BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EURO 2012/ Portogallo-Spagna (0-0, 2-4 c.r.): gol, sintesi e video highlights (semifinali)

Pubblicazione:

La delusione del Portogallo (Infophoto)  La delusione del Portogallo (Infophoto)

VIDEO PORTOGALLO-SPAGNA (0-0, 2-4 C.R.): LA SINTESI E GLI HIGHLIGHTS DELLA PARTITA DI EURO 2012 (SEMIFINALI) - Spagna-Portogallo al netto di 120' più rigori risulta essere la partita più noiosa di questo Euro 2012, poche le emozioni, pochissimi i colpi di genio. Da una partita così emerge però il cuore dei lusitani che giocano sempre alla pari dei rivali e, solo i tiri dal dischetto, eliminano una nazionale con ottima preparazione. La partita si gioca su ritmi lenti che diventano insostenibile, almeno alla vista, nel secondo tempo regolamentare e per tutti i supplementari. La Spagna fa il gioco con il solito possesso palla (chiuderà però con il 57%, nemmeno troppo rispetto alle sue cifre abituali), stavolta però senza la solita fantasia e vivacità a cui ci aveva abituato: ecco così servita la noia citata prima. Le Furie Rosse alla fine hanno il dato a favore relativamente ai tiri in porta (11 contro 10, 5 nello specchio contro 2) e anche 7 calci d'angolo contro 6, ma si è trattato di un attacco sterile, che non ha portato davvero a pericoli se si eccettuano le due conclusioni di Iniesta. 52 falli fischiati con 9 ammonizioni (5 per il Portogallo): segno di una partita nervosissima e molto spezzettata, cosa che naturalmente ha diminuito lo spettacolo. Il vero merito dalla squadra di Bento si riscontra a centrocampo e in generale nella fase di non possesso dove intercetta un'infinità di palloni (36) contro i soli 14 degli spagnoli che altrimenti avrebbero tutti numeri dalla loro.

I RIGORI - Dopo 120' di calma piatta si arriva ai fatali rigori che ravvivano il match. Calcia per prima la Spagna con Xabi Alonso che angola a sinistra proprio dove Rui Patricio si butta parando il primo rigore forse su suggerimento di Ronaldo, compagno di squadra dello spagnolo. È la volta di Joao Muotinho ma il centrocampista del Porto si fa parare anch'egli un rigore molto importante per andare subito in vantaggio: bravo Casillas a battezzare a destra. Iniesta è una sicurezza e spiazza facile l'estremo difensore portoghese; Pepe dopo una lunga rincorsa che faceva presagire una bomba centrale tocca invece morbido all'angolo sinistro, Casillas ci era andato ma nulla può: ancora parità. Anche Piquè fa centro calciando un rigore perfetto, Rui Patricio non può nulla sebbene avesse indovinato. Nani non tradisce e spiazza Casillas e calcia sotto la traversa bello angolato: rigore pregevole. Sergio Ramos, uno che ha sparato solo pochi mesi fa un rigore in curva in semifinale di Champions, si concede pure il lusso di emulare Pirlo e con un cucchiaio favoloso riporta in vantaggio la Spagna. Succede poi che Bruno Alves, forse sotto pressione come Young qualche giorno fa, tira bene ma colpisce la traversa (interna) concedendo agli avversari di chiudere la pratica. Si presenta dalgi 11 metri Fabregas (come quattro anni fa contro l'Italia), rincorsa di 3 passi e tiro deciso che colpisce il palo ma questa volta, questione di centimetri, la palla entra regalando alla Spagna la seconda finale consecutiva.

LE DICHIARAZIONI - “Siamo molto felici, la squadra ha compiuto uno sforzo straordinario stasera – ha sottolineato Del Bosque, come si legge su As.com - La partita è stata molto equilibrata, soprattutto nei tempi regolamentari. Nei supplementari, invece, siamo stati più attivi in fase offensiva. Credo che siamo stati leggermente superiori al Portogallo. E’ stata una gara molto controllata, abbiamo concesso poco malgrado Ronaldo rappresenti sempre una minaccia. La squadra ha messo in campo grand egenerosità, sono soddisfatto di questo fantastico gruppo. Il ‘cucchiaio’ di Sergio Ramos? Il portiere aveva già scelto un lato, credo abbia optato per la soluzione migliore”. I campioni del Mondo e d’Europa in carica, adesso, attendono nell’ultimo atto di Kiev la vincente di Germania-Italia: “Per me è uguale. Noi il nostro dovrere l’abbiamo compiuto – ha concluso Del Bosque -. Speriamo che vada tutto per il verso giusto anche domenica”.

"Il Portogallo ha fatto un Europeo straordinario. Del resto abbiamo incontrato Germania, Danimarca, Olanda, Repubblica Ceca e Spagna", ha evidenziato il tecnico lusitano Paulo Bento dopo la sconfitta contro i cugini iberici, ancora una volta a giocarsi un trofeo. Bento è poi passato ad analizzare il match: "Bene nei 90', con gli avversari a fare più possesso senza però correre rischi. Ora sono felici loro, noi possiamo continuare a lottare e lavorare con il nostro onore e il nostro orgoglio". Quel che è mancata è stata la fortuna: "Abbiamo avuto buone occasioni nei tempi regolamentari e dal dischetto. Il fattore fortuna ha influito, ha aiutato la Spagna. Anche per questo, alla fine, siamo usciti dalla competizione".

 

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER IL VIDEO DEGLI HIGHLIGHTS DI PORTOGALLO-SPAGNA (0-0, 2-4 C.R.)



  PAG. SUCC. >