BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MOTOGP/ Cereghini: Crutchlow è stato un leone. Le delusioni? Spies, Pedrosa e la Ducati, mentre Dovizioso... (esclusiva)

Pubblicazione:

Jorge Lorenzo, 25 anni, in sella alla sua Yamaha (INFOPHOTO)  Jorge Lorenzo, 25 anni, in sella alla sua Yamaha (INFOPHOTO)

MOTOGP, GRAN PREMIO DI SILVERSTONE, IL COMMENTO DI NICO CEREGHINI (ESCLUSIVA) - Oggi si è svolto il sesto gran premio stagionale del motomondiale 2012, in Inghilterra sul circuito di Silverstone (clicca qui per la cronaca, l'ordine di arrivo e la classifica piloti). Ha vinto la gara Jorge Lorenzo, al terzo successo consecutivo dopo le vittorie di Le Mans e in Catalogna. Lorenzo consolida il primato in classifica generale: Stoner è distante venticinque punti, Dani Pedrosa trentanove. Da Cal Crutchlow in giù il distacco si squarcia, ma proprio sul pilota britannico conviene aprire un discorso a parte. Crutchlow ha corso con la caviglia sinistra fratturata: imbottito di antidolorifici e con l'arto incriminato rigidamente bloccato, ha recuperato dall'ultimo sino al sesto posto, mettendo a repentaglio la propria integrità fisica. Giornata amara per i colori italiani: nono posto per Rossi dopo una gara anonima, mentre Dovizioso termina per ultimo una gara condizionata da una caduta e dall'influenza. Per parlare di questo gran premio di Silverstone 2012 ilsussidiario.net ha intervistato in esclusiva Enrico "Nico" Cereghini, stimato collega di SportMediaset nonchè ex pilota motociclistico. Ecco le sue impressioni:

Quella di Cal Crutchlow è la prestazione dell'anno per adesso?

Certo. Per quello che ha fatto sicuramente, caspita! Una gara magnifica, un pilota di cuore, che poi è sempre quello che si rimprovera ai piloti della MotoGP.

Cioè?

Di essere dei gran tecnici e ragionieri e poco leoni. Che poi non è così, però purtroppo la moto è tale per cui la tecnica prevale sul cuore.

Cosa ha dimostrato Crutchlow?

Che magari fa tanti errori però si batte come un leone. Sì, è stato davvero molto bravo.

Al di là dell'exploit del britanico, qual è stata la sorpresa di questo gran premio di Silverstone?

Certamente Bautista. Ormai è un pò di anni che va forte, anche in MotoGP ha fatto vedere che guida bene.

Cosa ha avuto in più oggi?

Oggi c'è stato un momento in cui pensavo che potesse anche passare Pedrosa e addirittura Stoner. Poteva andare davvero sul podio: non ce l'ha fatta, però resta una bella sorpresa.

Anche per il Team Gresini…

Sì, perchè per ora quest'anno è stato abbastanza penoso. Invece con questa bella prestazione di Bautista guadagnano un pò di ottimismo.

Bautista ha dei margini in prospettiva per arrivare a competere per le prime posizioni?

Adesso che ha preso le misure in MotoGP sarà abbastanza continuo. Lui è un ragazzo molto più quadrato della generazione degli Elias, o dei Barbera.

Cosa ha in più?



  PAG. SUCC. >