) +2'54"

9 Patrick Konrad (Aut) + 2'55"

10 Fabio Aru (Ita) + 3'10''

© Riproduzione Riservata.