BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Ancelotti Napoli, è ufficiale/ Il tecnico ha firmato, c'è l'annuncio: "sono felice e onorato"

Ancelotti al Napoli, è tutto fatto: ufficiale la firma del nuovo allenatore partenopeo che ha già affidato al web i suoi primi pensieri, dicendosi felice e onorato della grande occasione

Carlo Ancelotti, nuovo allenatore del Napoli - LaPresseCarlo Ancelotti, nuovo allenatore del Napoli - LaPresse

Adesso è ufficiale: spiazzando tutti, il Napoli ha annunciato sul proprio sito la firma di Carlo Ancelotti come nuovo allenatore. Si attendeva il primo giugno, data che era stata indicata come buona per certificare l’acquisizione dell’emiliano; invece la società partenopea ha pubblicato l’annuncio con un “benvenuto Carlo” e con il video messaggio dell’ex tecnico di Parma, Juventus, Milan, Chelsea, Psg e Bayern Monaco: le sue prime dichiarazioni sono state affidate a un breve video messaggio nel quale, in diverse lingue, l’allenatore si è detto “felice e onorato di allenare una squadra sostenuta da un tifo impareggiabile”. Il Napoli ha il suo nuovo allenatore: era la volontà del presidente Aurelio De Laurentiis, impaziente di iniziare subito la preparazione della prossima stagione e dunque frettoloso anche nei confronti di Maurizio Sarri, che ha provato a prendere tempo nel finale. Da capire se la scelta di cambiare sia derivata dall’allenatore (che aveva detto come sia sempre meglio chiudere una bella storia prima che diventi brutta) o se invece sia stato il presidente a decidere che fosse il momento di separarsi; sia come sia Ancelotti è da oggi il nuovo allenatore del Napoli, e dall’inizio di luglio si ritroverà con la squadra per preparare la nuova stagione. (agg. di Claudio Franceschini)

ANCELOTTI-NAPOLI, E' QUASI FATTA

Mentre il patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis, twittava il suo affettuoso saluto all’oramai ex tecnico degli azzurri, Maurizio Sarri, era in corso presso gli uffici della Filmauro a Roma un nuovo incontro tra lo staff dell’allenatore italiano più vincente in Europa, Carlo Ancelotto. Infatti, stando a quanto si apprende, il summit era cominciato questa mattina e ha visto il patron dei partenopei incontrare lo staff di Ancelotti, ovvero quel gruppo di lavoro storico composto da suo figlio Davide, dal nutrizionista Mino Fulco e da Luigi La Sala. Attorno alle ore 18.30, invece, Ancelotti ha lasciato su una automobile dai vetri offuscati la sede della Filmauro senza però rilasciare alcuna dichiarazione: probabilmente, è difficile che parli prima del fatidico 1° giugno, ovvero quando l’ex tecnico del Bayern sarà annunciato ufficialmente come successore del “Comandante” Maurizio Sarri, destinato propri a quella panchina del Chelsea dove in passato si è seduto proprio sor Carletto da Reggiolo. (agg. di R. G. Flore)

IL SALUTO DI DE LAURENTIIS A SARRI

Ormai è solo questione di ore e Carlo Ancelotti sarà annunciato come nuovo allenatore del Napoli. Aurelio De Laurentiis intanto ha deciso di salutare chi ormai è destinato a diventare un ex e cioè quel Maurizio Sarri arrivato davvero a un passo dalla vittoria del titolo quest'anno. Su Twitter il Presidente azzurro ha sottolineato: "Ringrazio Maurizio Sarri per la sua preziosa dedizione al Napoli che ha permesso di regalare a tutta la città e ai tifosi azzurri in tutto il mondo prestigio ed emozioni, creando un modello di gioco ammirato ovunque e da chiunque. Bravo Maurizio, Aurelio De Laurentiis". Al momento non è ancora arrivata la risposta di Maurizio Sarri che sembra sempre più vicino allo Zenit San Pietroburgo, anche se rimane in piedi l'ipotesi Chelsea qualora dovesse separarsi la strada dei blues con quella di Antonio Conte. Carletto Ancelotti intanto è rimasto ancora in silenzio e non si pronuncerà fino all'ufficialità dell'operazione. (agg. di Matteo Fantozzi)

LO SFOTTÒ DI PIO E AMEDEO

br />Carlo Ancelotti sarà il nuovo allenatore del Napoli: grande entusiasmo in casa partenopea per il colpaccio firmato Aurelio de Laurentiis. L'annuncio ufficiale arriverà il prossimo 1 giugno 2018 ma arrivano i primi commenti degli addetti ai lavori sull'operazione della dirigenza azzurra: “Troverà un impianto già fatto, ma darà serenità, più libertà e praticità alla squadra. Si tratta di un grande colpo di Aurelio de Laurentiis: ritorna in Serie A uno degli allenatori migliori ed alza l’asticella e l’immagine di tutto il movimento calcio. Conosco Ancelotti, è un allenatore straordinario: entra nella testa di tutti e a Napoli può ottenere grandi risultati”, queste le parole di Christian Panucci ai microfoni di Sky Sport. E non poteva mancare il commento di Pio e Amedeo, duo comico protagonista dello show Emigratis. Tramite Instagram, hanno dato il bentornato in Serie A ad Ancelotti a modo loro: "In bocca al lupo @mrancelotti ...che come cazz la mantieni la linea a Napoli...???? #dieta #babà #sfugliatell #pastepatan". (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

I TIFOSI ESALTANO CARLO ALVINO

Tra il Napoli e Ancelotti è oramai accordo totale e manca solo l’ufficialità di un matrimonio che ha colto di sorpresa molti, ma non tutti, e che dovrebbe arrivare con ogni probabilità a partire dal 1° giugno anche perché c’è da risolvere ancora la posizione legata all’oramai ex tecnico, Maurizio Sarri. Tuttavia, da quanto si apprende nelle ultime ore, pare che il “Comandante” che ha guidato gli azzurri negli ultimi anni, il presidente Aurelio de Laurentiis e Giuntoli sapessero oramai di come si sarebbe conclusa questa trattativa circa venti giorni fa, ma si attendeva l’ok di Ancelotti: e tra coloro della stampa che hanno anticipato in tempi non sospetti quello che alcuni colleghi su Twitter hanno già definito “lo scoop dell’anno” c’è proprio quel Carlo Alvino che da anni è un punto di riferimento per la stampa sportiva partenopea, non solo per la sua passione per il Napoli ma anche per alcune polemiche legate alla sua partigianeria. È stato infatti Alvino, in tempi non sospetti, a ricordare che nel caso Sarri non fosse stato confermato, l’unica alternativa era Ancelotti: e così è stato tanto che, il diretto interessato si è tolto oggi qualche sassolino dalla scarpa, facendo notare che, a parte illustri esperti di calciomercato quali Gianluca Di Marzio e Ivan Zazzaroni, pur essendosi mostrati scettici sulla cosa, hanno ammesso il loro errore e gli hanno fatto i complimenti, a differenza di altri colleghi che fino a ieri bollavano l’approdo dell’ex allenatore del Bayern all’ombra del Vesuvio come una ipotesi fantascientifica. E i tifosi del "Ciuccio" non stanno mancando di farlo notare sui social network. (agg. di R. G. Flore)

AFFARE DA 10 MILIONI IN DUE ANNI

Manca soltanto l’annuncio di Aurelio de Laurentiis, ma è ormai tutto fatto: Carlo Ancelotti sarà il nuovo allenatore del Napoli. Accordo raggiunto per un biennale con opzione da 5 milioni di euro più bonus a stagione. Addio dunque a Maurizio Sarri, con il tecnico toscano che sta completando il trasloco per tornare in Toscana. Sulle sue tracce c’è lo Zenit, che sta trattando con il Napoli sulla clausola rescissoria da 8 milioni di euro: il club russo, che vuole l’ex Empoli dopo l’addio di Roberto Mancini, è arrivato ad offrire 6 milioni di euro. Attesi aggiornamenti nelle prossime ore, ma la firma e l’ufficialità di Carletto con i partenopei è attesa nelle prossime ore. Una mossa quella di de Laurentiis che ha fatto impazzire il mondo azzurro, ecco il commento su Twitter del giornalista Enrico Varriale: “Ha chiuso un'operazione paragonabile a quella che portò Maradona a Napoli.Era all'angolo, nel rapporto con i tifosi x i contrasti con Sarri, ne è uscito alla grande scegliendo l'allenatore che ha vinto 3 Champions e i campionati di mezza Europa. Per il Napoli è la svolta. Chapeau”. (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

ANDREA PIRLO VICE DI ANCELOTTI?

Carlo Ancelotti è il nuovo allenatore del Napoli: colpo a sorpresa di Aurelio de Laurentiis, che si è assicurato uno dei tecnici più ambiti del panorama internazionale. Reduce dall’avventura in Bundesliga con il Bayern Monaco, Carlo Ancelotti sostituirà Maurizio Sarri: è già stato raggiunto l’accordo contrattuale, intesa fino al 30 giugno 2020 con opzione fino al 2021. Cifre importantissime per l’ex allenatore di Milan e Juventus: 5 milioni di euro a stagione più bonus. E giungono ulteriori dettagli sull’accordo tra il club partenopeo e l’entourage del mister di Reggiolo: Il Giornale rivela che Ancelotti potrebbe chiedere al suo fedelissimo Andrea Pirlo di diventare suo vice. Lunedì Ancelotti era presente a San Siro per l’addio al calcio del campione del Mondo 2006 e non è da escludere che si sia parlato della meta campana. E non solo: Marek Hamsik, che ha annunciato di essere pronto per una nuova avventura, potrebbe ora restare e capitanare ancora il Napoli: attese conferme nel corso delle prossime ore. (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

UN'OPERAZIONE NATA 20 GIORNI FA

Mancano ancora le firme, ma Carlo Ancelotti può dirsi il nuovo allenatore del Napoli. Un’operazione fortemente caldeggiata da La Gazzetta dello Sport, che considera il tecnico di Reggiolo di fatto il sostituto a tutti gli effetti di Maurizio Sarri. Nella giornata di ieri la trattativa fra gli azzurri e lo stesso Ancelotti ha subito un’accelerazione, con l’intesa che sarebbe stata raggiunta sulla base di un accordo biennale da 6.5 milioni di euro netti annui, con l’aggiunta di un’opzione per una terza stagione. Insieme ad Ancelotti sbarcheranno a Napoli il genero Mino Fulco, il preparatore atletico Mauri ed il figlio di quest’ultimo Francesco. Come sottolinea la Rosa, non si tratta di un’operazione nata per caso, visto che lo stesso Ancelotti pare che da una ventina di giorni a questa parte, sapesse di essere il prossimo tecnico dei partenopei, ma si attendeva la decisione di Maurizio Sarri di lasciare Castelvolturno, che in realtà non è arrivata. A questo punto sembra scontato l’addio dell’ex Empoli, che potrebbe sostituire Mancini allo Zenit, oppure Conte al Chelsea, se il salentino dicesse addio. Oggi è previsto un nuovo incontro, forse quello decisivo per le firme. A Roma ci saranno Ancelotti e i suoi collaboratori: sono ore caldissime. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

CHIESTI TRE ANNI DI CONTRATTO

Presso la sede della FilmAuro a Roma e poi presso l'abitazione del patron azzurro, prosegue la prima chiacchierata tra Carlo Ancelotti e il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis. Dalle indiscrezioni che stanno trapelando, Ancelotti accetterebbe questa nuova sfida solo con la certezza di poter portare avanti un progetto a medio termine. La richiesta dell'ex tecnico di Milan, Chelsea, Real Madrid, Paris Saint Germain e Bayern Monaco sarebbe di un contratto triennale. Alzando l'ingaggio a 6 milioni e mezzo di euro annuali, De Laurentiis potrebbe proporre un accordo biennale con un'opzione per il terzo. Una verifica dopo due anni di lavoro per capire se si possa andare avanti insieme, per poi eventualmente rinnovare l'accordo. Lo sforzo economico del Napoli indica una forte volontà di arrivare ad Ancelotti, vedremo se si arriverà ad un accordo o se servirà un altro incontro. (agg. di Fabio Belli)

OFFERTI 6 MILIONI L'ANNO D'INGAGGIO

Si avvicina a grandi passi al Napoli, Carlo Ancelotti. L’ex allenatore del Bayern Monaco sarebbe la prima scelta di Aurelio De Laurentiis, che stufo di avvicinarsi allo scudetto, starebbe ora pensando ad un pezzo da novanta, per riportare il tricolore all’ombra del Vesuvio. Stando a quanto svelato dai colleghi di Sportitalia, in serata ci sarebbe stato un incontro fra il tecnico di Reggiolo e il direttore sportivo del Napoli, Cristiano Giuntoli. Dopo il vis-a-vis i due si sarebbero spostati a casa del presidente, per proseguire questo importante faccia a faccia. La strada sembrerebbe tutta in discesa anche perché Ancelotti sarebbe stuzzicato dal progetto Napoli.

UNA SFIDA AFFASCINANTE

Resterà da trovare l’intesa per quanto riguarda il contratto, con Ancelotti che avrebbe chiesto un accordo da tre anni a sei milioni di euro netti a stagione. Gli azzurri sarebbero invece maggiormente propensi ad un biennale con opzione per un prolungamento per una terza stagione. Pare che nei precedenti contatti, si sarebbe anche già abbozzato al calciomercato, con l’ex allenatore del Milan che avrebbe dato il suo ok alla cessione di Mertens e Jorginho, mentre vorrebbe che venissero trattenuti ad ogni costo Koulibaly e Insigne. Sicuramente una sfida affascinante quella del Napoli per Ancelotti, che dopo aver guidato delle “certezze” negli ultimi anni come Bayern Monaco, Real Madrid, Paris Saint Germain e Chelsea, si troverebbe ora a dirigere una squadra non di primissima fascia ma che ambisce al definitivo salto di qualità.

© Riproduzione Riservata.