BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SUPERCOPPA ITALIANA/ Juventus, i convocati per la partita contro il Napoli

Pubblicazione:

Antonio Conte, allenatore della Juventus (Infophoto)  Antonio Conte, allenatore della Juventus (Infophoto)

SUPERCOPPA ITALIANA, I CONVOCATI DELLA JUVENTUS - Antonio Conte ha scelto i convocati che prenderanno parte alla trasferta di Pechino della Juventus, che il prossimo 11 agosto giocherà la Supercoppa Italiana contro il Napoli. Alla fine si gioca in Cina, come era sempre stato in programma: nonostante le reticenze di De Laurentiis che aveva parlato di viaggio inutile a ridosso della partenza del campionato, resta la soluzione originaria. La Juventus viaggerà verso Salerno, poi scalo e Francoforte e infine arrivo a Pechino. All'ordine del giorno ci sono ovviamente i problemi legati al calcioscommesse: il Procuratore Palazzi ha chiesto 15 mesi di squalifica per Antonio Conte dopo che il suo patteggiamento a 3 mesi è stato respinto, mentre per Pepe la richiesta è di un anno e per Bonucci (deferito per illecito sportivo) c'è il rischio di tre anni e mezzo di stop. Però, ora si guarda al campo: in palio c'è il primo trofeo stagionale, quello che sarebbe il secondo per la nuova Juventus di Andrea Agnelli e Antonio Conte dopo lo scudetto vinto lo scorso maggio. Il tecnico salentino ha convocato 27 giocatori, quelli cioè che hanno affrontato il ritiro di Chatillon più i nazionali rientrati dalle vacanze. A casa rimane Michele Pazienza: il centrocampista è rientrato dal prestito di sei mesi all'Udinese, ma si sapeva che la sua permanenza a Vinovo sarebbe stata temporanea. Per lui Sampdoria o Torino, salvo inserimenti di altre squadre. Ovviamente non c'è nemmeno Milos Krasic: i due gol realizzati nelle amichevoli contro Hertha Berlino e Benfica non hanno modificato gli scenari per il serbo, anzi hanno probabilmente contribuito ad elevare la sua valutazione. Dopo due stagioni alla Juventus, l'esterno va al Fenerbahce. La lista dei convocati prevede ben quattro portieri: a Pechino giocherà Buffon e Storari andrà in panchina, Conte ha poi voluto portare entrambi i suoi giovani, anche Leali che molto probabilmente andrà a fare un'esperienza all'estero. In difesa c'è anche Bonucci: in attesa del processo, di studiare la linea difensiva, il centrale ex Bari sarà regolarmente in campo. Con lui anche Barzagli, che ha recuperato da un lievissimo infortunio e dovrebbe essere impiegato sul centro destra. Con Chiellini out, il ruolo di centrale a sinistra potrebbe realmente essere occupato da Alberto Masi, che come da copione è ancora a disposizione di Conte, poi si capirà se rimandarlo alla Pro Vercelli come l'accordo prevedeva, o se sarà lui a coprire l'eventuale buco lasciato da Bonucci. Lucio, comunque, si gioca le sue carte, mentre a Pechino ci saranno anche Rugani e Untersee, due giovani della Primavera che potrebbero trovare fortune anche in prima squadra nel corso della stagione. Recuperano anche Chiellini e Vucinic, ovviamente non c'è Isla che aspetta di fare il suo esordio con la maglia della Juventus, in attacco gli altri nomi sono quelli di Quagliarella e Matri (quest'ultimo probabile titolare dopo i tre gol nelle ultime tre amichevoli), di Giovinco (occhio anche a lui, se Vucinic non sarà al 100%) e di Richmond Boakye, vicino al ritorno al Sassuolo per un anno di prestito. Nella prossima pagina la lista completa dei convocati della Juventus.

 

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER LA LISTA COMPLETA DEI CONVOCATI DELLA JUVENTUS PER LA SUPERCOPPA ITALIANA CONTRO IL NAPOLI



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
05/08/2012 - Informazione incompleta (Giuseppe Crippa)

La lista dei giocatori è lunghissima, grazie, ma l’informazione è incompleta. Si citano le rimostranze di De Laurentiis per l’impegno in una sede così lontana, ma si dimentica di dire che è stato Andrea Agnelli il primo a far notare questo problema e che de Laurentiis si oppose – con toni offensivi verso la Juve accusata di voler decidere tutto da sola - facendo presente che il Napoli aveva programmato anche un’altra amichevole in Cina per promuovere la sua immagine. Saltata quella il presidente partenopeo ha fatto pressione sulla federazione per un ritorno in Italia. Ovviamente troppo tardi: non risulta che la puntualità e la buona organizzazione siano doti molto apprezzate sotto il Vesuvio.