BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

DIRETTA/ Internazionali d'Italia 2018 Roma, Fognini Nadal (1-2) streaming video e tv: soddisfazione per Rafa!

Diretta Internazionali d'Italia 2018, info streaming video e tv: Fabio Fognini e Rafa Nadal si sfidano a Roma per un posto nella semifinale del torneo di tennis al Foro Italico

Diretta Internazionali d'Italia 2018: a Roma Fabio Fognini sfida Rafa Nadal (Foto LaPresse)Diretta Internazionali d'Italia 2018: a Roma Fabio Fognini sfida Rafa Nadal (Foto LaPresse)

Se al termine del match che lo ha visto soccombere per due set a uno, dopo essere passato in vantaggio, Filippo Fognini è apparso nervoso per l’impresa solo sfiorata, accusando anche l’organizzazione degli Internazionali d’Italia per l’orario della sfida, Rafa Nadal ha di che essere soddisfatto visto che, per sua stessa ammissione, è stato un pomeriggio difficile. Il numero 2 del ranking mondiale ha infatti ammesso che il tennista italiano l’ha messo in grande difficoltà col suo gioco e, dopo aver giocato prevalentemente col dritto nel primo set, ha capito che doveva cambiare l’approccio alla gara. “Ero nelle mani del mio avversario e sulla terra non può succedere” ha detto il maiorchino ai microfoni in sala stampa, spiegando che lo stile di gioco dei successivi set (vinti nettamente col punteggio di 6-1 e 6-2) hanno dato una indicazione dei cambiamenti che lo riguarderanno in chiave futura. Infine, a proposito dell’altro quarto di finale che vede di fronte Djokovic e Nishikori, Nadal ha detto che “onestamente è meglio non giocarci contro, è uno dei migliori giocatori di sempre e non sono così stupido a dire che voglio giocarci…”. (agg. di R. G. Flore)

LA RABBIA DI FOGNINI, "NON COMMENTO L'ORGANIZZAZIONE"

Si è fermata dunque ai quarti di finale la corsa di Filippo Fognini agli Internazionali d’Italia di Roma 2018, sconfitto in tre set dallo spagnolo Rafa NadaL (2-1) al termine della rimonta di quest’ultimo. E a fine gara, nonostante il tributo da parte del pubblico del Foro Italico e la piccola soddisfazione di aver sfiorato l’impresa contro un mostro sacro del tennis, il 30enne atleta originario di Sanremo si è lasciato andare a uno sfogo polemico ai microfoni in conferenza stampa: “Vado via da qui a testa alta, ho dato tutto me stesso” ha affermato prima di felicitarsi per i complimenti ricevuti da Nadal: “L’ho portato al limite, se ha detto lui che l’ho messo in difficoltà vuol dire che è vero, dato che è il più forte su questa superficie” ha aggiunto Fognini che poi si lascia andare a uno sfogo contro l’organizzazione, criticando soprattutto l’orario in cui è stata disputata la gara: “Meglio non commentare la gestione, è andata così: pensavano che Fognini-Nadal fosse da giocare di giorno, per me no” la sua stilettata prima di concludere dicendo che non avrebbe aggiunto altro sull’argomento “perché qualsiasi commento sarebbe negativo”. (agg. di R. G. Flore)

NADAL BATTE FOGNINI IN RIMONTA

Niente da fare per Fabio Fognini: il numero 21 del mondo si è dovuto arrendere a Rafa Nadal sulla terra rossa degli Internazionali di Roma 2018. Il ligure non ha quindi ottenuto il passaggio alla semifinale che invece vedrà proprio il numero 2 al mondo, al successo con il risultato finale di 4-6, 6-1 e 6-2. Se nel primo set Fognini stava accarezzando l’impresa, nella seconda parte del match è emerso sulla terra battuta della capitale il vero Nadal, che ci ha messo appena 78 minuti (divisi in due set) per conquistare il passaggio del turno. Per Nadal questa è la sia decima semifinale a Roma e si tratta di un traguardo più che meritato: il qualche errore di troppo nel primo set è stato poi ampiamente recuperato da un Rafa molto più continuo e ferale, a partire alle prime battute del secondo set. Lo spagnolo ora dovrà solo riposarsi e attendere di conoscere il proprio avversario: a breve infatti avrà inizio il match, secondo quarto di finale, tra Carreno Busta e Cilic. (agg Michela Colombo)

FOGNINI AVANTI NEL PRIMO SET

Va a un grande Fabio Fognini il primo set del match contro Rafa Nadal, attesissimo quarto di finale agli Internazionali Roma. Sulla terra della capitale è ora proprio l’azzurro, numero 21 del ranking Atp a condurre, ma va detto che la prova dello spagnolo per il momento non è stata esaltante. Se il ligure ci ha messo del suo per realizzare un importante 4-6 nel primo set va anche detto che il il numero 2 al mondo ha concesso parecchio allo stesso Fognini, specie nel finale. Importanti gli errori di Nadal segnati prima sul 4-4 e e poi sul 30-40, che ha portato alla vincente palla break del 5-4 per lo stesso tennista azzurro. Dando ora un occhio ai numeri segnaliamo poi un ace per Fognini e una percentuale di efficacia del primo servizio del 70%: per Nadal solo il 54% di efficacia nella prima di servizio, ma 3/5 palle break servite. (agg Michela Colombo)

IN CAMPO

Agli Internazionali d’Italia 2018 è arrivato il tempo di giocare: non solo Fabio Fognini contro Rafa Nadal, che pure inizia a breve; sui campi di Roma sarà una grande giornata anche per Marin Cilic che affronta Pablo Carreno Busta, lo spagnolo che ieri aveva liquidato Aljaz Bedene in meno di un’ora ma dal 5-0 del secondo set si è ritrovato 6-7 senza sapere come, ed è stato bravo se non altro a non crollare psicologicamente dominando il terzo parziale. Avremo poi Alexander Zverev, il campione in carica, impegnato contro David Goffin: il belga ha dovuto giocare meno di due set approfittando del ritiro di Juan Martin Del Potro, e di fatto non si è ancora del tutto svelato qui al Foro Italico anche se ha dato una buona impressione rimontando Matteo Cecchinato in un match che si poteva complicare non poco. Da non perdere sicuramente Angelique Kerber-Elina Svitolina: una campionessa in carica (l’ucraina), l’altra al rientro dopo un infortunio, ex numero 1 Wta con due Slam in bacheca e una condizione da ritrovare, ma pericolosissima sulla terra rossa. Staremo a vedere, ovviamente con particolare attenzione su Fognini Nadal che infiammerà la giornata agli Internazionali d'Italia 2018: la parola passa adesso ai campi, finalmente si gioca! (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE IL TORNEO DI ROMA

Gli Internazionali d’Italia 2018 è in diretta tv sui canali del satellite, almeno per quanto riguarda il torneo maschile: appuntamento su Sky Sport 1 e Sky Sport 2, con gli approfondimenti che arriveranno da studio e la possibilità di seguire le partite anche in diretta streaming video, attivando senza costi aggiuntivi l’applicazione Sky Go. Per quanto riguarda il torneo femminile, il canale è SuperTennis, la web-tv federale che trovate al numero 64 del vostro telecomando; disponibile per tutti anche il servizio di diretta streaming video, sul sito www.supertennis.tv, avendo a disposizione PC, tablet o smartphone.

FOGNINI CONTRO I BIG: IL PRECEDENTE

Fabio Fognini che sfida il numero 1 a Roma? Succede oggi negli Internazionali d’Italia 2018, era successo un anno fa e le cose non erano andate malaccio: se oggi l’avversario dell’azzurro è Rafa Nadal, nel 2017 era stato Andy Murray: sul campo centrale, in una splendida serata, Fognini aveva vinto 6-2 6-4 in ogni singolo aspetto del gioco. Certo non era un Murray in grande forma: l’anca gli dava ancora parecchio fastidio, tanto che dopo aver onorato Wimbledon - dove difendeva il titolo - si sarebbe fermato e da allora non ha più rimesso piede su un campo da tennis. L’avventura di Fognini sarebbe invece continuata con una sconfitta: Alexander Zverev, futuro campione, l’avrebbe battuto per 6-3 6-3, una sconfitta netta tanto quanto la vittoria del giorno prima sullo scozzese. Ora la storia per Fognini - finalmente ai quarti di questo torneo alla dodicesima occasione - e per le speranze italiane al Foro Italico di Roma rischia di essere diversa: Murray non è mai stato un amante della terra rossa, Nadal ha numeri leggendari che difficilmente qualcuno nella storia del tennis riuscirà anche solo ad avvicinare… (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE PARTITA

Fognini Nadal, ci risiamo: nei quarti di finale degli Internazionali d’Italia 2018, con inizio del match alle ore 12:00 (primo incontro sul campo centrale, il programma generale inizia alle ore 11:00) il nostro Fabio Fognini va a caccia della semifinale ma per farlo affronta il numero 1 Atp - da lunedì tornerà comunque al secondo posto - che ha vinto per sette volte a Roma e che ha numeri sulla terra rossa che fanno impallidire chiunque abbia pur dominato su questa superficie. Un’impresa impossibile? No, perchè le partite di tennis vanno giocate, tanti fattori possono contribuire a far pendere il piatto della bilancia verso l’azzurro e perchè, anche se Rafa Nadal è nettamente favorito, il livello di gioco mostrato da Fognini è di quelli che fanno ben sperare, dunque i presupposti ci sono.

FOGNINI NADAL

I precedenti sono 13: Nadal ne ha vinti 10 compresi gli ultimi quattro, mentre per trovare l’ultimo successo targato Fognini dobbiamo tornare all’epica rimonta nel terzo turno degli Us Open 2015 (3-6 4-6 6-4 6-3 6-4). Diciamo la verità: il Nadal che ha perso dal sanremese (anche due volte consecutive all’inizio dello stesso anno, sulla terra di Rio de Janeiro e Barcellona) è sempre stato un giocatore non in condizione, che rientrava da una lunga inattività o che doveva fare i conti con un fisico molto limitato. Da un altro punto di vista, Fabio non ha mai rubato nulla perchè i grandi campioni vanno sempre battuti anche quando non sono al 100%; il fatto che l’azzurro abbia già centrato due successi sulla terra contro Rafa è sicuramente un buon indicatore, insieme al fatto che il nostro tennista ha finora giocato benissimo i suoi tre match a Roma. Non era mai arrivato ai quarti: lo ha fatto superando Peter Gojowczyk ma finora il colpo è stato quello contro Dominic Thiem al primo turno.

Purtroppo la proprietà transitiva nel tennis non funziona come in altri contesti: Fognini ha battuto Thiem che a Madrid aveva fatto fuori Nadal, ma in questo caso non possiamo dire che allora Fognini vincerà oggi perchè ogni match fa storia a sè e, soprattutto, il numero 1 si è liberato con irrisoria facilità anche di Denis Shapovalov, lasciandolo sfogare nei primi sei giochi per poi demolirlo. Ovviamente dunque Nadal parte favorito come detto, ma la partita è tutta da giocare e Fabio può contare sul pubblico di casa, che sarà tutto per lui e che cercherà di spingerlo verso una semifinale che sarebbe comunque storica, e che seguirebbe quella di Miami dello scorso anno quando a farlo fuori, manco a farlo apposta, era stato proprio il maiorchino con il risultato di 6-1 7-5.

© Riproduzione Riservata.