BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Juventus

Lite Bonucci Allegri/ Juventus news, finale Champions League: la smentita del difensore, "tutto falso"

Lite Bonucci Allegri Juventus news: stando a una ricostruzione, il difensore e l'allenatore avrebbero avuto un'accesa discussione durante dell'intervallo della finale di Champions League

Massimiliano Allegri e Leonardo Bonucci (Foto LaPresse)Massimiliano Allegri e Leonardo Bonucci (Foto LaPresse)

Tackle deciso di Leonardo Bonucci sulle ultime notizie emerse sul suo conto. Il difensore della Juventus, seppur in vacanza per staccare la spina dopo una stagione particolarmente impegnativa, ha letto tutte le indiscrezioni emerse sull'intervallo della finale di Champions League contro il Real Madrid. Le voci sulle liti con Massimiliano Allegri, Paulo Dybala e Andrea Barzagli hanno suscitato la dura reazione di Bonucci, che ha pubblicato sui social un comunicato. «Nulla di quanto è stato scritto, raccontato o ricostruito ha del vero. Non c'è stato nessun diverbio, né tantomeno atti fisici che riguardino me o qualcun altro», ha scritto il centrale della Juventus e della Nazionale italiana. Bonucci ha assicurato che l'intervallo in questione è stato come tanti altri. «Queste sono le uniche parole che ho da dire al riguardo di questa vicenda e spero siano le ultime. Nel caso in cui non fossero sufficienti a chiarire la situazione e a ristabilire la verità, sarò pronto a rivolgermi ai miei avvocati per tutelare il mio nome e la mia onorabilità», ha concluso Bonucci. Clicca qui per visualizzare il suo post. (agg. di Silvana Palazzo)

Le aveva definite discussioni tattiche, anche vibranti, ma in realtà nello spogliatoio della Juventus nell'intervallo della finale di Champions League sarebbero scoppiate diverse liti. Vi abbiamo parlato di quella tra Leonardo Bonucci e Massimiliano Allegri, ma ce ne sarebbero state altre. Stando a quanto riportato da La Stampa a Cardiff il difensore bianconero se la sarebbe presa anche con Paulo Dybala, che avrebbe sgridato di brutto, al punto tale da dargli uno scappellotto per aver tirato un po' la gamba indietro dopo la prima ammonizione, presa peraltro dopo appena 12 minuti. Bonucci, però, ha trovato anche il tempo per discutere con Andrea Barzagli a causa della marcatura di Marcelo. Il compagno gli ha riservato una risposta al vetriolo, spiegandogli che se avesse messo il piede sul rasoterra di Cristiano Ronaldo, non avrebbero preso gol. Cosa sta succedendo alla Juventus? Perché il giornale di "casa Agnelli" ha rivelato questi retroscena? Forse John Elkann sta preparando l'uscita di Leonardo Bonucci? Il presidente Andrea Agnelli ha lottato per tenerlo, ma i milioni di Chelsea e Manchester City potrebbero far gola al cugino... (agg. di Silvana Palazzo)

Lo scorso 18 febbraio era andata in scena una lite tra Massimiliano Allegri e Leonardo Bonucci, culminato nella decisione dell’allenatore della Juventus di confinare in tribuna il suo leader difensivo nella delicata partita di Champions League contro il Porto. Stando a una ricostruzione di Repubblica, ci sarebbe stato un episodio bis e proprio nel corso della partita più importante di tutte: la finale di Cardiff contro il Real Madrid. Riavvolgiamo il nastro: all’intervallo le due squadre sono sul risultato di 1-1. La Juventus è partita meglio, ma alla prima occasione le Merengues hanno segnato con Cristiano Ronaldo. Poi il pareggio di Mario Mandzukic, e la speranza che torna a bussare alla porta bianconera: stai a vedere che questa è la volta buona. Si va negli spogliatoi, e si entra qui nel campo della ricostruzione: pare che Bonucci abbia consigliato ad Allegri di sostituire Andrea Barzagli con Juan Cuadrado, in modo di avere un giocatore fresco e offensivo che costringesse Marcelo a rimanere più basso, evitandogli così di far male a quel settore della difesa della Juventus. Pare che Allegri abbia risposto al difensore, gentilmente o meno, di farsi gli affari propri. Risultato: si torna in campo, i bianconeri non tengono più un pallone e nel giro di tre minuti arrivano i due gol che affossano definitivamente le speranze di alzare quella maledetta Champions League. Il cambio intimato finalmente arriva, ma quando il risultato è compromesso, e come surplus Cuadrado si fa anche espellere con la collaborazione di Sergio Ramos. L’episodio era già stato riportato e smentito da Beppe Marotta, che era presente negli spogliatoi; una prima versione però voleva come protagonista lo stesso Barzagli, e riportava che proprio il centrale toscano avrebbe risposto “fatti gli affari tuoi” a Bonucci, mentre invece Allegri era impegnato a convincere Miralem Pjanic, dolorante a un ginocchio, a rimanere in campo (anche il bosniaco sarebbe stato sostituito poco dopo il terzo gol del Real Madrid).

Sia come sia, è facile pensare qualcosa nei 15 minuti di intervallo al Millennium Cardiff è successa davvero. Che si sia trattato di screzi che abbiano deconcentrato la squadra, un mancato coinvolgimento di Allegri, un crollo psicologico nel pensare ai restanti 45 minuti e le energie esaurite, il modo in cui la Juventus è tornata in campo nella finale di Champions League è stato troppo diverso in negativo dall’approccio alla prima frazione. La sensazione che tutti hanno avuto è che la squadra bianconera sia andata in debito mentale prima ancora che fisico: la partita di Cardiff è stata persa in quel momento, quando i campioni d’Italia non solo non sono riusciti a cambiare passo dopo aver pareggiato, ma addirittura sono stati travolti dalla marea del Real Madrid. Il presunto screzio tra Allegri e Bonucci, con l’ipotetica partecipazione di Barzagli, apre poi un nuovo filone di pensieri e si inserisce nell’attuale contesto delle voci che vorrebbero il viterbese lontano dalla Juventus nella prossima stagione. Bonucci è sempre stato ritenuto incedibile dalla società, ma la tribuna punitiva di Porto (quella sì accertata e confermata nelle motivazioni) ha scavato una sorta di distanza tra le parti; se davvero in Galles, e nella partita decisiva della stagione, fosse arrivato realmente un altro episodio di contrasto tra il difensore e il suo allenatore, la cessione di Bonucci diventerebbe anche di carattere “disciplinare”, se non altro nel senso che i rapporti non sarebbero più gli stessi di un tempo. Liti e discussioni di questo tipo sono sempre capitate in tutti gli spogliatoi, e di certo non è il caso di farne un problema insormontabile ad ogni occasione; Gennaro Gattuso, per fare un esempio, dopo aver perso a Istanbul contro il Liverpool aveva deciso di lasciare il Milan, ma è rimasto altre sette stagioni e ha vinto cinque trofei in più (tra cui un’altra Champions League). Tuttavia, se davvero qualcosa c’è stata, la Juventus farà bene a studiare a fondo la situazione.

© Riproduzione Riservata.