BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calciomercato

Calciomercato Serie A/ Ufficialità, nomi e trasferimenti: la situazione in casa del Crotone (Oggi, 1 settembre 2016)

Calciomercato Serie A: la sessione estiva si è ufficialmente conclusa. Vediamo quali sono stati gli acquisti ufficiali dell'ultimo giorno, tra colpi andati a segno e affari sfumati

Davide Nicola, tecnico del Crotone (Foto LaPresse)Davide Nicola, tecnico del Crotone (Foto LaPresse)

Sono state ore caldissime anche per il calciomercato del Crotone: proprio ieri sera alle 23 si è infatti chiusa la finestra estiva di calciomercato ove la formazione rossoblu ha fatto il possibile fino all'ultimo per cercare quei puntelli fondamentale alla rosa impegnata in questa stagione del campionato di Serie A. Le prime due uscite del Crotone infatti non sono state troppo brillanti e l'impressione generale ricevuta è che la formazione degli Squali non sia troppo compatta al suo interno. Come affari di calciomercato positivamente conclusi contiamo l'arrivo di Trotta e Falcinelli dal Sassuolo, mentre l'approdo a sinistra di Mesbah è considerato dal portate tuttomercatoweb.com un "usato sicuro". Ma il vero colpo di calciomercato per il Crotone è l'arrivo di Crisetig in prestito dal Bologna, che potrebbe diventare il nuovo faro della squadra guidata da Davide Nicola. Lo stesso presidente del Crotone Raffaele  Vrenna, intervenuto ai microfoni di Il Corriere dello Sport si era detto soddisfatto di quanto fatto: "E' stata un'ultima giornata prolifica in cui abbiamo portato due giocatori in attacco, come Falcinelli e Trotta, molto importanti. Siamo pronti ad affrontare le difficoltà della serie A ma siamo consapevoli di avere allestito una squadra che può giocarsela"

Terminata ormai la finestra estiva di calciomercato, pare doveroso ora fare il punto sugli affari conclusi, le trattative sfumate e sopratutto i grandi protagonisti che hanno resta questa stagione tra le più chiacchierate di sempre. Ma se molti tifosi hanno gioito per il calciomercato condotto dal proprio club (come la Juventus) non possono certo farlo i fan dell'Atalanta: il club bergamansco infatti, anche secondo il portale bergamonews ha concluso la finestra di calciomercato estiva senza alcun grande nome e con un grande problema nel settore portieri. Sono due i principali colpi realizzati dall'Atalanta ma nessuno die due al momento ha riscosso più di tanto l'entusiasmo dei tifosi: Aleksander Pesic e la permanenza di Marco Sportiello. Il primo è un attaccante arrivato all'Atalanta dal Tolosa ma che nel curriculum pur essendo un ottimo giocatore che si sacrifica molto spesso per i compagni, non ha segnato nelle ultime stagioni troppi gol. Il caso dell'estate in casa degli orobici è stato sicuramente il problema portieri: Sportiello accostato fino all'ultimo dalle voci di calciomercato alla Fiorentina in realtà non è partito da Bergamo e Sartori, in previsione della cessione del portiere sera subito corso ai ripari acquistando Berisha dalla Lazio. Ora Gasperini, oltre alla questione Pinilla dovrà fare delle scelte sulla rosa che si annunciano assai difficili visto che entrambi i numeri uno della formazione orobica non sono personaggi che accettano di buon grado di fare panchina fissa. 

La stagione estiva di calciomercato che si è conclusa ieri sera alle ore 23 ed è dunque venuto il momento oggi 1 settembre 2016 di fare il punto sulle trattative andate a buon fine e quelle sfumate, facendo il punto ad esempio in casa Palermo. Proprio a questo proposito Daniele Faggiano, direttore sportivo del club rosanero ha voluto esprimere la propria opinione sul calciomercato effettuato e gli affari conclusi dalla squadra siciliana intervenendo ai microfoni di Mediagol. Faggiano ha dunque dichiarato: "cosa non è andato? Nulla, il mercato è questo. Certo, se dovessimo fare un sunto di tutto non possiamo basarci sull'ultimo giorno di mercato. Ci siamo mossi con calma, cercando di portare a casa il tanto desiderato Bruno Henrique, è stata una trattativa lunga e contorta. La stessa cosa con Diamanti, voi l'avete saputo all'ultimo, ma ci abbiamo lavorato a lungo e alcune squadre lavoravano sullo stesso obiettivo. E' stato decisivo Zamparini che ci ha parlato al telefono. Per l'attacco il discorso è che non prendiamo qualcuno tanto per prendere. Una delle prime scelte era Ciofani, però non è partito".

Si è conclusa nella notte una movimentata ed entusiasmate stagione di calciomercato estiva ed è dunque tempo di tirare una linea sul bilancio in casa delle diverse squadre di Serie a impegnate fino a ieri nel concludere le ultime trattative di calciomercato dell'ultimo minuti, e di fare il punto sugli accordi sfumati e gli acquisti ufficiali. Tra questi andiamo a fare i conti in tasca al Sassuolo che ha iniziato la stagione 2016-2017 con la splendida qualificazione in Europa League e due successi in campionato 8il secondo contro il Pescara poi ribaltato dal Giudice Sportivo per la riscontrata violazione nelle procedure di inscrizione di Ragusa). Il bilancio non puù che lasciare soddisfatta la dirigenza della formazione neroverde almeno dal punto di vista economico, secondo quanto riporta questa mattina il Resto del Carlino: gli introiti derivanti dalle cessioni di Vrsaljko e Sansone sono stati ottimamente spesi per far arrivare Letscher, Ragusa, Rerrari e Iemmello. Lirola è arrivato in prestito al Sassuolo come lo stesso Ricci. In totale sono 31 milioni di euro di introiti contro i 15 di uscite, ovvero un positivo di 17 milioni di fanno del Sassuolo un club come ha affermato lo stesso Squinzi "virtuoso e attento ai conti". 

A conclusione della finestra estiva di calciomercato sono molti i colpi di calciomercato annunciati che sono finiti poi in un nulla di fatto. Tra questi vi è sicuramente anche Obiang, inseguito da tempo dalla Fiorentina la quale però ha visto sfumare proprio nella giornata di ieri la trattativa con il West Ham. Un duro colpo per il calciomercato viola, salito agli onori delle cronache in questi ultimi giorni per alcune voci di calciomercato che avevano rivelato l'intenzione, poi non giunta a compimento, del tecnico della Fiorentina Paulo Sousa di dare le proprie dimissioni dalla panchina. Il club toscano aveva pensato per Obiang un prestito con obbligo di riscatto fissato a 5.5 milioni di euro, offerta che per il West Ham non era sufficiente per cedere il cartellino del centrocampista ex della Sampdoria. L'accelerata che la Fiorentina aveva dato alla trattativa nelle ultime ore del pomeriggio dunque non è stata sufficiente per portare in viola lo spagnolo, che secondo alcune indiscrezioni di calciomercato pubblicate ieri sul portale violanews.com era stato individuato come sostituto di Mati Fernandez, sebbene i due giocatori abbiano caratteristiche dissimili. 

Si è conclusa ormai poche ore fa la sessione estiva di calciomercato, una delle più calde di sempre. Mo.ti gli affari conclusi positivamente e altrettante le trattative sfumate all'ultimo secondo e che potrebbero essere riaperte nella prossima finestra di calciomercato a gennaio. Tra queste vi è sicuramente la vicenda di Alessio Cerci, ricercato in questi ultimi giorni di calciomercato anche da Lazio e r Bologna: proprio il club rossoblu era vicinissimo a concludere la trattativa per il cartellino dell'attaccante ex di g-enoa e e Milan. Secondo le ultime indiscrezioni di calciomercato pubblicate questa mattina dal Il Resto del Carlino infatti Cerci non approderà al Bologna dall'Atletico Madrid: sembra infatti che uil ritorno in Italia dell'attaccante sia stato bloccato dopo aver effettuato le consuete visite mediche. Dai controlli effettuati per conto del club rossoblu infatti è emerso che i tempi di recupero del giocatore dall'operazione subita al ginocchio destro (Cerci è stato operato lo scorso maggio) non siano quelli comunicati dalla società spagnola, la quale aveva fissato per fine settembre il pieno recupero, mentre lo staff medico del Bologna non lo ha fissato per prima di novembre-dicembre. A poche ore dalla chiusura della finestra di calciomercato dunque è arrivato lo stop alla trattativa e Cerci non sarà almeno per il momento un giocatore del Bologna. 

La sessione di calciomercato che si è appena conclusa si è rivelata molto frenetica fino all'ultimo minuto per le squadre di Serie A tra acquisti ufficiali, trattative saltate in extremis ed operazioni solamente accennate. I Campioni d'Italia in carica della Juventus sono riusciti a riportare Juan Guillermo Cuadrado a Torino dal Chelsea con un nuovo prestito triennale ma non è invece andato in porto l'affare riguardante il belga Axel Witsel a causa delle resistenze dello Zenit San Pietroburgo, incapace di raggiungere il sostituto individuato in Samaris del Benfica, costringendo così Hernanes a rinunciare al Genoa. L'amministratore delegato del Milan Adriano Galliani ha confermato la tradizione del colpo last minute aggiudicandosi Mati Fernandez dalla Fiorentina, privatasi pure di Marcos Alonso volato al Chelsea, e scatenando l'ira del Cagliari, dato che i rossoblu avevano il benestare dei viola fino a questa sera. Sull'altra sponda del Naviglio, l'Inter ha deciso di trattenere Marcelo Brozovic per mancanza di offerte importanti ed ha ceduto Caner Erkin al Besiktas senza sostituirlo, nonostante le voci a proposito di un ritorno di Maicon. La Roma non è riuscita ad arrivare al centrocampista tanto desiderato, con l'inglese Jack Wilshere che dall'Arsenal ha preferito andare al Bournemouth, ed ha invece lasciato partire in prestito i giovani Federico Ricci verso il Sassuolo ed Elio Capradossi verso il Bari, oltre ad aver piazzato definitivamente altri giocatori come Vasilis Torosidis al Bologna. In casa Napoli è finalmente arrivato il centrale serbo Nikola Maksimovic dal Torino attraverso un prestito con obbligo di riscatto, le parti che sono riavvicinate come dimostra anche il trasferimento dal Vesuvio alla Mole per Mirko Valdifiori, ed il caso Manolo Gabbiadini è rientrato, pronto per lui un rinnovo con adeguamento come per Brozovic, mentre Marco Sportiello, nonostante l'arrivo di Berisha dalla Lazio, non si è mosso dall'Atalanta a cui è tornato in prestito Alberto Grassi grazie ad un'opzione per Franck Kessié. Il Torino ha sorpreso tutti prelevando in prestito dal Manchester City il portiere britannico Joe Hart ed il Genoa ha rinforzato la propria difesa con Lucas Orban dal Valencia. Infine, Mario Balotelli ha lasciato il Liverpool per sposare la causa del Nizza, con l'augurio di rilanciarsi in Ligue 1 come era successo a Ben Arfa proprio in Costa Azzurra.

© Riproduzione Riservata.